DuckTales

S01 E08 – The Living Mummies of Toth-Ra!

vlcsnap-2017-10-28-16h58m56s736

Come al solito, spoiler!

Finally, a proper adventure!

È bello vedere il cast agire in una caccia al tesoro standard, perché la singola avventura, si sa, è il vero pane di ogni buona serie d’azione. In questo caso, l’avventura è un classicissimo viaggio nel mondo delle piramidi, un po’ come nell’episodio Sphinx for the Memories di DuckTales ’87. Ma mentre la peculiarità di quell’episodio era di essere uno dei pochi della serie originale ad avere in scena Paperino, qui ironicamente Paperino è il grande assente, che lascia spazio al team “classico” di Paperone, Jet e ragazzi.

Un po’ dispiace non vedere Paperino, che sì, quando parla è ostico da capire, ma compensa il vederlo finalmente recitare in storie di un certo respiro, ed avere interazioni con la sua famiglia che prima d’ora non s’erano mai viste nell’animazione.
I personaggi apparsi nell’episodio non sono comunque male: Jet e Qua in particolare restano ottime spalle comiche, e anche i personaggi secondari lasciano un sorriso, ingenui come sono da gioire per pochi minuti di sole sopra un campo di erbacce e formare una ribellione per la semplice promessa di un burrito.

Parlando di altri dubbi scaturiti da questo episodio, forse vale la pena di riflettere sul ruolo che sta avendo Paperone. Ok, l’ordine modificato degli episodi (di cui parlo in un articolo precedente) ha costretto il papero in ghette e tuba a restare in panchina per qualche puntata, ma negli episodi in cui è apparso la sua presenza sembra sempre più debole: è stato divertente nel periodo precedente all’uscita degli episodi immaginare quanto fantastico sarebbe stato Paperone sullo schermo, in un cartone che non sottovalutasse il suo carisma, ma forse detto cartone lo sta rappresentando come… troppo perfetto? Per ora non ha visto fin troppa azione, e sul campo non dimostra particolari pecche. Paperone ama l’avventura, ha l’esperienza degli anni e resta comunque eccitato come un ragazzo, e questi lati della sua personalità sono stati catturati bene da DuckTales, ma lo show non ha invece catturato la sua caratteristica “cattiveria”, che lo completa ed è quello che da sempre lo rende un personaggio umano ed amato, e, sempre per il momento, non sembra intenzionato ad offrirci un’altra caratteristica che rimpiazzi tale “buco”. Il risultato è che quello che dovrebbe essere il più duro dei duri somiglia di più ad un mentore o ad una specie di figura mitica, più Dottore di Dr. Who che Paperone, e va detto che la scelta di doppiatore non aiuta certo questa sensazione.

vlcsnap-2017-10-28-17h00m34s373

Discutine sul forum