Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[PIXAR # 5] Alla Ricerca di Nemo

Lo studio fondato da John Lasseter che ha inventato la CGI, traendo arte dai poligoni e rivoluzionando lo scenario moderno. E da quando è entrata a far parte della famiglia Disney i benefici influssi si sono diffusi ovunque, portando la Disney verso una rinascita!

[PIXAR # 5] Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda Francesco F » venerdì 03 marzo 2006, 22:44

Immagine Immagine

Regia: Andrew Stanton (co-diretto da Lee Unkrich)
Sceneggiatura: Andrew Stanton, Bob Peterson, David Reynolds
Guest voices originali: Robbie Williams (interprete della canzone finale "Beyond the sea"), Ellen DeGeneres, Willem Dafoe, Geoffrey Rush
Guest voices italiane: Luca Zingaretti, Carla Signoris, Stefano Masciarelli
Colonna sonora: Thomas Newman


Nemo, il pesce del titolo, perde la madre ancora prima di nascere. Visto che il padre di Simba ne "Il Re Leone" aveva ottenuto un immane successo morendo, alla Pixar hanno cercato di emularlo. E in effetti Nemo è più o meno il film d'animazione che ha incassato di più nella storia del cinema, come quasi dieci anni prima "Il Re Leone". Ma FORSE il motivo non è stato solo quello. Perduta la moglie, il padre di Nemo, Marlin, diventa iperprotettivo con il figlio, che il primo giorno di scuola arriva al punto di rottura e si ribella. E come tutti i ribelli, ci rimette le penne, anzi le squame. Un dentista di Sidney infatti lo pesca durante una nuotata subacquea e se lo porta nel suo studio, in attesa di darlo alla sua nipotina malefica. In questa snervante attesa il film si sdoppia, e seguiamo parallelamente la straordinaria odissea di Marlin alla ricerca di suo figlio lungo tutto l'oceano (incontrando un'esilarante pesciolina azzurra e smemorata di nome Dory), e la snervante attesa di Nemo in compagnia dei pesci dell'acquario in cui è stato segregato.
Dopo la peluria di Sulley in "Monsters & co.", la Pixar raggiunge nuovi vertici tecnologici con lo splendido oceano virtuale di questo film. Dinamica dell'acqua praticamente perfetta, rifrazione dei raggi solari, pulviscolo marino più o meno organico sono i magnifici particolari del mare in cui per tutta la durata del film sguazzano i nostri amici pesci. Particolari spettacolari, questo era il difficile. Il facile è la barriera corallina piena di tutti i 16 milioni di colori disponibili sui computer della Pixar e probabilmente anche di più, le riproduzioni di centinaia di specie di pesci diverse (sia fra i protagonisti che fra le "comparse") e non solo. Pellicani, piccioni, meduse, squali, granchi, tartarughe marine e una balena (interno compreso). Pochi umani di contorno, con le solite fattezze esterrefatte e impressionanti che verranno immensamente migliorate nel successivo film "Gli Incredibili". Per la prima volta la Pixar non utilizza come protagonisti dei personaggi "umanoidi", cioè con due braccia e due gambe, ma pesci con le loro movenze che non sono certo facilmente realizzabili con i "normali" software di modellazione tridimensionale. Figurarsi se alla Pixar si fanno di questi problemi... insomma, un film irto di difficoltà e innovazione. Nessuno sarebbe così stupido da invischiarsi in un progetto del genere. Tranne la Pixar, che l'ha fatto, e perfettamente. Ma FORSE non è nemmeno questo il vero ingrediente che ha fatto di "Alla ricerca di Nemo" uno fra i pochi capolavori dell'animazione. Azzardo un'ipotesi. Forse a fare il successo di questo film è la morale, una morale che non è certo quella buonista dei film disney e nemmeno dei pochi film Pixar precedenti (amicizia, sostanzialmente). La morale stavolta è per gli adulti, i bambini hanno poco da imparare da questo film, che anzi... quasi li spinge a disubbidire ai genitori come il piccolo Nemo. Il film dice agli adulti che i loro figli non devono imparare TUTTO dai genitori, ma solo le basi. Poi vanno lasciati liberi di vivere. In sè anche questa è una banalità, però per la prima volta gli adulti che hanno visto "Alla ricerca di Nemo" si sono sentiti coinvolti, mentre per la prima volta i bambini non si sono sentiti bacchettati e non hanno avuto niente da imparare. Risultato: tutti entusiasti. A decorare questo geniale appeal con il pubblico ci sono i soliti (ma bene accetti) momenti comici, garantiti dall'ottimo personaggio di Dory (nonchè dalle sue ottime doppiatrici, in originale Ellen DeGeneres, in italiano Carla Signoris), dagli squali in disintossicazione e che cercano di diventare vegetariani, dalle tartarughe marine pseudosurfiste sulla velocissima Corrente Orientale Australiana, e dal tormentone dei piccioni nel porto di Sidney.
Non solo risate, ma anche forti momenti emozionanti. In primis, l'inizio del film, con la morte della madre di Nemo (Coral, dal nome, volto e voce meravigliosi); l'attraversamento del campo di meduse; i tentativi di fuga dall'acquario con la pittoresca loggia di pesci tropicali, ognuno col suo tic caratteristico: dal collezionatore di bolle, all'igenista ossessivo, al gambero francese, alla svampita che parla con il suo riflesso, alla materna stella marina, al pesce palla che si gonfia quando si arrabbia. E infine lui, un meraviglioso pesce tropicale dal volto e dalla voce di Willem Dafoe, capo di tutta la congrega e mentore del neoarrivato Nemo, soprannominato dopo una scenografica cerimonia di iniziazione Pesce da Lenza.
Proiettato nelle sale con un vecchio cortometraggio Pixar, "Knick Knack".
Premio Oscar come miglior film d'animazione dell'anno, nomination come miglior sceneggiatura originale. Golden Globe come migliore commedia dell'anno.
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda DeborohWalker » lunedì 06 marzo 2006, 19:42

Mah.
Da grande fan PIXAR quale sono, non ho apprezzato questo film.
Non so perchè, ma nonostante Finding Nemo sia stata la rivelazione PIXAR, campione di incassi (si rivelò essere il film animato che guadagnò di più in assoluto, battendo anche Il Re Leone; l'anno successivo Shrek gli ruberà però lo scettro) e oggetto di pareri favorevoli da parte della critica, io lo ritengo il film PIXAR che occupa la posizione più bassa nella mia classifica personale.
Certo, tecnicamente è affascinante: le ambientazioni sono graficamente sbalorditive e i personaggi sono animati ovviamente meglio di quanto fosse stato fatto fino a quel momento. I poveracci Pixar-dipendenti hanno pure dovuto fare immersioni subacque nella barriera corallina (ah, che duro lavoro!) e in un acquario ricostruito all'interno degli studi Pixar, così da poter studiare la vita sottomarina e avere una conoscenza profonda degli elementi che avrebbero fatto parte dell'ambientazione di questo film.
Il sarcasmo PIXAR che tanto amo c'è, nella figura di Marlin, costretto a sopportare la smemorata Dory.
La struttura delle due trama incrociate, che confluiscono in un unico finale non so come giudicarla: da una parte è un'impostazione originale, è realizzata bene alternando le due vicende, dando ad entrambe il medesimo peso all'interno del lungometraggio. Però temo che questo "smezzamento" non permetta di affezionarsi a sufficienza ad un cast o all'altro, nonostante da ambo le parti ci siano personaggi affascinanti.
Dory è molto divertente, il rapporto padre-figlio tra Marlin e Nemo è rappresentato bene, lo squalo in crisi d'astinenza è un'idea molto simpatica, Branchia pesce-SteveMcQueen mi piace da impazzire...
E allora perchè in generale non mi piace Finding Nemo? Boh.
Forse per la presenza di un paio personaggi che vorrebbero far ridere ma si rendono odiosi: io non riesco a sopportare la tartaruga e quel "Bbbbello" che mi fa venire voglia di strozzare Masciarelli se mai lo dovessi incontrare per la strada (anche se è diventato un tormentone che ha fatto sbellicare praticamente tutto il pubblico). Lo trovo irritante più delle alci di Koda o alla stregua dei personaggi only-LOL della Dreamworks. E poi all'interno dell'acquario il pesce che si nutre di sporcizia... bah!
ma questo non è sufficiente a farmi dire che il film è deludente...
Forse le ambientazioni, che nella metà "marina" in cui Dory e Marlin se ne vanno a zonzo tra tonnellate di acqua, risultano a lungo andare monotone...
Mah, non sono mai riuscito a capire perchè Nemo non mi convincesse quanto è successo all'intera popolazione mondiale. Forse per la struttura road-movie che mi appassiona meno rispetto a quelle più elaborate degli altri film PIXAR, forse per i personaggi che, a parte un paio di eccezioni sono meno carismatici degli altri creati dalla PIXAR, forse ho un inconscio odio per i pesci... Boh! Magari me lo spiegate voi perchè non mi piace. ^^
Oddio, non intendo dire che sia brutto, matra la rosa dei film PIXAR lo ritengo il meno bello. E' comunque nettamente superiore alla media dei film d'animazione.
Piccola curiosità: questo è il film più cruento della Disney. Ma vi rendete conto che nei primi due minuti di film muoiono più di 400 personaggi!??!?! Tsk, altro che PG, doveva essere classificato come vietato ai minori...

Gli "inside-jokes" e le citazioni che tanto piacciono allo staff PIXAR qui sono presenti in gran numero:
- A113 è il modello della macchina fotografica del sub (A113 è la classe della scuola di animazione in cui lavorò Brad Bird, e che nasconde in ogni sua opera)
- Nello studio del dentista si possono notare un piccolo congelatore e un diploma (nella sala d'attesa) con sopra il marchio PIXAR e un logo con l'alieno di Toy Story
- Tra i nomi "sbagliati" con i quali Dory chiama Nemo, ci sono Chico e Harpo, omaggio ai fratelli Marx, e Elmo, personaggio della serie Sesame Street (non mi ricordo se questi nomi sono stati mantenuti nella versione italiana)
- Toy Story viene citato in due occasioni: nella sala del dentista si trova un Buzz Lightyear, e durante la sequenza in cui Branchia attraversa la strada si può vedere un camioncino di Pizza Planet
- Sempre nella sequenza di attraversamento della strada possiamo vedere un personaggio di Cars
- Anche Monsters & co. vieni citato: sul tavolino dello studio dentistico c'è il libro "M for Monster". Sempre nello studio c'è il disegno che Boo fa in "Monster & Co.". Inoltre nei titoli di coda fa la sua comparsa anche il buon caro Mike Wazowski.
- Sempre sul tavolino dello studio dentistico c'è un fumetto di Mr.Incredible
- citazioni di Alfred Hitchcock, con la scena del molo che fa il verso a "Gli uccelli", e la musica di "Psycho" che si sente quando entra in scena Darla
- Nella scena in cui lo squalo insegue Dory e Marlin, quando sfonda la porta, è una citazione dal film "Shining" di Kubrick
- Bruce, lo qualo, è il nome che era stato dato allo squalo eccanico usato nel film "Lo squalo" di Spielberg
- La battuta "Entrate nel mio becco, se volete vivere" pronunciata dal pellicano, potrebbe essere una citazione da Terminator, quando a Sarah Connors viene detto "Vieni con me, se vuoi vivere"
- si vocifera che la ricorrenza con cui si presenta il numero 42 nel film (Per esempio, 42 Wallaby Way Sidney, oppure i 4.2 minuti che il dentista passa in bagno) potrebbero essere una citazione del numero 42, come senso della vita, l'universo e tutto quanto, nella Guida Galattica per autostoppisti

Nell'estate e autunno 2003, il turismo subacqueo nelle coste est dell'Australia aumentò notevolmente, con molte persone che volvano "ricercare Nemo". Vennero venduti anche un sacco di pesci pagliaccio a bambini che, attirati dal film, volevano avere un loro Nemo; purtroppo il trattamento che venne riservato a molti di essi non fu il migliore, causando un maltrattamento della specie, simile a quello che ci fu nel confronto dei cuccioli di dalmata dopo il boom de La carica dei 101.
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Messaggioda Quackmore » lunedì 06 marzo 2006, 20:21

E' uno dei miei film preferiti nella storia del cinema.
A presto,
Michele
Avatar utente
Quackmore
Witcher
Witcher
 
Messaggi: 341
Iscritto il: sabato 03 dicembre 2005, 15:46
Has thanked: 3 times
Been thanked: 0 time

Messaggioda Valerio » lunedì 06 marzo 2006, 20:24

l'anno successivo Shrek gli ruberà però lo scettro

Falso cmq. Ma te lo spiega il buon Grrodon perchè non ti piace. 1) Per l'eccessivo clamore che ha suscitato il film, e che quindi pare sempre un po' ingiustificato. 2) Perchè ci sono i primi abbozzi di umorismo dreamworksiano, che tu stesso hai menzionato. 3) Perchè le due trame potevano convergere in una bella battagliona finale frenetica che avrebbe coinvolto tutti come in Toy Story 2 e invece tutto si è ridotto a pochi minuti nello studio del dentista e a quella scena coi pesci che nuotano in giù.
Ma ovviamente sono cose che esporrò meglio quando toccherà a me.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda DeborohWalker » martedì 07 marzo 2006, 00:33

Dr Grrodon ha scritto:
l'anno successivo Shrek gli ruberà però lo scettro

Falso cmq.

Ops.
Intendevo Shrek 2.
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Messaggioda Valerio » sabato 18 marzo 2006, 15:00

Il 2003 verrà per sempre ricordato come il primo anno senza Classici Disney da un decennio a questa parte. E' infatti parecchio strano come in quest'anno fossero usciti al cinema solamente due film dei Toon Studios: Il Libro della Giungla 2 e Pimpi Piccolo Grande Eroe. Serviva un film natalizio, per non rompere con la decennale tradizione che vedeva il ritorno del Disney D.O.C. sugli schermi cinematografici durante le festività. Afflitta dagli insuccessi degli ultimi due Natali, Atlantis e Il Pianeta del Tesoro, la Disney, perlomeno in Italia, scelse così di puntare una volta per tutte su un film Pixar, favorendo in questo modo il tanto vituperato passaggio del testimone dal 2d al 3d. E dev'essere stata questa scelta, con la relativa campagna pubblicitaria che ne conseguì, ad aver di molto aiutato Alla Ricerca di Nemo a passare alla storia come il film d'animazione dei record. Il film infatti riuscì a battere il campione d'incassi Il Re Leone, e divenne il film d'animazione di maggior successo della storia del cinema, aggiudicandosi in questo modo l'oscar 2003 per il miglior film d'animazione. Ma, a ben vedere, Alla Ricerca di Nemo è ben lungi dal rappresentare la perfezione, apparendo forse come il più debole tra i film Pixar. Quel che è certo è che lo sforzo produttivo per riuscire a rappresentare dei fondali marini realistici ma carichi di appeal, non fu indifferente. E questo riuscì a conferire al film un respiro così ampio da farlo apparire come un autentico Kolossal dell'animazione tridimensionale, che per troppo tempo aveva avuto come referente stilistico il minimalismo di Toy Story. Un'ambientazione così "magica" permise al film di trattare meglio di ogni altro alcune tematiche assolute, come il rapporto tra padre e figlio, che avrebbe reso Finding Nemo il più simile a un Classico Disney fra i lungometraggi Pixar. Strutturalmente Nemo è un film di viaggio, che vede impegnato l'iperprotettivo e pavido pesce Marlin nella ricerca del figlioletto, nato con una pinna rattrappita e finito nell'acquario di uno studio dentistico. Per la prima volta dal Gobbo di Notre Dame si parla quindi di handicap fisici, e per la primissima volta in un film Pixar il tema della morte è presente, come dimostrato dallo strascico psicologico che la strage della moglie e dei figli - una delle scene più forti mai viste in un film Disney - ha lasciato in Marlin. Come ogni road-movie che si rispetti, anche Finding Nemo è strutturato a incontri, e sebbene ci siano ampi stacchi sullo studio dentistico in cui Nemo attende il padre, le parti più memorabili rimangono gli episodi in cui Marlin e Dory, la pesciolina che si unisce a lui, incontrano gli abitanti del mare. Ma è proprio in questi episodi che il film mostra i primi punti deboli, e sebbene la seduta di disintossicazione degli squali sia tra le idee più geniali del film, certi personaggi come le tartarughe, alcuni compagni di prigionia di Nemo e la stessa Dory, si rivelano essere i primi sintomi di quell'umorismo un po' sbragato, che sarebbe in seguito diventato la caratteristica principale di film come Madagascar. Lo studio dentistico in cui Nemo finisce, inoltre, poteva essere il teatro perfetto per una movimentatissima scena finale che, alla maniera di Toy Story 2, avrebbe coinvolto un po' tutti i personaggi. Peccato che la scena sia stata fortemente limitata a vantaggio della "nuotata all'ingiù" dei pesci pescati, che per quanto forse più significativa per l'economia della trama, nel complesso appare poco convincente.
Difetti risibili, certo, che però nel complesso non riescono a non sembrare i presupposti che avrebbero reso il panorama cinematografico degli ultimi tempi tanto monotono e votato all'umorismo facile e disimpegnato. Un panorama di cui la Pixar non ha mai fatto parte, ma le cui caratteristiche, positive o negative, sarebbero state largamente saccheggiate da Dreamworks per lanciare queste ultime mode.
Le citazioni pixariane si sprecano anche per questo film, arrivando a mostrare Mike Wazosky di Monsters & Co. nuotare fra i titoli di coda e citando nello studio dentistico, oltre al solito Toy Story, anche il futuro Gli Incredibili. Il film per la prima volta dopo tanto tempo non si conclude con i consueti fuori-scena, ma lungo i titoli di coda saranno cmq presenti un gran numero di gag, che accompagneranno lo spettatore fino alla fine, sulle note di Beyond the Sea, unica canzone presente lungo i 97 minuti di durata del film.
Il successo strepitoso di Alla Ricerca di Nemo convinse la Disney a ripetere l'esperimento l'anno successivo, riservando a Gli Incredibili il ruolo di film evento dell'anno e relegando i poveri Koda Fratello Orso e Mucche alla Riscossa fra le uscite meno importanti. Il panorama stava irrimediabilmente mutando.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Francesco F » sabato 18 marzo 2006, 19:19

sono profondamente disappuntito (-cit-) per come sono state sostituite le mie immagini, e come preannunciato in chat...

[19:18:48] <@Elikrotupos> basta, non posterò mai più IT
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda Valerio » sabato 18 marzo 2006, 19:28

E' stato Deboroh a dirmi di farlo! Io sono solo un admin fantoccio...
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda DeborohWalker » sabato 18 marzo 2006, 21:37

Ehi, ma io ho criticato solo l'immagine...

