Just Mickey

Il Tradimento di Ub

Negli ultimi mesi agli studios il clima stava cambiando. Il rapporto di amicizia che c'era sin dagli albori tra Walt Disney e Ub Iwerks si stava lentamente sfaldando. I due avevano infatti alcune divergenze d'opinione, dovute ai loro diversi temperamenti. Come si è visto in occasione della polemica sul pose to pose, Walt stava diventando un imprenditore con una visione d'insieme molto salda, mentre l'approccio di Ub era ancora quello dell'artista a tutto tondo, disposto a sobbarcarsi grossi carichi di lavoro pur di esprimersi nel migliore dei modi. La rottura definitiva tra i due la causò però Pat Powers, il distributore di Disney, che era intenzionato a fare terra bruciata intorno a Walt per indebolirlo e costringerlo ad accettare condizioni di lavoro penalizzanti. Powers convinse Ub che l'unico motivo del successo di Walt era lui, e lo spinse quindi a mettersi in proprio, aprendo uno studio a suo nome. Powers non aveva ovviamente alcuna intenzione di supportarlo veramente e dopo pochi anni gli ritirò l'appoggio economico, lasciando lo studio di Ub a fallire miseramente. Walt fiutò l'inganno e cambiò presto distributore, ma il voltafaccia di Ub, che per giunta si accompagnò a quello di Carl Stalling, lo segnò profondamente. Nel 1940 Iwerks tornò agli studios, lavorando in qualità di esperto di effetti speciali, ma la frattura con Walt non si ricompose mai completamente e il rapporto tra i due non tornò più quello di un tempo.

Solo un Violino

Il contemporaneo abbandono di Iwerks e Stalling creò un forte scossone agli studios e questo non poté non riflettersi sulla produzione di quei mesi. Questo potrebbe spiegare la natura bizzarra di Just Mickey, un cortometraggio che, come dice il titolo, ci mostra solo ed esclusivamente Topolino, nell'atto di suonare un violino. L'intero cortometraggio si svolge dunque in un unico tempo, luogo e situazione, e si struttura in tre brevi sequenze nelle quali Topolino suona alcuni brani di musica classica. Vengono presentati, nell'ordine: Morning, Noon and Night in Vienna di Franz von Suppé, la Danza Ungherese n. 5 di Brahms, Traumerei dalla raccolta Kinderszenen op.15 di Schumann e l'Ouverture del Guglielmo Tell di Rossini. Fra i cortometraggi del periodo è sicuramente il più monotono, anche se fortunatamente qualche guizzo c'è, e riguarda le comicissime espressioni che Topolino, spesso in primo piano, assume a seconda del brano suonato. Just Mickey rientra quindi nella categoria dei corti incentrati sugli spettacolini, ma non ne replica la varietà, somigliando piuttosto ad un semplice esercizio di stile per gli animatori, chiamati a far trasparire le emozioni del suonatore. Degna di nota è l'invadente e beffarda risata che in un paio di occasioni disturberà Topolino durante l'esibizione.

La locandina del corto riportava il titolo Fiddling Around, diversamente da ciò che troviamo invece sulla title card, perché è con questo titolo che in origine venne depositato il copyright. Va inoltre segnalato che a partire da Just Mickey i credits vengono modificati, cambiando la title card e segnando l'inizio della distribuzione da parte della Columbia.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di arti mediatiche, con un occhio di riguardo per il fumetto e l'animazione disneyana. Per hobby scrive recensioni, disegna e sceneggia. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, piattaforma web per la quale darà vita a diverse iniziative, fra cui l'enciclopedico The Disney Compendium e Il Fumettazzo, curioso esperimento di critica a fumetti. Dal 2011 collabora inoltre anche con Disney: scrive articoli per Topolino e Paperinik, e realizza progetti come la Topopedia e I Love Paperopoli.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: Just Mickey
  • Anno: 1930
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Walt Disney

Credits

Nome Ruolo
Walt Disney Produttore; Regista