"Mamma"... Pluto

La Seconda Silly Symphony di Pluto

Il personaggio di Pluto alla fine degli anni 30 è ormai una stella di prima grandezza, capace di oscurare quella del suo stesso padrone. Il pubblico lo adora, e gli animatori lo utilizzano sempre di più rendendolo protagonista di un'infinità di situazioni all'interno dei cortometraggi di Topolino. In alcuni casi il cucciolone diventa addirittura il protagonista delle vicende, realizzando pellicole interessantissime quali Pluto's Judgement Day (1935) e Playful Pluto (1934). In quest'ultimo cortometraggio l'animatore Norman Ferguson ha portato ad un livello superiore la recitazione del cane di Topolino, realizzando la sequenza della carta moschicida, divenuta fonte di ispirazione per molti animatori dello studio. È giunta l'ora di farlo agire autonomamente da Topolino, ma questo non avviene subito perché il contratto con la United Artist prevede per il momento la sola distribuzione delle pellicole a marchio Mickey Mouse e Silly Symphony. In quello stesso 1936 era stata trovata una scappatoia registrando come Mickey Mouse Cartoon un cortometraggio in cui Topolino era in realtà assente, Donald and Pluto, e in cui a giocare un ruolo chiave trovavamo ancora una volta il cucciolone. La cosa si ripete con Mother Pluto, in cui le gesta del cane di Topolino vengono questa volta ascritte alla serie delle Silly Symphony. La stessa cosa era accaduta nel 1932 in Just Dogs, in cui il simpatico cagnolone agiva insieme ad un cuccioletto, facendosi rubare la scena da lui. L'anno successivo questi escamotage sarebbero giunti al termine e con Pluto's Quinpuplets anche il cucciolone sarebbe divenuto finalmente titolare di una serie personale.

Suscitare Tenerezza

Mother Pluto dimostra come l'approccio musicale tipico delle Silly Symphony si riveli particolarmente adatto per una vicenda legata al tenero cucciolone. Sebbene l'umorismo sviluppato da Norman Ferguson e basato sulle gag fisiche e la pantomima in genere tenda a rallentare l'azione, qui viene mantenuto un buon ritmo grazie al commento musicale, che delimita il tutto in un quadretto campestre davvero prezioso. La semplice vicenda vede Pluto trovare nella sua cuccia una nidiata di pulcini, e affezionarsi a loro. Fin qui il cortometraggio non presenta situazioni troppo originali, ma tutto cambia quando il gallo e la gallina vengono a chiedere la restituzione dei piccoli, strappandoli a Pluto dopo una furibonda lotta. Benché il lieto fine sia dietro l'angolo e Pluto riesca nella conclusione a ritrovare i piccoli, i momenti immediatamente precedenti riescono a trasmettere allo spettatore un forte senso di pena. Mother Pluto è capace a distanza di anni di stabilire un collegamento emotivo tra il pubblico e il quattrozampe protagonista, il tutto grazie ad una storia semplice ma efficace e ad una musica particolarmente azzeccata. Il cortometraggio sarebbe stato adattato in dieci tavole domenicali nell'ambito della serie a fumetti delle Silly Symphony, un ciclo pubblicato però soltanto nel 1938, due anni dopo l'uscita nelle sale. Pluto non avrebbe però abbandonato tanto presto le Silly Symphony a fumetti e sarebbe infatti tornato in seguito, nel ciclo di tavole autoconclusive Pluto the Pup, protrattosi dal 1939 al 1940.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di arti mediatiche, con un occhio di riguardo per il fumetto e l'animazione disneyana. Per hobby scrive recensioni, disegna e sceneggia. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, piattaforma web per la quale darà vita a diverse iniziative, fra cui l'enciclopedico The Disney Compendium e Il Fumettazzo, curioso esperimento di critica a fumetti. Dal 2011 collabora inoltre anche con Disney: scrive articoli per Topolino e Paperinik, e realizza progetti come la Topopedia e I Love Paperopoli.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: Mother Pluto
  • Anno: 1936
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Wilfred Jackson
  • Storia:
  • Cast: Florence Gill, Lee Millar
  • Musica: Leigh Harline
  • Animazione: Johnny Cannon, Norman Ferguson, Clyde Geronimi, Izzy Klein, Bill Roberts, Archie Robin, Marvin Woodward

Credits

Nome Ruolo
Johnny Cannon Animazione
Walt Disney Produttore
Norman Ferguson Animazione
Clyde Geronimi Animazione
Florence Gill Cast (Hen)
Leigh Harline Musica
Earl Hurd Storia
Wilfred Jackson Regista
Izzy Klein Animazione
Lee Millar Cast (Pluto)
Bill Roberts Animazione
Archie Robin Animazione
Marvin Woodward Animazione