Lucky Number

I Nipotini Adolescenti

Lucky Number è un corto molto particolare perché riporta in scena i nipotini in una versione inedita. Qui, Quo e Qua ci appaiono infatti leggermente più grandi rispetto alle loro precedenti apparizioni. Il loro design e status sociale presentano alcune fondamentali differenze: adesso hanno le sopracciglia, un abbigliamento meno infantile e più in linea con lo stile giovanile anni 50, e soprattutto li vediamo guidare senza alcun problema l'auto. Non è chiaro se questa diversità sia da imputare ad un tentativo fallito di evolvere questi personaggi, portandoli nell'adolescenza, oppure se si tratti di un cambiamento puramente funzionale alla trama del corto, fatto sta che nelle loro successive apparizioni i tre paperotti torneranno alla normalità. Lucky Number è peculiare anche per il suo avere una storia maggiormente strutturata rispetto alla media del periodo. Il setting è una stazione di servizio gestita da Paperino, nella cui officina gironzolano i nipotini, intenti a costruire una propria auto da corsa.

Sorpresa Fraintesa

I paperotti decidono di fare una sorpresa allo zio, ignaro di aver vinto una lussuosa automobile alla lotteria, ma i loro nobili tentativi di agire per il suo bene verranno regolarmente fraintesi dal papero, che cercherà in ogni modo di boicottarli. Le gag sono come sempre divertentissime, e tra queste si ricorda molto volentieri la scena della seduzione, analoga a quella di Straight Shooters (1947), in cui un nipotino si traveste da donna per scroccare allo zio la benzina necessaria ad andare a ritirargli il premio. Il comportamento di Paperino appare però fin troppo gratuito e sopra le righe, e il modo in cui alla fine va inconsapevolmente incontro alla rovina, distruggendo la sua auto nuova per dispetto, risulta a dir poco forzato ed eccessivo. L'idea dei nipotini in versione adolescente sarebbe stata accantonata nei corti classici, ma ripresa alla fine degli anni novanta dagli artisti della Disney Television. Nella serie tv Quack Pack (1996) infatti, vedremo il terzetto subire un corposo aggiornamento, che li renderà graficamente e caratterialmente diversissimi dalle versioni ancor'oggi in uso nei fumetti.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di arti mediatiche, con un occhio di riguardo per il fumetto e l'animazione disneyana. Per hobby scrive recensioni, disegna e sceneggia. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, piattaforma web per la quale darà vita a diverse iniziative, fra cui l'enciclopedico The Disney Compendium e Il Fumettazzo, curioso esperimento di critica a fumetti. Dal 2011 collabora inoltre anche con Disney: scrive articoli per Topolino e Paperinik, e realizza progetti come la Topopedia e I Love Paperopoli.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: Lucky Number
  • Anno: 1951
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Jack Hannah
  • Storia:
  • Musica: Paul Smith
  • Animazione: Bob Carlson, Volus Jones, Bill Justice, George Kreisl

Credits

Nome Ruolo
Bill Berg Storia
Bob Carlson Animazione
Walt Disney Produttore
Blaine Gibson Effetti d'Animazione
Yale Gracey Layout
Jack Hannah Regista
Volus Jones Animazione
Bill Justice Animazione
George Kreisl Animazione
Paul Smith Musica
Thelma Witmer Fondali