Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[WDAS #30] La Bella e la Bestia

E' lo studio d'animazione più antico ma anche il più vitale. Tutto comincia da qui, e continua ancora oggi portando l'arte dell'animazione verso nuove frontiere. La mancanza di un nome riconoscibile ha portato per anni il grande pubblico a confonderne le opere con quelle delle altre filiali Disney, ma adesso tutto è cambiato. Benvenuti nel Canone Disney.

[WDAS #30] La Bella e la Bestia

Messaggioda Valerio » venerdì 23 dicembre 2005, 16:35

Immagine Immagine
Chiusa la parentesi Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri, si ritorna alle fiabe classiche. La Bella e la Bestia prosegue infatti il progetto di rinascita iniziato con La Sirenetta, raccontando una cupa storia d'amore ambientata in un castello incantato in cui tutti gli abitanti sono stati trasformati in oggetti. La sfida era quella di riuscire a conferire un'atmosfera festosa ad un contesto tanto claustrofobico e inquietante. L'obiettivo viene felicemente raggiunto facendo coincidere l'elemento magico (e potenzialmente pauroso) con quello umoristico, dando così' vita a importanti comprimari come Lumière e Tockins, la cui popolarità li porterà poi ad essere raffigurati nel merchandising sempre e solo in versione oggetti.
Uno dei più grandi successi della storia degli studios, La Bella e la Bestia evolve ulteriormente gli ingredienti che avevano decretato il successo della Sirenetta, sfruttando i progressi tecnici già sperimentati con Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri, l'anno prima. E' una Disney che diventa adulta, non solo concettualmente ma anche tecnicamente. Infatti, a dispetto di alcune animazioni piuttosto rudimentali che riguardano i personaggi di contorno, il comparto grafico risulta assai migliorato rispetto ai film del periodo Xerox: le animazioni virtuose della Bestia di Glen Keane o quelle del Gastòn di Andreas Deja si accompagnano alle colorazioni computerizzate, conferendo all'insieme un appeal che sarà poi la firma dell'animazione Disney di quel decennio. Il film presenta inoltre uno tra i primi e migliori esempi di compenetrazione tra animazione tradizionale e computer grafica nella scena del ballo in cui i personaggi si muovono all'interno di un set tridimensionale mentre una Mrs Brick con la voce di Angela Lansbury canta Beauty and the Beast, il romantico tema principale.
La colonna sonora di Alan Menken e del compianto Howard Ashman a cui viene fatta una dedica al termine dei titoli di coda, ha ancora una volta uno stile teatrale: Belle e Gaston servono ad introdurre i due rispettivi personaggi, e un'impronta da musical di Broadway viene conferita anche a Something There ed a The Mob Song. Be our Guest poi è uno spettacolino vero e proprio, mentre il sovracitato tema principale fa della gestione degli spazi scenici la sua principale virtù. Non è un caso quindi se una canzone a suo tempo scartata ed inserita poi nel musical di Broadway ispirato al film, sia stata reintegrata e animata in occasione dell'edizione Platinum del dvd, senza apparire troppo fuori posto: si tratta dell'ottima Human Again che collega Something There a Beauty and the Beast in un terzetto di canzoni che si succedono senza soluzione di continuità. L'integrazione del pezzo è buona anche se la qualità dell'animazione in alcuni punti scade (vedi espressioni di Tockins), per poi riprendersi alla grande nella poetica scena in cui Belle insegna a leggere alla Bestia, disegnata tanto bene da far quasi sfigurare le apparizioni "originali" della coppia. Il pezzo ha poi il pregio di stemperare la tensione mostrando per la prima volta il castello sotto un'ottica nuova, quella degli oggetti, e sia la storia che le atmosfere, prima opprimenti e adesso più ariose, ne hanno giovato. Human Again ha inaugurato la tendenza della Disney a editare i propri maggiori successi aggiungendo qualcosa di nuovo, la stessa cosa che sarebbe avvenuta poi col Re Leone e Pocahontas.
La Bella e la Bestia, primo film diretto dalla coppia Gary Trousdale e Kirk Wise, che avrebbero in seguito firmato anche Il Gobbo di Notre Dame e Atlantis, fu, dopo La Sirenetta, un'importante riconferma per una Disney avviata verso uno dei periodo più rosei della sua storia. Non c'è da stupirsi quindi che dopo uno spettacolo teatrale, una ridistribuzione Imax e un'edizione estesa, sia stata nuovamente scelta questa pellicola per sperimentare per la prima volta il Disney Digital 3D su un lungometraggio in animazione tradizionale.
Ultima modifica di Valerio il lunedì 30 gennaio 2006, 04:38, modificato 4 volte in totale.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10361
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Quackmore » venerdì 23 dicembre 2005, 18:58

Uno dei miei film preferiti, non aggiungo altro!
A presto,
Michele
Avatar utente
Quackmore
Witcher
Witcher
 
Messaggi: 341
Iscritto il: sabato 03 dicembre 2005, 15:46
Has thanked: 3 times
Been thanked: 0 time

Messaggioda Francesco F » venerdì 23 dicembre 2005, 21:42

L'ho appena rivisto non so per quale motivo... non è che avessi voglia, però, boh... insomma l'ho rivisto.
Forse perchè ultimamente l'avevo un po' screditato... insomma, questa storia d'amore, questa favola intrisa di buonismo, queste canzoncine di Alan Menken, che diciamola tutta... sono appunto canzoncine. Questo sono arrivato a pensare de "La Bella e la Bestia". Poi l'ho rivisto.

Ho rivisto come una volta in Disney si sapeva scrivere una sceneggiatura, si sapeva creare un intreccio fatto di "momenti", che se ben definiti diventano memorabili; momenti che negli ultimi disney2D non ci sono. Ho rivisto (e risentito) che le canzoncine di Alan Menken sono "canzoncine" solo per i poveri ignoranti, per chi è insensibile alla Magia Disney (che è ben lontana sia dal buonismo educativo per bambini che dal "politically correct" delle commediole hollywoodiane... è un po' come il Delirio :D) e che diventano un contesto ottimo (e ti fa scordare quanto siano patetici i testi italiani)

Insomma, è ottimo. Animazione e sceneggiatura a livelli superbi, pelle d'oca powered by Menken, ma non solo (ed è raro, quando a farti venire la pelle d'oca non è solo l'arrangiamento sinfonico).

E mi piace ricordare che questo è stato l'unico film che, da bambino, mi ha fatto piangere. Sul finale, quando cade l'ultimo petalo. Adesso mi fa soltanto rizzare i peli sulle braccia e pure in testa :P Le lacrime le lascio ad altri film (uno solo, in realtà, in epoca post-adolescenziale... Schindler's list, anche lì il finale... cos'è quest'usanza di concentrare tutta la carica emotiva sul finale? :P ah, è genialità...)
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda Valerio » venerdì 23 dicembre 2005, 21:55

M-ma tu non hai mica visto Human Again, vero?
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10361
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Francesco F » venerdì 23 dicembre 2005, 22:00

sure i have!

io ho la Deluxe Edition, mica cotica :P ovvero, l'unico cofanetto dei platinum disney degno di essere chiamato con questo nome
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda Valerio » venerdì 23 dicembre 2005, 22:08

C'è anche Biancaneve. profano. che è il lusso fatto dvd.
Cmq dal re leone (chissà perchè :roll: ) in poi fu il calo. Fino ad arrivare alla monodisco.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10361
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Francesco F » venerdì 23 dicembre 2005, 22:18

ci sono rimasto di merda quando ho tolto il cellophan... anche se si intuiva già vedendolo da fuori... hai voglia a rovistare per cercare un'edizione più di lusso ;_;
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda DeborohWalker » lunedì 11 settembre 2006, 08:57

Da piccolo ero un accanito lettore di qualunque cosa mi capitasse sotto mano, e trascorrevo intere giornate in biblioteca. Potrete immaginare l'amore a prima vista che ebbi nei confronti di Belle, che rimane tuttora uno dei miei più grandi amori Disney, eguagliato solo da Jasmine e Megara.

Il film inizia con un'affascinante introduzione che narra i presupposti della trama, attraverso degli incantevoli mosaici su vetro, che rivestono la medesima funzione che nei Classici Disney del passato aveva il libro che si apriva e sul quale vedevamo i primi accenni di vicenda (Robin Hood su tutti)
Nel corso de "Il racconto di Belle", viene presentata la protagonista in una solare canzone da musical, che viene interrotta da Gaston, il personaggio più maschilista della storia della Disney; disgustoso proprio per questa sua caratteristica, e proprio grazie a lui notiamo il lato "anticonformista" di Belle, che altrimenti potrebbe sembrarci una brava ragazza come tutte le altre. Avrà il suo momento con "La canzone di Gaston", una manifesto della sua sbruffonaggine e del servilismo del buffo LeTont.
Poi la tragedia, il padre smarrito nel bosco (una curiosità: quando Maurice si perde nella foresta e arriva ad un gruppo di cartelli, quello più in basso indica "Anaheim", la località californiana dove si trova Disneyland) che poi giunge nel palazzo della Bestia, dove dovrà rimanere prigioniero, fino all'arrivo di belle che si sacrificherà per lui, sostituendosi nella prigionia. Ma questa detenzione sarà allietata dall'accoglienza degli oggetti, che si manifesterà nella strabiliante, dal punto di vista coreografico, Stia con noi, dove tutti gli oggetti che hanno preso vita, si esibiscono in una scena degna del miglior musical di Brodway. Tra gli oggetti che hanno preso vita spiccano Tockins e Lumière, l'impaggiato orologio e il seducente candelabro, componenti di una coppia comica irresistibile, a mio parere ineguagliata nei film Disney.
Gli oggetti saranno l'unico sollievo per Belle, prigioniera della scontrosa Bestia; il rapporto tra prigioniera e "carcerierie", col tempo passerò da odio ad amicizia, e poi in amore. E questa trasformazione complicatissima da rendere in molti film, qui con una maestria unica viene rappresentata nel giro di due sole canzoni: "Uno sguardo d'Amore" dolce canzone attraverso la quale passa il tempo e le stagioni, e "La Bella e la Bestia", brano portante del film, che può vantare di un meraviglioso testo, a mio parere addirittura migliore nella versione italiana.
A queste canzoni se ne aggiunge una terza, posizionata tra le due, che mostra la vita degli oggetti all'interno del palazzo, con l'aggiunta di qualche scena che approfondisce il rapporto tra Belle e Bestia: tutto ciò è stato creato appositamente per la rimasterizzazione IMAX del film e per la successiva edizione Speciale del DVD, ma nonostante questo le animazioni non sfigurano rispetto al resto del film.
Ma la gioia e la tranquillità sono interrotte dal piano di Gaston, che fomenta la folla contro la Bestia; dopo la canzone "Uccidiamo la Bestia" c'è una sequenza di lotta fra gli oggetti e i popolani che ho sempre trovato un po' fuori luogo, rispetto al resto del film... Non so perchè, ma mi ha sempre fatto un effetto "Mamma h perso l'aereo"...
Ma il livello drammatico del film si innalza drasticamente con il duello tra Besita e Gaston, che culmina nel finale migliore e più commovente di tutti i Classici Disney.
Alla fine, come lieto fine esige, e per soddisfare la curiosità degli spettatori tutti si ritrasformano, così che possiamo osservare le versioni umane di tutti i personaggi: Belle, intanto, scopre di aver fatto l'affare del secolo ad innamorarsi di Mr.Palla ddi Pelo rabbiosa, ritrovandosi ora con un figaccione con gli occhi azzurri... E proprio qui sta l'unico dubbio della morale: se il film vuole comunicare che "Le apparenze non contano", perchè alla fine, perchè ci sia un lieto fine, Bestia deve diventare un gran figo? Mh, forse questo è un po' troppo scontato, ma la Disney avrà modo di rifarsi ed essere più coerente qualche anno dopo con Il Gobbo di Notre Dame .
Da notare come l'animazione finale di Belle e il principe che danzano nel salone è stata "riciclata" pari pari da La Bella Addormentata nel bosco.

Un film eccellente, di sicuro da elevare tra i migliori in assoluto della Disney, che diede una conferma ulteriore alla strada che la casa stava percorrendo a partire dalla Sirenetta, con una struttura musical che qui è stata perfezionata. Il film è infatti stato poi trasporto sul palco di Brodway, inaugurando l'usanza Disney di creare musical teatrali dai propri film animati. Oscar anche per la colonna sonora e , per la prima (e mi pare ancora unica) volta al mondo, nomination all'Oscar come Miglior Film.
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Francesco F » mercoledì 19 novembre 2008, 10:34

Il film d'animazione più bello della storia verrà ridistribuito nelle sale in 3-D nel 2010!
http://www.variety.com/article/VR111799 ... 1&nid=2564

I produttori e registi originali supervisioneranno il lavoro.
"By going back to the original animation files, which have been carefully archived for 17 years, and using the separate background, effects and character animation elements, we're able to come up with a fun and unique 3-D experience for existing and new fans of the film," Hahn said.
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda DeborohWalker » mercoledì 19 novembre 2008, 11:32

Elikrotupos ha scritto:Il film d'animazione più bello della storia verrà ridistribuito nelle sale in 3-D nel 2010!


Oh, fanno uscire in 3D Lilo & Stitch?

Vabbè, scherzi a parte la notizia mi permplime non poco, non avevo mai considerato la possibilità che facessero uscire con questa tecnica anche film realizzati in 2D. Ed effettivamente non ne vedo neanche tutte le potenzialità, a parte l'ovvia scena del ballo costruita in un ambiente CGI tridimensionale; potrebbe però uscirne qualcosa di interessante che ha un effetto simile ai libri pop-up...
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Valerio » mercoledì 19 novembre 2008, 11:35

Bé il corto dato in 3d prima dei Robinson, Working for Peanuts (che però da me non fu proiettato), poteva fungere da assaggio di questa treddizzazione postuma del 2d.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10361
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda DeborohWalker » mercoledì 19 novembre 2008, 11:45

Ah, fu treddizzato pure quello?
Beh, a 'sto punto stiamo a vedere...
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Valerio » mercoledì 19 novembre 2008, 11:48

Non solo fu treddizzato ma per le proiezioni non in 3d venne del tutto rimpiazzato dal corto Boat Builders, rimasto in 2d. Quindi era proprio una cosa mirata.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10361
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Morgan Fairfax » domenica 28 dicembre 2008, 23:54

Riesumo il 3d con intenti più che polemici nell'intento di sembrare sufficientemente cattivo e finire alla gogna (ai tempi dello sbonk forum alla gogna mi ci mettevo praticamente da solo, ma tant'è! :omg: ).

Insomma, la sera di Santo Stefano mi son rivisto con il mio fratellone il dannatissimo "The beauty and the beast" e...

...sarà che quand'ero bambino l'ho visto talmente tante volte da aver perso ormai ogni attrazione...
...sarà che complice il raffreddore ho passato più tempo a soffiarmi il naso che altro...
...sarà che la visione del post-moderno Enchanted e dei più prosaici cartoni drìmuorcs mi ha fatto perdere l'innocenza...

...sarà per tutti sti motivi ma labellaelabestia non è un film che funziona alla perfezione.

Insomma, c'è qualcosa nella costruzione temporale della storia che non funziona.
Il mio dilemma è: ma quanto tempo rimane Belle al castello? Una giornata sola?
Sì, perchè tra il ritorno di Maurice al villaggio dopo la "scarcerazione" ad opera della bestia e l'attacco della folla di valligiani inferociti guidati da Gastòn sembra passare davvero poco, pochissimo tempo. Mentre invece la crescita del rapporto di Belle e della bestia sembra svolgersi in un arco di tempo più lungo, molto più lungo. Insomma, certi percorsi di crescita e redenzione mica si compiono in una mezza giornata o poco più... O forse si è davvero compiuto tutto in una giornata?
Cerco di ricostruire gli eventi così come li ho recepiti io...

MAURICE VA AL CASTELLO
BELLE LO RAGGIUNGE GRAZIE AL FIUTO DEL CAVALLO TORNATO A CASA
SCARCERAZIONE DI MAURICE
MAURICE RITORNA AL CASTELLO E VIENE DERISO
MAURICE SI RIMETTE IN VIAGGIO A PIEDI ALLA VOLTA DEL CASTELLO

A questo punto possiamo anche fare finta che Maurice, non andando a cavallo, impieghi molto tempo a raggiungere il castello. In più: essendo vecchio il freddo lo fiacca e stramazza al suolo, rimanendo svenuto per un bel po'.
Ora la mia domanda è: quanto a lungo può essere rimasto svenuto al suolo? Immagino non più di un giorno... E in un giorno non solo la bestia cambia ma Belle se ne innamora? Ok, è una fiaba ma... Cavolo, ci vuole un minimo di coerenza interna, no? In un giorno non si può mica verificare tutta questa grande evoluzione...
Forse sono pippe mie ma l'evoluzione degli eventi alla luce della ristrettissima linea temporale coperta dalla narrazione non mi convince per nulla... Sarei curioso di conoscere le vostre opinioni.

Infine: nelle storie in cui i personaggi non possiedono un nome sarebbe accortezza del narratore non farlo notare mai con scaltri espedienti... Ma allora perchè quando Belle cerca di sfuggire dalla cantina dove Gastòn l'ha rinchiusa per impedirle di avvisare il suo amato dell'attacco al castello, Belle non può fare a meno di dire l'orribile frase "devo andare ad avvisare la bestia?". Diamine, ci deve essere un modo più carino per permettere alla pulzella di riferirsi al suo "uomo".
"Bestia" è una denominazione che sta bene in bocca a un Gastòn, al padrone del manicomio, agli abitanti del villaggio spaventati... Ma non in bocca a Belle, dai! Ok, lo so, è un dettaglio e io mi attacco ai dettagli ma la cosa non ha mancato di darmi molto fastidio... Sarei curioso di sapere se negli script originali era presente una battuta analoga.

Ok, lo ammetto, sono un emerito rompipalle, il film per tutto il resto è STUPENDO ma... Ste cose che ho appena scritto mi sembrano incongruenze notevoli... Voi che ne pensate? :)
Potrete ingannare tutti per un pò.
Potrete ingannare qualcuno per sempre.
Ma non potrete ingannare tutti per sempre.
Avatar utente
Morgan Fairfax
da X-Mickey
da X-Mickey
 
Messaggi: 84
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2005, 13:22
Località: Galatina (LE)
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Icnarf » lunedì 29 dicembre 2008, 00:34

Oh, finalmente qualcuno se n'è accorto... è stato il raffreddore?

Il punto è: sono sottigliezze, il film funziona emotivamente parlando.

Più che altro Belle è una sognatrice, svampita con la testatralenuvole etc.... eppure per tutta la durata del lungometraggio non fa nulla di strambo a parte non dire nulla di evidentemente interessante, la sua figura ci è nota solo attraverso la canzone iniziale dove la si scopre grande lettrice (di favole?).

E...

Ma quando ca.. è stato trasformato il principe in Bestia? Se alla fine ha appena compiuto solo 21 anni come è possibile che il castello aveva ragnatele più fitte di quelle presenti nelle mutande di zia Elmira? Come è possibile che nella scena aggiunta non sappia quasi più leggere?


Per la cronaca: in 3D ci stavano meglio Il Re Leone o La Sirenetta che offrono panoramiche più vaste.
Avatar utente
Icnarf
Mickey Mouse Mystery Addicted
Mickey Mouse Mystery Addicted
 
Messaggi: 758
Iscritto il: lunedì 24 aprile 2006, 08:50
Località: Napoli
Has thanked: 0 time
Been thanked: 6 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Valerio » lunedì 29 dicembre 2008, 00:57

Ma La Sirenetta è graficamente brutto :P

Quanto alle incoerenze: visto quanto ci hanno ricamato sopra con sequel, midquel etc l'incoerenza diventa mostruosa. Secondo la Bella e la Bestia - Un Magico Natale, non solo hanno passato insieme le feste, ma c'è stato il tempo per far entrare (e uscire) nella storia personaggi e eventi disparati. E poi c'era pure la serie tv, abortita al quarto episodio, per motivi legati a questa incongruenza.

Quanto al nome della Bestia, in originale è ancora peggio. Addirittura nella scena finale in cui Belle lo raggiunge e grida "sono qui!", in inglese diceva "beast!"...

Quanto alla scena aggiunta, forse non sapeva leggere neanche prima...
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10361
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Morgan Fairfax » lunedì 29 dicembre 2008, 19:08

'azz, vedo che le incongruenze non si contano :P

Icnarf ha pienamente ragione, il film emotivamente funziona e questo fatto non viene minato dalle evidenti sfasature temporali che non disturbano gli spettatori più piccini... Ma questo vuole purtroppo dire che è uno dei pochissimi classici Disney fruibili senza problema alcuno più da bambini che da persone più grandicelle... E questo mi addolora un po'! :(

Per quanto riguarda la caratterizzazione di Belle io l'ho trovata molto azzeccata... Gli autori, effettivamente, non si sono certo sprecati nel delineare la sua personalità in lungo e in largo ma questo la rende un personaggio tutt'altro che poco profondo, merito anche di un character design che, a differenza delle principesse del periodo pre-xerox, di suo già basterebbe per esaltarne quei due/tre tratti della sua indole necessari per lo sviluppo della storia (non chiedetemene neanche il motivo ma per me è così, poi non so voi! Una Cenerentola qualsiasi sembrava prelevata di peso da un libro di fiabe, qui siamo a ben altri livelli secondo me).
E poi: Belle, prima ancora (o forse molto più) di una Mulan qualsiasi dimostra il proprio spirito indipendente, il coraggio e lo spirito di sacrificio ed è molto più interessante a parer mio di una Ariel (in fondo solo un'adolescente sognatrice) o di una Jasmine (che in fondo desidera solo la propria libertà e la libera scelta del moroso).

E comunque: Belle nell'abito da gran sera è una delle cose più belle mai partorite dalla Disney!!!
E comunque, Gastòn è un personaggio azzeccatissimo e caratterizzato ottimamente! Quest' arrogante e presuntuoso che genuinamente crede di essere uno dei migliori e per davvero non immagina quale sia il motivo per cui Belle lo respinge, questo bel gagà che fa tutto con le migliori intenzioni ma preso da un infantilismo mai superato.
Insomma, mi fa morire di risate! :LOL:
Potrete ingannare tutti per un pò.
Potrete ingannare qualcuno per sempre.
Ma non potrete ingannare tutti per sempre.
Avatar utente
Morgan Fairfax
da X-Mickey
da X-Mickey
 
Messaggi: 84
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2005, 13:22
Località: Galatina (LE)
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Classico Disney #30: La Bella e la Bestia

Messaggioda Francesco F » lunedì 29 dicembre 2008, 23:38

Morgan Fairfax ha scritto:Ma questo vuole purtroppo dire che è uno dei pochissimi classici Disney fruibili senza problema alcuno più da bambini che da persone più grandicelle... E questo mi addolora un po'! :(

non ho seguito questa discussione sulle presunte incongruenze del film, ma sono del parere che invece questo sia IL Classico Disney che più di tutti è fruibile dagli adulti...
domani mi leggo i vostri post e rispondo un po' meglio.
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda DeborohWalker » martedì 30 dicembre 2008, 07:26

Sulla questione "sfasamento temporale" è ovvio che tutto non avviene in un giorno, essendoci addirittura l'alternarsi delle stagioni, nevicata, ecc. quindi l'incongruenza sta appunto in un errata narrazione della storia di Maurice; potremmo ipotizzare dei "non detti", con micro-storie in cui Maurice nella foresta trova riparo nella casa di marzapane della strega, poi incontra un cerbiatto e lo insegue per due settimane, poi viene invitato al banchetto dei folletti fatati, e solo dopo torna al villaggio, ma effettivamente per com'è raccontata la sua vicenda sembra svolgersi in qualche giorno. Ora, la relazione tra Belle e la Bestia è l'elemento principale (e più riuscito) del film, quindi preferisco continuare a ritenere "sbagliata" la sottotrama di Maurice.

Per quanto riguarda l'appellativo "Bestia" per quanto suoni ridicolo, non lo ritengo sbagliato. Mi immagino scene di Belle che chiede alla Bestia quale fosse il suo nome da umano e lui le risponde con un grugnito scontroso, perciò non avendo nessun altro nome ufficiale Belle ha dovuto trasformare "Bestia" in una sorta di nome proprio.
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: La Bella e la Bestia

Messaggioda Bramo » domenica 30 gennaio 2011, 23:00

Immagine

Io La Bella e la Bestia è come se non lo avessi mai visto.
Probabilmente lo vidi da piccolo, prendendo in prestito la videocassetta da qualcuno... quel che è certo è che fisicamente non l'ho mai posseduto e che non me lo ricordavo assolutamente se non in quelle 2-3 scene must conosciutissime.
Non mi sono fatto ovviamente scappare l'occasione della edizione diamond del film uscita da poco: in questi due mesi mi sono riguardato il film tre volte e adesso, in pace con me stesso, posso considerare questa perla uno dei miei Classici preferiti, e si respira subito l'atmosfera degli anni '90, inconfondibile, che accomune questo film alla Sirenetta, ad Aladdin e al Re Leone.
Belle è un personaggio che trovo adorabile, è il prototipo della principessa Disney su cui viene costruito un po' più di personalità rispetto alle "antenate" che era passive. Il suo anticonformismo poi è ammirevole, la voglia di cultura in una piccolo paesino arretrato è ben descritta. Ovviamente però la scena la domina la Bestia, eroe drammatico e provato dagli eventi che a dispetto dell'aspetto mostruoso mostra più volte allo spettatore il suo lato vulnerabile. Il capolavoro di Glen Keane indubbiamente, le sue movenze sono fluide e vive. Infine Gaston, il bulletto che mi ricorda il rivale in amore di Ichabod Crane: l'animazione di Deja ci restituisce un ragazzotto muscoloso e pieno di sè, ammirato da tutto il villaggio tranne che da Belle, che sembra la caricatura di se stesso. Mi piace l'idea che il cattivo non sia ritenuto tale dalla maggioranza, mi pare molto realistica come prospettiva.
Non mi esprimo sulle canzoni, tutte ottime: dico solo che Be our guest è un numero da musical spettacolare, e che mi sciolgo sempre a sentire Beauty and the Beast cantata da Celine Dion e Peabo Bryson.
Una storia d'amore eccezionale, romantica ed avvincente, non priva di morale e significati importanti come l'andare oltre le apparenze, la pericolosità dei leader e l'importanza della cultura, che sa comunicare molto allo spettatore di ogni età. Il film risulta anche molto divertente grazie a Lumiere e Tockins e anche ad alcuni atteggiamenti della Bestia.
Per quanto riguarda il problema temporale