Se Grrodon avesse lasciato entrambe le coppie di immagini io ero contento uguale! Ma LUI esige che in tutti i dibattiti-recensione l'immagine sia solo nel primo post...
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Messaggioda Valerio » domenica 19 marzo 2006, 00:16

Ma guarda cosa si inventano 'sti comunisti per gettar fango sulla mia gestione...
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Francesco F » lunedì 20 marzo 2006, 10:58

no comment :stronk:
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda Valerio » lunedì 20 marzo 2006, 11:26

Ok, hai vinto. Ridammi il link di 'sto cavolo di immagine prima che avvenga lo scisma.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Francesco F » martedì 21 marzo 2006, 13:58

appena torno a casa ci penso io...
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda Valerio » martedì 21 marzo 2006, 13:59

Sono queste le cose importanti nella gestione di un forum, eh. Non scrivere una rece decente per Gli Incredibili :cazz:
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Disney/Pixar: Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda camera9 » lunedì 29 ottobre 2007, 18:19

Uno dei film PIXAR migliori di sempre.
Prima di RATATOUILLE anzi il capolavoro della DISNEY/PIXAR era proprio ALLA RICERCA DI NEMO.
Il film è superlativo in ogni suo aspetto, tecnico, narrativo e caratterizzazione di personaggi.
Le meraviglie tecniche sono ovvie.Il reaalismo grafico raggiunge qui livelli superlativi.
La storia è ottima, densa di significato,molto adulta, si dirama ottimamente in due senza intoppi.
Anche la caratterizzazione dei personaggi è ottima.Marlin e Nemo sono personaggi tridimensionali (si, va bè, ridete pure), vicini allo spettatore,perfettamente credibili.

E ora passiamo alla parte della difesa.
ALLA RICERCA DI NEMO non è un film di umorismo facile,nè presenta quei personaggi la cui caratterizzazione è accostabile a quelli di MADAGASCAR.
Non presenta assolutamente quelle gag alla SHREK di cui lo accusate.
Questo perchè i personaggi che qualcuno confonde per spalle comiche non sono tali, semmai sono personaggi simpatici.
La tartaruga Scorza non è personaggio pensato per far ridere, è un personaggio simpatico.Così i "compagni di cella " di Nemo,semplicemente dovevano dare a nemo una buona schiera di comprimari durante la prigionia,e hanno optato per un cast simpatico, ma che non si abbandona a gag demenziali.
Dory è un ottimo personaggio,se assume il ruolo di spalla comica lo fa solo occasionalmente;è funzionale alla maturazione di Marlin che si ritrova per compagna un personaggio che considera menomato come il figlio per poi rendersi che non necessita di protezione.

Questi personaggi sono tipici della DISNEY/PIXAR, il loro tipico campionario di personaggi fuori di testa che hanno antecedenti in TOY STORY (Ham,Slinky,Mr.Potato,Rex,i soldati giocattolo,lo stesso Buzz) e in A BUG'S LIFE (gli insetti circensi).Nessuno di questi è comico, semmai sono simpatici.


ALLA RICERCA DI NEMO insomma è un film perfetto,giustamente acclamato.Prima di RATATOUILLE era il mio film PIXAR preferito e difficilmente ho creduto si potesse far di meglio.
Avatar utente
camera9
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 245
Iscritto il: domenica 29 aprile 2007, 18:51
Località: Bari
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Disney/Pixar: Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda Valerio » lunedì 29 ottobre 2007, 18:56

Nessuno ha detto che sia brutto. Però anche le tue argomentazioni non è che siano fulgide: dici che ci sono personaggi simpatici, ed è vero. Ma la cosa finisce lì, c'è un bel background drammatico che fa molto Disney Classic e una realizzazione dell'ambiente marino che è facile credere abbia non poco impressionato all'epoca. La sceneggiatura sul finale traballa pure un pochino, rinunciando a un ottimo climax (che stava iniziando nello studio dentistico) per puntare tutto sulla cosa del "nuotate in giù", piuttosto debole.
E se consideriamo soltanto l'humor, Nemo ha solo da perdere di fronte ai due Toy Story, Ratatouille e Monsters & co. veri e propri campioni di arguzia e intelligenza. Le trovate, i parallelismi, i paradossi e le sorprese che sono stati inseriti in quei film hanno dello straordinario, e in confronto a loro Nemo è solo un buon film in CGI per famiglie. C'è l'ottima trovata degli alcolisti anonimi, certo, ma pure un sacco di tormentoni tipo "bello" "pesce da lenza hu-ha-ha!!", il megatterese, che altro non sono che scorciatoie umoristiche per traghettare il film verso il grande pubblico. Umorismo facile, appunto. Fatto bene nel suo essere facile, ma facile.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10355
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Disney/Pixar: Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda camera9 » lunedì 29 ottobre 2007, 19:14

Io quelle trovate non le considero trovate umoristiche, anche perchè penso che nemmeno alla pixar le considerassero tali quando le idearono.Più che altro sono elementi di leggerezza (imho ben fatti) inseriti in una trama che altrimenti sarebbe fin troppo drammatica.
Avatar utente
camera9
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 245
Iscritto il: domenica 29 aprile 2007, 18:51
Località: Bari
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Disney/Pixar: Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda Bramo » domenica 13 gennaio 2008, 13:05

"Alla ricerca di Nemo" ha un incipit probabilemnte tra i più tristi della storia dell'animazione targata Disney... ancor prima che compaia il titolo c'è la morte della moglie di Marlin, fattaci quasi più che intuire, in una scena d'azione ma che fa scendere subito una lacrima (e anche più) nei primi minuti, con la decisone di chiamare l'unico sopravvissuto con il nome che voleva la moglie, tradsformando una battuta inizizle in qualcosa di profondo...
Profondo come l'oceano, vero scenario di questo film, che quando vidi per la prima volta mi coinvolse: infatti l'umorimso da me adorato di Monsters & C0. era assente, c'erano scene divertenti e tormentoni ma di stampo e finalità diversi, qui atti a stemperare la disperazione depressiva del protagonista, che diventato iper protettivo nei confronti di Nemo non sa più che pesci pigliare (questa è orrenda di battuta... :oO: -_- ) e si butta a pesce (bastaaaa...) alla ricerca del figlio scomparso facendosi prednere dallo sconforto... meno male che con lui c'è Dory, personaggio non facile a cui affezionarsi proprio per la sua caratteristica principale, il dimenticare tutto subito.
La Pixar tenta di fare un "Bambi" moderno, quindi, dove cervi diventano pesci, e dove le atmosfere cupe della foresta diventano quelle ansiogene e schiaccianti dell'immensità blu... gli incontri dei due pesci sono l'ironia che offre ai più piccoli il film (le tartarughe semi-fricchettone in primis) per un film che però è molto più adulto di quello che potrebbe sembrare.
Ottimi i doppiatori italiani Ziangaretti, Signoris e Masciarelli, trama quindi particolare e non facile, tanto che ancor oggi il mio giudizio rimane sospeso...
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: [PIXAR # 5] Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda Bramo » lunedì 22 ottobre 2012, 22:46

Immagine

Sono solo io che sto sboccando sulla locandina della versione 3D di Alla Ricerca di Nemo fin dal primo giorno in cui l'ho vista? :vomit:
(però allegano alla proiezione il nuovo Toy Story Toons, dai, bravi... però la locandina è troppo :vomit: )
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: [PIXAR # 5] Alla Ricerca di Nemo

Messaggioda Vito » martedì 23 ottobre 2012, 13:17

Lol che dreamworksata
Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Vito
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1356
Iscritto il: martedì 28 aprile 2009, 17:42
Has thanked: 12 times
Been thanked: 25 times

Prossimo

Torna a Pixar Animation Studios

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy