Out of Scale

La Passione di Walt

Se in Test Pilot Donald avevamo avuto un assaggio di quell'amore verso il modellismo tanto caro a Walt, in Out of Scale questa sua passione trova la sua definitiva celebrazione. Nella seconda fase della sua carriera artistica infatti, Disney sentì un fortissimo richiamo verso tutto ciò che si poteva costruire. Fu naturale per Walt quindi interessarsi al mondo del modellismo e imparare i principi basilari di quest'arte, al punto che lui stesso si cimentò nella costruzione di alcuni diorami. Andare oltre il disegno e portare nella realtà i frutti della sua mente visionaria era del resto il medesimo principio alla base di Disneyland. Parte importante di questo suo interesse furono senza dubbio i treni. In So Dear to My Heart (1949) vediamo il piccolo protagonista attendere con ansia il passaggio del treno vicino al suo villaggio, considerandolo l'evento della giornata. Quel film raccontava indirettamente l'infanzia dello stesso Walt, vissuta in una fattoria nei pressi di Marceline nel Missouri, e fu del tutto normale dunque che questa fascinazione rimanesse ben radicata in lui anche nell'età adulta.

Un Treno in Miniatura

È ben noto l'aneddoto secondo cui Walt si era fatto costruire un trenino all'interno del suo studio, e amava moltissimo utilizzare quel mezzo per spostarsi all'interno degli uffici. Questa bizzarra passione era addirittura condivisa da un altro suo grandissimo collaboratore, il bravissimo animatore Ward Kimball. Non stupisce quindi ritrovare Paperino alle prese con quest'hobby in Out of Scale, in cui lo vediamo alla guida di una versione in miniatura del treno di Casey Jones, visto in The Brave Engineer (1950). Il papero si muove infatti all'interno di un plastico, costruito con una precisione certosina nella quale oltre al treno è presente una cittadina vera e propria. Si può dire che il corto costituisca uno dei migliori utilizzi di Cip e Ciop fino a quel momento: la contesa con i chipmunk si innesca perché Donald toglie di mezzo il loro albero, colpevole di essere “fuori scala” all'interno del suo piccolo universo. I due si rifugiano quindi in una delle casette di Paperino, per dare inizio ad una tenerissima convivenza “in borghese” in cui li vedremo assumere i tipici atteggiamenti di una famigliola.

Scoiattoli in Borghese

L'intera sequenza è ovviamente una voluta esagerazione, dal momento che Cip e Ciop trovano all'interno della casetta libri, alimenti e tutto il necessario per condurre una vita normale. La cosa più interessante è che a questo punto l'ostilità con Paperino viene meno e i due chipmunk diventano quindi parte della sua pittoresca fantasia, in una sorta di tenero gioco di ruolo. Pur mostrandosi premuroso nei confronti di Cip e Ciop, Paperino non resisterà a giocare loro qualche innocuo scherzetto, tuttavia gli esiti questa volta non saranno negativi. Le due parti troveranno infatti un punto d'accordo: l'albero dei chipmunk rimarrà infatti all'interno del plastico di Paperino, facendo finta che si tratti di una sequoia gigante. Pur appartenendo ad un filone assai collaudato, Out of Scale è un cortometraggio raffinato e pieno di spunti intelligenti, che ancora una volta dimostra il grandissimo potenziale di Cip e Ciop. Una tematica molto simile verrà affrontata da Paul Rudish nel finale del cortometraggio Tokyo Go (2013) prodotto dalla Disney Television, in cui la passione di Walt per i treni verrà ancora una volta celebrata.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di arti mediatiche, con un occhio di riguardo per il fumetto e l'animazione disneyana. Per hobby scrive recensioni, disegna e sceneggia. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, piattaforma web per la quale darà vita a diverse iniziative, fra cui l'enciclopedico The Disney Compendium e Il Fumettazzo, curioso esperimento di critica a fumetti. Dal 2011 collabora inoltre anche con Disney: scrive articoli per Topolino e Paperinik, e realizza progetti come la Topopedia e I Love Paperopoli.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: Out of Scale
  • Anno: 1951
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Jack Hannah
  • Storia:
  • Musica: Paul Smith
  • Animazione: Bob Carlson, Volus Jones, Bill Justice, George Kreisl

Credits

Nome Ruolo
Bill Berg Storia
Bob Carlson Animazione
Walt Disney Produttore
Yale Gracey Layout
Jack Hannah Regista
Volus Jones Animazione
Bill Justice Animazione
George Kreisl Animazione
Art Riley Fondali
Paul Smith Musica