Pagina 9 di 11

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: mercoledì 24 febbraio 2016, 18:19
da Andrew90
Valerio ha scritto:
Daria ha scritto:È un bellissimo film, ma c'è una piccolissima minuscola parte di me che non è soddisfatta... Forse è un problema generale dell'animazione mainstream, ma mi pare che si stiano andando a girare film sempre più di genere, che "portano a casa il compito" e niente più, mi manca qualcosa che non riesco a decifrare, forse avevo troppe aspettative?


Guarda che capisco. E lo so cosa ti manca: il 2D e le canzoni. Gira e rigira torniamo sempre lì. Si possono fare film meravigliosi anche senza 2D e senza canzoni, o dandoci un assaggio di queste grazie a Shakira o al NPR, ma rimangono contentini perché ciò che la nostra generazione cercava nel film evento DIsney era quella formuletta lì. Io ad esempio mi ritengo soddisfatto e sono felice di poter annoverare questo classico nella lista del mio cuore, però mi sento nutrito fino a un certo punto, per quello che è il mio personale gusto.

Secondo me Zootopia è molto rivedibile, come lo è anche BH6, non scherziamo. Però nulla potrà mai togliermi dalla testa che il giorno in cui i capoccia si toglieranno dalla testa che la divisione tra film frocetti con le principesse canterine e film maschetti con il caso e gli eroi è un limite, e si tenterà veramente di esplorare strade ibride... sarà un bel giorno per l'animazione Disney. Il giorno in cui il mondo capirà che avere un'identità e un linguaggio riconoscibili è molto diverso dall'essere ripetitivi.



Gia pensavo anche io, e un peccato vedere che l'animazione classica non viene molto più usata da chi , diciamo , vi ha creato dei bellissimi film. Ma posso anche capire che ormai l'animazione 3d e divenuta uno standard , è penso anche che sia un evoluzione naturale di questo media. Io pero penso che con la principessa e il ranocchio avevano fatto un buon lavoro , c'erto vi erano dei difetti ma , secondo me , non era minore ai suoi fratelli maggiori . Comunque io spero sempre che utilizzino tutte e due le tecniche per fare un unico film , tipo come è stata usata in bianca e bernie nella terra dei canguri per fare alcuni monumenti della città, anche se li so che ancora si parla di animazione disegnata pura. E per il fatto che non siano molto usate le canzoni oggi dipiacie pure a me , vorrei vedere qualche nuove canzone Disney che ti rimane nel cuore . E no per favore non dite le canzoni di Frozen , secondo me non hanno quella stessa magia che avevano nei vecchi film , ma sia chiaro e solo un puro parere personale :)

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: mercoledì 24 febbraio 2016, 19:56
da Mike Haggar
Forse il problema sta solo in parte nel 3D, ma forse ci manca quell'epicità, quella magia fiabesca che avevano i film degli anni '90 e che nelle ultime produzioni Disney è presente solo in parte, pur essendo comunque dei bellissimi film.
Del resto, il tecnologico mondo dei videogiochi, la tecnologica Sanfransokyo e una Zootropolis dove i personaggi hanno gli Ipod e gli smartphone non sono cose troppo lontane dalla nostra realtà di tutti i giorni e riescono ad incantarci solo fino a un certo punto, a differenza di film passati dove respiravamo un'aria esotica e magica avendo visitato con la fantasia un medioevo fiabesco, l'antica Cina, la savana dell'Africa, l'Arabia delle Mille e una notte, il fondo dell'Oceano, la Grecia dei tempi del mito e molto altro.
Non penso sia un caso se gli ultimi film Disney a fare un successone a livello commerciale sono stati proprio i due che avevano nuovamente quell'atmosfera da fiaba con principesse, castelli, magie e un'ambientazione antica e un po' fuori dal tempo.

Anche a livello musicale, probabilmente si sente la differenza tra un film che nella colonna sonora ha artisti contemporanei e "alla moda" come Shakira, Skrillex, le AKB48 o Moreno (brrr) che utilizzano magari solo per uno o due brani poco incisivi che si sentono solo nei credits con altri che invece hanno molte più canzoni originali realizzate apposta per numeri musicali meglio intersecati con la trama del film, realizzati o cantati da artisti di maggior pregio, tradotti in italiano o più facilmente orecchiabili/assimilabili dal pubblico. Mi è piaciuta abbastanza "Try everything" di Shakira, ma da qua a una settimana non me la ricorderò più, mentre "Let it go" la sentivo ancora l'anno scorso (a più di un anno dall'uscita di Frozen nelle sale) in Giappone, programmata dalle radio dei negozi e dai videogiochi musicali dei game center anche più volte nella stessa giornata, sia in inglese che in giapponese.

C'è anche da dire che l'aria di "evento" che circondava i film Disney di un tempo si è ormai affievolita, vista la grande quantità di lungometraggi che escono sia in casa Disney (solo quest'anno abbiamo avuto Inside Out, Il viaggio di Arlo e Zootropolis a pochi mesi si distanza l'uno dall'altro, e a nessuno di questi film è stato riservato il posto d'onore dell'uscita natalizia, preso dal nuovo Star Wars) sia per quanto riguarda le case rivali, che producono a nastro millemila film a volte anche abbastanza simili tra loro e una valanga di sequel che rendono "routine" quello che una volta era un "evento".
Negli ultimi anni ho apprezzato molto il ritorno al cinema per il film Disney di Natale, tradizione che un tempo avevo con la mia famiglia e oggi invece si è spostata al mio gruppo di amici, al punto che continuo a contare gli anni in base al film Disney di Natale uscito :D , ma il troppo stroppia, e penso che siamo arrivati al livello in cui non c'è più differenza, per il grande pubblico, fra un Disney, un Pixar, un Dreamworks o un film di qualsiasi altra casa fra i millemila che escono di continuo.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: mercoledì 24 febbraio 2016, 22:11
da Andrew90
Punto di vista davvero interessante , in effetti con l'arrivo della concorrenza la cosa si è un po affievolita, non c'è solo Disney insomma , ma ormai c'è una vasta scelta sul tipo di film d'animazione che si vuole vedere . Per non parlare poi della Dreamworks che , dopo che ho visto Drangon Trainer 2 , ho capito che pure loro sono diventati uno studio di tutto rispetto , senza contare poi con gli ottimi Kung Fu Panda e gli altri film ultimamente usciti. E poi pensandoci la Disney si è dovuta adattare al mercato che vuole i film in 3d ( il che non dico sia un male ) per andare anche contro questa concorrenza. Ed è un bene visto che cosi non si ci appoggia sugli allori.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: giovedì 25 febbraio 2016, 01:09
da L Vertighel
Questo film è meraviglioso.

Per quel che mi riguarda è il film più serio e "adulto" dai tempi di Pocahontas e Il Gobbo. È più maturo anche di Frozen (che adoro), il quale tratta un argomento ad alta drammaticità tentando di "smussarlo" con ilarità.

Questo film ha un estremo equilibrio e gusto, problematica e leggerezza sono dosati con rara raffinatezza.

I due protagonisti sono fra i migliori personaggi che ricordi ultimamente in un classico.

E per una volta non ho dovuto maledire il doppiaggio italiano: applausi a scena aperta per l'interpretazione di Latini e Quarta, davvero eccellenti.

Sulla grafica, forse vado appena appena controcorrente: stupendi i personaggi, l'ambientazione invece è sì fantastica, ma secondo me non raggiunge le vette evocative di BH6 o la finezza pittorica di Frozen. Siamo comunque a livelli altissimi.

Un paio di comprimari mi hanno fatto un po' storcere il naso in altrettante scene, ma sono dettagli al momento. Film promosso a pienissimi voti, ultimamente i WDAS non stanno sbagliando un colpo.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: giovedì 25 febbraio 2016, 20:33
da Capitano Amelia
Penso che "Zootropolis" sia uno dei migliori Classici usciti in questi ultimi: il lato tecnico è ineccepibile, le animazioni dei personaggi sia principali che di sfondo sono eccellenti, in particolar modo quelle di Nick e Judy a cui basta un semplice movimento del naso o degli occhi a definire la loro personalità, così come il design estremamente disneyano nonostante la resa del pelo un pò fotorealistica. Poi dietro l'universo in cui è ambientato si vede che c'è stata una particolare cura certosina nel costruirlo, da miglior sottomondo delle "Silly Simphony" anche se bisogna ammettere che tale concetto era già stato anticipato in "Chicken Little" (che mi ha dato l'impressione essere ambientato nello stesso universo di questo Classico molto più di "Robin Hood") però decisamente ampliato e reso ancor più protagonista, a differenza del 46esimo Classico, a parer mio. Per quanto riguarda la storia è molto più arguta e "adulta" di quanto promettesse: già in altri Classici precedenti si era trattato il tema del razzismo, del comprendere il diverso ma qui si va anche oltre visto che lancia delle frecciatine su come ragiona la nostra società ancora più forti rispetto a quelle già presenti in Classici come "Pocahontas" o "Il gobbo di Notre-Dame", a partire da Judy stessa che nutre pregiudizi nei confronti dei predatori anche se tenta di negarlo. Non ho trovato inadeguato il suo essere una commedia perchè ritengo che questo film calibri bene i suoi lati comici con quelli più seriosi, senza sbilanciarsi eccessivamente sui soli lati faceti, che però sono assolutamente ben fatti come la scena dei bradipi o quella genialata della bancarella. :asd: Il meccanismo del cattivo a sorpresa è vero che è abusato ma, almeno io, questa volta non ho azzeccato subito la sua identità visto che per tutti questi mesi ero convinta che lo fosse il leone e e fino ad una certa scena ne rimasi convinta. Davvero un Classico eccellente, ulteriore conferma di quanto i WDAS siano i migliori nel loro campo.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: venerdì 26 febbraio 2016, 01:42
da Mister Mxyzptlk
Ma stavolta il cattivo segreto era fondamentale, sennò che giallo è?

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: venerdì 26 febbraio 2016, 15:48
da Valerio
http://www.ilsollazzo.com/c/disney/scheda/Zootopia

E alla fine la mia recensione è arrivata, sul Compendium.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: lunedì 29 febbraio 2016, 22:09
da brigo
Filmone, c'è poco da aggiungere. E' dai tempi di Rapunzel che non uscivo così soddisfatto dal cinema dopo aver visto un film WDAS.
Adattissimo sia per grandi che per piccoli; al di là della pubblicità che punta smaccatamente al lato comico, non bisogna dimenticare che la pellicola è in realtà un film estremamente politico. La Disney inoltre non ha niente da invidiare alla Pixar in quanto ad animazioni, scenografie, resa dei dettagli, perfino creazione di mondi totalmente nuovi e plausibilissimi. Lasciate stare la scena del bradipo- divertente quanto volete ma dopo un po' anche basta- e andate sì a divertirvi, ma anche e soprattutto a riflettere e (perché no) a commuovervi con questo film intelligente.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: venerdì 04 marzo 2016, 14:21
da happyhippy
I 4 della casa Senza Nord hanno ADORATO questo film!
L'ultimo che ci aveva fatto uscire di testa (e di cuore) così tanto era stato Frozen!

Ai due grandi sembra che gli sceneggiatori siano riusciti a toccare argomenti VERAMENTE fondamentali e davvero POTENTI (alimentare le paure e i pregiudizi...), facendo finta di raccontare una storia di volpi e conigli. Che - detto tra noi - sono IRRESISTIBILI. E se questo non è puro Disney.... :adore:

Ai due piccoli abbiamo promesso il DVD appena esce :LOL:

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: venerdì 04 marzo 2016, 14:48
da Valerio
E poi c'erano così tanti animali che pareva di stare in una storia del Turconi, quindi immagino che vi sarete sentiti a casa vostra :D

(va' la scheda: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/scheda/Zootopia)

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: sabato 05 marzo 2016, 00:09
da Paperlallo
Visto questo lunedì e l'ho apprezzato tantissimo, ma d'altronde da grande amante del Calisota sarebbe stato un po' strano il contrario.
Anzi in più punti Zootopia batte il Calisota per la fantasia degli scenari e l'ampio ventaglio degli animali usati (che conservano le loro dimensioni naturali come nel Vento tra i Salici).
Fantastici anche i personaggi, il team Nick e Judy funziona alla perfezione dando fonte a bellissime scene sia umoristiche che "drammatiche". Anche gli altri personaggi di contorno funzionano altrettanto bene, dimostranto di non essere così tanto abbozzati come in BH6. Confesso che in alcuni trailer avevo avuto qualche timore sul doppiaggio italiano di Nick, ma per fortuna questi timori sono stati sfatati dalla più che buona prova d'Alessandro Quarta. E in fondo anche Matano e Ruffini sono sufficienti, di prove con dei "vip" ne ho sentite di ben peggiori.
Niente da eccepire sulla storia, che oltre ad offrire un buon giallo tramanda dei messaggi per niente banali, in particolare sul razzismo (benché, come già detto da molti, affrontato in precedenza nel Gobbo e in Pocahontas). Vabbé, poi l'habitué ai gialli capirà già dopo la metà del film chi è il colpevole, ma anche qui il cattivo a sorpresa funziona meglio che in BH6.

In conclusione, Zootopia è IL film sugli animali antropomorfi, dimostrando che i WDAS non hanno nulla da invidiare alla Pixar nel creare mondi credibili.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: martedì 08 marzo 2016, 12:30
da L Vertighel
Il weekend di apertura in USA ha fatto il record con 75 milioni, superando quello di BH6 e Frozen.

Io spero davvero non superi i 7/800 milioni totali e non abbia un "effetto Frozen", ché ultimamente i commenti su quest'ultimo sono tremendi proprio a causa dell'eccessivo hype che ancora si trascina dietro.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: domenica 13 marzo 2016, 22:38
da Paperlallo
Sono o non sono questi concept stupendi? :sbav:
http://www.matthiaslechner.com/zootopia.html/

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: domenica 13 marzo 2016, 23:56
da Capitano Amelia
Io ci voglio vivere... :sbav:

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2016, 21:23
da Donald Duck
I miei pensieri su questa pellicola: https://medium.com/@davidesoriente/zoot ... .sjgopkfzc :)

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: giovedì 17 marzo 2016, 02:29
da Valerio
Immagine

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: giovedì 17 marzo 2016, 13:58
da Capitano Amelia
Ah, in realtà gli uccelli ci saranno eccome a Zootopia altrimenti come faceva Gazelle a cantare "birds don't just fly" ?! :asd:

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: giovedì 17 marzo 2016, 21:17
da Valerio
Eh, il dilemma è se siano antropomorfi o ancora involuti....

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: giovedì 17 marzo 2016, 22:14
da Paperlallo
Chi lo sa, gli uccelli non sono tra gli animali mangiabili dai predatori.

Re: [WDAS #55] Zootropolis

MessaggioInviato: domenica 20 marzo 2016, 14:53
da Tigrotta
Visto ieri all'anteprima UK (ovvero un mese dopo l'uscita italiana -_- ).
Mi è piaciuto tantissimo, sia esteticamente sia contenutisticamente. Ho trovato molto intelligente il suo riprendere la tradizione cominciata con Esopo, e da sempre presente nell'immaginario disneyano, di usare gli animali per denunciare problemi attuali, in questo caso il razzismo (e l'ambientazione moderna favorisce l'immedesimazione ancor più di Pocahontas e Il Gobbo di Notre Dame). Ho apprezzato anche il "caso" visto che è più un pretesto per esplorare i bellissimi quartieri di Zootropolis e approfondire i due ottimi protagonisti. L'indagine l'ho trovata strutturata meglio di quella di Big Hero 6, e il suo essere legata alla natura ferina dei predatori la collega anche ai temi portanti del film. Le meraviglie visive sono già state sviscerate in lungo e in largo e non starò qui a ripetere quanto già detto, dico solo che Zootropolis è talmente bella che per una volta mi schiero con chi vuole un sequel.