Cold Storage

La Cicogna di Jack Kinney

È nel 1951 che la serie di Pluto giunge al suo capolinea. Si tratta solo del primo caso, ma il processo è ormai inarrestabile: nel corso del decennio tutti i principali personaggi Disney vedranno concludersi una dopo l'altra le loro carriere. Con l'arrivo della televisione il panorama sta cambiando per sempre, e saranno proprio i cortometraggi a farne le spese. In quest'ultima annata di produzione escono solo tre short con protagonista il cucciolone. Il primo, Cold Storage, presenta una curiosa eccezione, rispetto allo standard della serie. A dirigerlo troviamo infatti non il solito Charles Nichols, bensì Jack Kinney, che si occupa normalmente di portare avanti la serie di Pippo, con risultati brillanti. Ritroviamo Pluto alle prese con una delle sue scaramucce da cortile, solo che questa volta l'avversario non è uno dei soliti personaggi ricorrenti, come il coyote Bent-Tail o il gatto Milton, bensì una cicogna destinata ad un singolo utilizzo. L'oggetto del contendere invece è la cuccia di Pluto, che entrambi vedono come il loro unico possibile rifugio dal rigido clima invernale.

Pluto è Pazzo

Il corto è caratterizzato da una particolare atmosfera che rende benissimo l'idea di un ambiente freddo, come dimostra la pittoresca introduzione in cui vediamo la cicogna nel suo habitat, un pittoresco scenario lacustre. A rimanere maggiormente impresso è però l'umorismo utilizzato, sicuramente atipico per gli standard della serie. Non ci si limita infatti al semplice slapstick, ma il tutto viene filtrato attraverso le reazioni emotive di Pluto. Il cane non realizzerà immediatamente di aver a che fare con una cicogna, ma vedrà spuntare dalla cuccia solo alcune parti dell'animale come il becco o le zampe, rimanendone atterrito. Il culmine si raggiunge quando, vedendo la casetta spostarsi e camminare, Pluto crederà di essere pazzo, sfoggiando un repertorio di espressioni allucinate ed estreme. Questo differente approccio al personaggio, decisamente sopra le righe, con tutta probabilità si deve proprio alla presenza di Kinney, che in quello stesso periodo ha iniziato a giocare con la caratterizzazione di Pippo, calandolo nel ruolo di George Geef, uomo medio alle prese con il logorio della vita moderna. Cold Storage in definitiva è un cortometraggio molto godibile e ben ritmato, degno di inaugurare la fase finale della serie.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di fumetto e animazione disneyana. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, spazio web incentrato sulle arti mediatiche, all’interno del quale scriverà recensioni per molti anni. Nel 2011 inizia la sua collaborazione con Disney, che lo porterà a scrivere per Topolino e Paperinik Appgrade, oltre che a realizzare la Topopedia, l’enciclopedia online dei personaggi Disney.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: Cold Storage
  • Anno: 1951
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Jack Kinney
  • Storia: ,
  • Musica: Joseph S. Dubin
  • Animazione: George Kreisl, George Nicholas, Charles Nichols

Credits

Nome Ruolo
Walt Disney Produttore
Joseph S. Dubin Musica
Dick Kinney Storia
Jack Kinney Regista
George Kreisl Animazione
Art Landy Fondali
George Nicholas Animazione
Charles Nichols Animazione
George Rowley Effetti d'Animazione
Milt Shaffer Storia
Al Zinnen Layout