DeborohWalker ha scritto:Sulla questione "sfasamento temporale" è ovvio che tutto non avviene in un giorno, essendoci addirittura l'alternarsi delle stagioni, nevicata, ecc. quindi l'incongruenza sta appunto in un errata narrazione della storia di Maurice; potremmo ipotizzare dei "non detti", con micro-storie in cui Maurice nella foresta trova riparo nella casa di marzapane della strega, poi incontra un cerbiatto e lo insegue per due settimane, poi viene invitato al banchetto dei folletti fatati, e solo dopo torna al villaggio, ma effettivamente per com'è raccontata la sua vicenda sembra svolgersi in qualche giorno. Ora, la relazione tra Belle e la Bestia è l'elemento principale (e più riuscito) del film, quindi preferisco continuare a ritenere "sbagliata" la sottotrama di Maurice.

quoto Deb. E non a caso lo affermano un paio di volte gli stessi registi durante il commento audio, ridendosela della grossa per l'incongrenza, ma spiegandola grossomodo in termini assurdo-fantasiosi per "mascherare" l'errore e invitare a non farci troppo caso.

Ma il dvd mi ha offerto solo l'opportunità di godermi finalmente questo film? Fortunatamente no, infatti stavola si va contro l'infame politica del remare contro al dvd per favorire il blu-ray e si offre al cliente un prodotto ricchissimo di contenuti di tutto rispetto.
Il Commento Audio citato sopra, per esempio. I due registi Wise e Trousdale, Don Hanh e Alan Menken intrattengono lo spettatore per una piacevole ora e mezza parlando del film scena per scena; i registi si dimostrano degli spiritosoni, mi hanno fatto ridere ad alta voce in più occasioni per i loro folli interventi. si divertivano a far notare i bloopers quando si muoveva la pelle d'orso per terra nella taverna, o come detto prima sulla questione del tempo che passa. Ma che ridere! Menken dal canto suo forniva delucidazioni per quanto riguardava la componente musical del film.
Il secondo disco offre un gran bendiddio: un video musicale con Beauty and the Beast cantata da tale Jordin Sparks in una versione molto accattivante e due scene eliminate (l'inizio alternativo e una scena di Belle in biblioteca), per poi passare al grosso rappresentato dai "contenuti speciali del dvd". Sotto questo titolo si nascondo tante belle cose come il video musicale di Celine Dion e Peabo Bryson, una prima versione del film, la versione iniziale di Stia con noi con Maurice al posto di Belle, alcuni trailer originali e la famosa Human Again introdotta e mostrata a parte. Ma soprattutto è interessante vedere i due spezzoni dedicati all'animazione, che si occupa della scena della trasformazione della Bestia in umano e della scena del ballo con l'ambiente in CG, e un contributo chiamato La Storia dietro le Storie che con un presentatore diverso ogni volta ci mostra da dove hanno preso spunto per la loro trama film come Il Re Leone, Cenerentola, Il Gobbo di Notre Dame, Pocahontas ecc
Sotto la dicitura "Dietro le quinte - Diamond" abbiamo invece quello che si può considerare il vero Making Of del dvd: Storie inedite dietro la creazione del film è un lungo costributo di più di mezz'ora che parla del processo creativo che ha portato alla realizzazione dell'opera, dei problemi vari di lavoro e di organizzazione, e offre un ottimo ritratto degli Studios dell'epoca, delle speranze, delle persone che a vari livelli sono stati coinvolti. Ovviamente anche della malattia di Ashman con più di una nota di tristezza. Notare la presenza tra gli intervistati di un Katzemberg pronto a lodare la Disney dei tempi. Come se questo non fosse già un buonissimo contenuto, vi si affianca la conversazione musicale con Alan Menken, che sotto le domande di Don Hahn e Richard Kraft è un interessantissimo excursus del processo creativo prettamente musiciale, solo sotto l'aspetto della composizione delle canzoni. Menken ne parla orgoglioso, le suona al piano e si diverte a rimembrare quei tempi.
Infine c'è pure un piccolo speciale sulla versione Broadway del film.

Insomma, un'edizione speciale di tutto rispetto, capace di offrire al fruitore tutte le informazioni che può desiderare sul film. Un'edizione da avere, insomma, se non si possiede quella uscita anni orsono.
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 63 times

Prossimo

Torna a Walt Disney Animation Studios

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy