Il Piccolo Brigante

Sulla Cattiva Strada

Dopo The Flying Mouse (1934) le Silly Symphony tornano a proporre una favola completamente originale. Secondo alcune fonti The Robber Kitten sarebbe un liberissimo adattamento della fiaba del Gatto con gli Stivali, ma tra le due vicende non esiste alcuna reale correlazione. Col passare del tempo gli animatori Disney stanno iniziando a concepire le Silly Symphony non più come una serie strettamente incentrata sulla musica, ma come un contenitore a schema libero: in The Robber Kitten, come già avvenuto in The Golden Touch, i dialoghi tra personaggi non sono in rima, né pronunciati con cadenza ritmica. La loro funzione è strettamente narrativa. Ancora una volta ci troviamo in un mondo di animali antropomorfi, cavallo di battaglia degli animatori, collocato però in uno scenario vagamente seicentesco, come dimostrano gli abiti del piccolo protagonista. Il tema è senza dubbio singolare: è la storia di un giovane gattino, Ambrose, il cui più grande sogno... è diventare un brigante. Fin dall'inizio lo vediamo intento a giocare con i suoi giocattoli, derubandoli e impallinandoli con le sue finte pistole, senza rendersi effettivamente conto del reale significato delle sue azioni. The Robber Kitten è un delizioso racconto di formazione: Ambrose infatti fuggirà di casa, desideroso di darsi al crimine, fino a che non toccherà con mano questa realtà, imbattendosi nel fuorilegge Dirty Bill.

Dirty Bill

L'intera seconda metà del cortometraggio è incentrata sul rapporto che si instaura tra il piccolo e il suo mentore. Questo brigante dalle sembianze di un mastino inizialmente lo accoglierà bene, giocando e scherzando con lui. I due, seduti su un tronco, addirittura canteranno la canzone di presentazione del vecchio fuorilegge, Dirty Bill, per poi passare a raccontarsi le proprie imprese. Da sottolineare che il raccontino fittizio inscenato in quel frangente da Ambrose lo vede rapinare una carrozza in cui sono presenti esseri umani, anziché gli animali antropomorfi che ci si aspetterebbe. A render memorabile The Robber Kitten, oltre al tema e alla sua insolita struttura, è anche il modo in cui gli animatori sono riusciti a rendere l'improvviso cambio di atteggiamento di Bill: prima di cominciare a prenderlo sul serio, il mastino era stato amabile col ragazzo, ma dopo aver creduto al racconto di Ambrose ed essersi convinto che il gattino dispone di una cospicua somma di denaro, i giochi si concludono e Bill mostra il suo vero spaventoso volto. Ennesimo esempio di arguta caratterizzazione dei personaggi, The Robber Kitten sarebbe stato selezionato per diventare il sesto ciclo di tavole domenicali delle Silly Symphony cartacee. L'adattamento di Ted Osborne e Al Taliaferro sarebbe durato nove settimane, concludendosi in concomitanza con l'uscita nelle sale dello short, rispetto al quale avrebbe avuto una trama più estesa e articolata, rimanendogli tuttavia fedele nello spirito.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di arti mediatiche, con un occhio di riguardo per il fumetto e l'animazione disneyana. Per hobby scrive recensioni, disegna e sceneggia. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, piattaforma web per la quale darà vita a diverse iniziative, fra cui l'enciclopedico The Disney Compendium e Il Fumettazzo, curioso esperimento di critica a fumetti. Dal 2011 collabora inoltre anche con Disney: scrive articoli per Topolino e Paperinik, e realizza progetti come la Topopedia e I Love Paperopoli.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: The Robber Kitten
  • Anno: 1935
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Dave Hand
  • Storia:
  • Cast: Billy Bletcher, Clarence Nash
  • Musica: Frank Churchill
  • Animazione: Hardie Gramatky, Ham Luske, Bill Roberts, Bob Wickersham, Marvin Woodward

Credits

Nome Ruolo
Billy Bletcher Cast (Dirty Bill)
Frank Churchill Canzoni (Dirty Bill); Musica
Bill Cottrell Storia
Walt Disney Produttore
Hardie Gramatky Animazione
Dave Hand Regista
Ham Luske Animazione
Clarence Nash Cast (Horse Whinny, Tarzan Yell)
Bill Roberts Animazione
Bob Wickersham Animazione
Marvin Woodward Animazione