Home The Disney Compendium il Fumettazzo

L'uomo ragno sulla Gazzetta e il Corriere

Butta via l'inutilità!

L'uomo ragno sulla Gazzetta e il Corriere

Messaggioda Fergus DePaperoni » lunedì 07 maggio 2007, 18:14

Immagine Immagine
SPIDER-MAN : L'ARRIVO DI VENOM
Intanto, c'è da dire che io mai mi sarei aspettato nel 2007 un'edizione con le storie originali della serie datate 1988 da "Amazing Spider-Man", invece delle ben meno famose dal punto di vista qualitativo, ma indubbiamente più famose dal punto di vista del marketing e della pubblicità storie della serie "Ultimate Spider-Man" datate 2001. La differenza di livello fra la prima e la seconda serie è - per quello che posso aver letto io - abissale per molti motivi. Fra questi ci possono essere la diversa maniera di scrivere le storie rispettivamente di David Micheline, sceneggiatore di tutte le storie del volume riguardanti Venom, e Brian Michael Bendis, il creatore del corrispettivo Ultimate di Venom, completamente diverso dall'originale e assai meno affascinante a causa del minor numero di spunti che si possono creare, anche se risulta più matura per l'impegno che si da, venendo però a scapito della cronologia dei fatti originariamente proposti. Difatti la genesi di Venom, e del corrispettivo Ultimate, differenziano non tanto nella nascita consecutiva all'unione col povero Eddy Brock, ma tanto nel modo in cui nasce il famoso costume nero di Spider-Man.
Il costume originariamente era una riserva data all'arrampicamuri in sostituzione di quello vecchio durante le "Guerre segrete" dei supereroi in cui era coinvolto direttamente. Dopo la fine di queste guerre - che vedevano protagonisti anche altri famosi supereroi Marvel quali Capitan America, Hulk, I fantastici quattro e altri che non sto quì a elencare... - l'uomo ragno fa ritorno a casa col suo nuovo costume nero, decisamente più tetro e oscuro, che si mostra però come un amico del supereroe, rispondendo immediatamente a qualsiasi comando mentale di Peter, anche se quest'ultimo rimane, nel suo comportamento, in qualche modo "corrotto" a seguito dell'unione con questa nuova sostanza che si scopre essere un essere vivente a sè stante appartenente a una razza di parassiti che si trovano un "ospite" da occupare per poi succhiare lui qualsiasi energia vitale. Il simbionte in questione invece non cercava di prosciugare i suoi ospiti, ma di instaurare un patto che vedeva dalla parte del simbionte il risucchio solo delle energie indispensabili, mentre dalla parte dell'ospite l'uso delle sue straordinarie capacità. L'idea non piacque alla sua comunità e venne esiliato, fino a che non venne in contatto con Parker, che una volta venuto a conocenza di questa realtà, decide di liberarsene.
Molto diversa invece la versione di Bendis, dove i rispettivi padri di Brock e Parker tentano di trovare una cura per il cancro con degli esperimenti, ma questi vengono interrotti a metà dell'opera. Peter verrà poi in contatto con il composto che avrebbe costituito la cura contro la malattia, divenendo quindi l'ospite. E tanti saluti alle guerre segrete.
Ancora più diversa è la versione del film nelle sale in questi giorni, dove il simbionte entra in contatto con Peter in seguito all'arrivo di un meteorite sulla terra.
Comunque il resto dello svolgimento è pressochè uguale in tutti i contesti. Dopo aver deciso di liberarsene il tessiragnatele si reca in una chiesa, il cui suono della campana scaccia l'alieno che entra in contatto per la prima volta - dopo aver laciato Spider-Man - con Eddy Brock, un povero giornalista sbugiardato da Spidey su un'inchiesta su un serial Killer, che per questo motivo odia il super eroe. C'è da dire però un'altra cosa. Il simbionte è una creatura elementare che può provare solo poche emozioni quali l'amore e l'odio. Come quando si trovava con l'eroe per lui nutriva l'amore più incondizionato, ora che si vede respinto prova l'odio più totale, senza le tante mezze misure a cui siamo abituati noi. Dall'unione fra il simbionte, creatura che odia Spider-Man, e Eddy Brock, persona che prova altrettanto per egli, nasce Venom, una creatura in tutto e per tutto uguale a Spidey, se non per il colore del costume, la massa muscolare e il sorriso, mancante nel costume dell'eroe.
Il personaggio di Venom è veramente affascinante, perchè nella sua visione distorta e malata della realtà, si reputa l'unico giustiziere, colui che difende gli innocenti e che manda "al rogo" tutti coloro che ritiene colpevoli di qualsiasi cosa lui pensa sia sbagliata. In fin dei conti io lo definirei un "buono", perchè - dato il suo modo di ragionare - vuole rendersi utile alla società, senza prendere in considerazione la varie sfumature dei processi giudiziari, dove un colpevole prende una punizione diversa a seconda del danno recato. Per lui anche questa è una cosa cattiva. Lui trova differenza solo nel bianco e nel nero guardando una persona. Innocenza o colpevolezza, non ci sono vie di mezzo. Se una persona è innocente merita la vita, altrimenti va incontro a morte certa. Chiunque si metta sulla sua strada - anche se si tratta di un poliziotto - è colpevole perchè lo sta ostacolando nella sua lotta contro l'ingiustizia. Un'altra caratteristica di Venom è la non-comprensione del fatto se sia il simbionte a comandare Eddy o viceversa. Molto probabilmente si tratta di "scambi equi di pensieri". Quando si parla del suo valore di giustizia e di lealtà, probabilmente di parta di Brock, poichè egli stesso si sente una vittima del comportamento di Spiderman. Invece lo scambio netto di amore e odio sono proprio del simbionte, come esposto a pagina 144.
In sostanza siamo di fronte veramente a un volume veramente ottimo, che consiglio a tutti soprattutto per lo stile dello sceneggiatore, che con un abile uso delle didascalie da la sua importanza anche a tutti coloro che fanno una semplice comparsa mostrando cosa ne sarà di loro in seguito agli avvenimenti in cui sono invischiati. In sostanza, questo volume ha l'unico difetto di costare 8,99 € che comunque li vale tutti, soprattutto per un personaggio come Venom.
"... In fondo basta poco per fare felice qualcuno...come la simpatica Nocciola, che crede di volare su una scopa!" - Luciano Bottaro
Avatar utente
Fergus DePaperoni
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 151
Iscritto il: giovedì 24 agosto 2006, 19:15
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Messaggioda Valerio » lunedì 07 maggio 2007, 18:17

Stiamo usando un altro topic per l'iniziativa. capincolla là e cancella qua.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10351
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Fergus DePaperoni » lunedì 07 maggio 2007, 18:39

Ops, pardon. Ci pensi tu a eliminare il topic dato che io non so come fare?
"... In fondo basta poco per fare felice qualcuno...come la simpatica Nocciola, che crede di volare su una scopa!" - Luciano Bottaro
Avatar utente
Fergus DePaperoni
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 151
Iscritto il: giovedì 24 agosto 2006, 19:15
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time


Torna a Pattumiera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy