Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Disney] PKNE: Paperinik New Era

Gottfredson, Barks, Scarpa, Rosa, la scuola italiana, con un occhio di riguardo anche ai Disney spillati. Perché ricordiamo che il Sollazzo nasce qui, grazie a un certo papero mascherato...

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda La Redazione » martedì 10 maggio 2016, 11:23

Speciale Ventennale - Timecrime


Immagine


Beh, mi sembra giusto: sono volati questi 20 anni e quindi anche questo ventennale sembrava iniziato ieri, e invece... e invece eccoci all'ultimo appuntamento, per il quale abbiamo recuperato anche una vecchia conoscenza!

FRANCESCO ARTIBANI


Levin: Domanda sulla sceneggiatura in generale. Per le tavole senza una griglia rigida descrivi tu dettagliatamente la disposizione delle vignette, disegni il layout o lasci piena libertà al disegnatore, limitandoti ad indicare il numero di vignette per pagina e descrivendone il contenuto?

Francesco: Sì, mi limito a indicare contenuto e atmosfera della scena dando qualche indicazione un po' più specifica se c'è da tener conto di un determinato punto di vista o un particolare taglio di inquadratura evidenziando sempre quali sono le cose che contano in quella scena, così da permettere al disegnatore di concentrarsi su quello che occorre davvero, senza farlo perdere dietro troppi dettagli inutili. Per la gabbia libera mi affido sempre alla sensibilità del disegnatore perché solo lui ha davvero il polso della pagina illustrata.


Levin: La frase "Paperinik, Pikappa o DoubleDuck non sono forse lo stesso papero?" ben sintetizza il messaggio dell'intera storia. Ma vuole anche dire che a differenziare fra "Paperinik" e "Pikappa" non siamo solo noi, ma pure gli stessi personaggi in-universe?
Anche in Potere e Potenza sembravano esserci accenni del genere, con il Razziatore che chiosa "Sei diventanto Pikappa difendendo la tua città dagli Evroniani!", o con Angus che afferma di non vedere Pikappa da un pezzo. Quindi Paperino si considera “Pikappa” solo quando indossa lo scudo extransformer o utilizza tecnologia Ducklair? Ci puoi spiegare qual è la tua visione del personaggio?


Francesco: Non è sicuramente una visione schizofrenica, Paperino sa di avere più ruoli ma sa anche tenerli separati, evitando di fare confusione o di mescolare gli elementi contaminando gli scenari. I personaggi di contorno sono tenuti comunque ben distinti e dunque Angus Fangus, tanto per fare un esempio, non farà mai una sortita fuori dalle storie di Pikappa comparendo in una storia classica di Paperino e zio Paperone. Questa è una mia visione personale che non ha la pretesa presuntuosa di venire estesa a tutto l'universo disneyano dei paperi. Per quello che mi riguarda, come regola personale, considero Paperino uno e uno soltanto e questa è una visione che mi aiuta a scriverlo con tranquillità perché mi permette di mantenerlo coerente in tutte le storie. Paperino ha più identità segrete ma riesce a viverle con la massima naturalezza; lo scenario sullo sfondo – quello della famiglia e della città – è sempre lo stesso e anche questo è trattato in modo coerente. Il papero "unico" secondo me è finisce poi per risultare un personaggio più forte e contribuisce a creare un legame ancora più solido con il lettore (che è il solo a condividere con lui la verità sulla sua tripla identità). È solo un gioco fumettistico assolutamente innocuo che crea un terreno fertile per le storie più diverse.


Valerio: Al suo ritorno nel XX secolo PK rimane "spoilerato" sul suo stesso futuro. Mentre il "nostro" ha dichiarato di non aver alcuna memoria di questa avventura nel suo passato. Di espedienti per uscire da questa situazione ce ne sono diversi: Car-Can, Total Reset Button o... timeline che si autocorregge con amnesie strategiche per impedire paradossi (mi pare lo usino nel crossover del 50° di Doctor Who), tuttavia questo punto rimane insoluto. Ci spieghi un po' meglio come va inteso tutto questo?

Francesco: In qualche modo il Pikappa del ventesimo secolo deve aver perso il ricordo di questa avventura per evitare eventuali paradossi o contraddizioni. Al fine della storia di Timecrime questo dettaglio sarebbe stato un appesantimento inutile in un finale che, al contrario, doveva scorrere via veloce e leggero. Sappiamo che a Pikappa/Paperinik/DoubleDuck non mancano certo i mezzi per cancellare la memoria ma questo è un particolare che può essere mostrato o meno. È una porta aperta, una possibilità che ci siamo lasciati dietro: potrebbe essere lo spunto per un'altra storia con Pikappa e DoubleDuck oppure no.


Valerio: Nessuno poteva immaginare che l'Agente Zero che veniva nominato nella tua prima storia di DD si sarebbe rivelato così importante per l'intera mitologia. Ci sveli qualcosa di più sul processo creativo dietro questo personaggio?

Francesco: Quando Axel è apparso per la prima volta è entrato in scena preceduto da un alone leggendario che ce lo descriveva come il migliore agente dell'Agenzia, nonché fidanzato di Kay K – solo per scoprire alla fine della storia (Agente Zero) che quello che avevamo conosciuto non era il vero Axel. Nonostante questo sapevamo ormai tutto di lui e dunque era inevitabile un suo ingresso in scena, non fosse altro che per regolare i conti con Paperino che l'aveva impersonato ricorrendo al classico gioco di maschere. Mi divertiva l'idea di raccontare la storia di un personaggio senza sentire mai la sua vera voce e Timecrime è stata l'occasione per sorprendere i protagonisti facendo entrare in scena un Axel Alpha perfettamente sicuro di sé, un po' risentito (ma non troppo) nei confronti di DoubleDuck. Con la sua apparizione Axel ha confermato tutto quello che conoscevamo di lui (a riprova che la precedente interpretazione di DoubleDuck non era stata poi così male) ma ha aggiunto qualcosa di più sul proprio conto rivelando la sua condizione di superspia mercenaria fredda e professionale, un vero duro privo di scrupoli, capace di prendere decisioni veloci, crudele e lucido. Axel, un po' come lo scudo extransformer conservato nel magazzino dell'Agenzia, è stato un protagonista a scoppio ritardato, un seme messo lì per germogliare quando meno uno se lo aspetta.


Valerio, rayleigh92: In effetti che ci fosse una connessione tra l'Organizzazione e... l'Organizzazione è un qualcosa che in molti si erano aspettati. L'idea è piaciuta molto, perché elimina quella che altrimenti risulterebbe una ridondanza all'interno della "mitologia" Donaldiana. Puoi dirci se questo collegamento l'hai stabilito tu oppure già ribolliva ai tempi della creazione del primo DD?

Francesco: No, questo collegamento è opera mia ed è una delle prime cose che ho pensato quando ho cominciato a lavorare a DoubleDuck qualche anno fa. Il parallelismo era troppo invitante per lasciarlo cadere, le serie sono praticamente speculari, con i due paperi protagonisti, Kay e Lyla, l'Agenzia con i suoi gadget e la Ducklair Tower e l'extransformer… Il fatto che la società segreta avversaria dell'Agenzia fosse stata ribattezzata l'Organizzazione era un'occasione casuale ma del tutto unica per cucire insieme i due universi e così, partendo dalle tante analogie, è nato Timecrime.


RedLas, generalezargon, rayleigh92: Axel Alpha è passato da nemico occasionale di Doubleduck ad architrave della mitologia di Pikappa. Dopo questa storia, è destinato a scomparire nell'ombra nel XXIII secolo, senza più tornare a farsi vivo né con DD né con PK? Oppure hai qualcosa in mente per (è il caso di dirlo) il futuro di questo personaggio? Vedremo mai come ha iniziato a costruire l'Organizzazione e qual è il suo rapporto con le triadi che abbiamo visto a capo del cartello criminale?

Francesco: Per quello che mi riguarda non lo riporterò più in scena, personalmente non credo sia necessario raccontare nel dettaglio la nascita dell'Organizzazione. Sappiamo come agisce Axel, sappiamo come sarà strutturata l'Organizzazione del futuro e dunque preferisco che il lettore possa sbizzarrirsi immaginando gli scenari più spericolati sapendo già come andrà a finire. Poi se qualche altro autore vorrà avventurarsi in questi sentieri inesplorati sarà chiaramente libero di farlo.


generalezargon: La scena finale a Villa Rosa ha messo in crisi le menti dei pker, non più flessibili ed acute come un tempo. Quando hai finito di ridacchiare, puoi spiegarci come mai vediamo Paperino e nipotini impassibili allo scorrere del tempo, al contrario dei futuri capoccia dell'Agenzia? Più in generale, come preferisci muoverti nel gestire qualcosa di "impossibile" come la stasi temporale tipica del mondo Disney e qualcosa in eterno divenire come la continuity pikappica?

Francesco: Quel finale è più una citazione romantica che altro, un piccolo scherzo destinato a ribadire l'idea per cui c'è un solo papero e un solo universo paperopolese. E mostrare Paperino e i tre nipotini sempre identici a sé stessi è un altro modo per sottolineare il loro ruolo mitico di quei personaggi che attraversano indenni il tempo. Per i futuri direttori dell'Agenzia e per il povero Gizmo invece il tempo passa, sono personaggi più deperibili… ma se questa spiegazione metafisica non vi convince del tutto allora possiamo semplicemente pensare che lavorare per l'Agenzia è faticosissimo e si invecchia prima oppure – rilancio - i tre probabilmente hanno avuto qualche disavventura terrificante che li ha fatti invecchiare precocemente – magari una conseguenza imprevista della tecnologia Ducklair che Gizmo avrà messo sotto la lente d'ingrandimento. Gizmo potrebbe aver sperimentato gli effetti collaterali del sistema 87bis e insieme a Jay J e Head H e dopo l'incidente lo scudo è stato archiviato… insomma le possibilità sono tantissime!


generalezargon, Levin: T32 viene dal futuro ed è un ex Tempoliziotto… come mai non (ri)conosce l'Organizzazione? E come si sente un uomo che ha coronato il sogno di tutti noi, dare vita alla nemesi dei nostri precedenti datori di lavoro?

Francesco: T32 semplicemente arriva da un'epoca immediatamente precedente la nascita dell'Organizzazione (fosse anche un giorno soltanto è più che sufficiente per collocare questa storia). Per quello che mi riguarda sono contento di aver chiuso il cerchio e credo che anche Axel Alpha sia soddisfatto di questo: in un colpo solo si è liberato dal fardello della sua condizione di ricercato nel XXI secolo e si è creato una nuova esistenza nel futuro. Sono fortune che non capitano tutti i giorni!


Levin: T32 come villain mi ha ricordato vagamente Tyrrel Duckard. Avevi pensato, in una prima stesura della storia, di ripescare l'ex fidanzato di Lyla? E più in generale puoi dirci se è nei piani del PKTeam recuperare quel personaggio, uno dei più interessanti della seconda serie?

Francesco: Come ho risposto prima sì, l'idea di recuperare Axel c'era. Per quello che riguarda i piani del PKTeam direi che Tyrrel al momento non è previsto all'orizzonte.


Andrea87: Diabolico Arti! Nella scorsa tornata del Botta&Risposta citavi Brutopia… ed eccola menzionata pure nel secondo episodio! Questo è uso privato di mezzo forumistico (o, uh, qualcosa del genere) e per punizione dovrai rispondere ad una domanda da veri nerd!
Il sigillo dell'ambasciata di Brutopia è diversissimo dalla classica bandiera barksiana con… ceppo e martello. E' perché si tratta di simboli diversi o possiamo immaginarci che anche Brutopia, come Belgravia, abbia finto di ammorbidirsi nel tempo, magari dopo la caduta della Cortina di Ferro?


Francesco: Sicuramente anche la Brutopia si è adeguata rifacendosi il trucco, come la Belgravia.


Portamantello: Dopo il crossover, vogliamo lo spin-off! Noi pkers siamo stati incantati dal virile carisma di uno dei capi dell'Organizzazione catturati da Axel e T32, ovvero il cugino romano di Gambadilegno. Dicci di più su di lui! Come si chiama, qual è la sua pizza preferita, a che partito è iscritto, ecc. ecc....

Francesco: Il capo della sezione italiana dell'Organizzazione era candidato alle prossime amministrative capitoline ma l'arresto da parte dell'Agenzia ha spezzato la sua promettente carriera politica. Tutte le informazioni sul suo conto sono secretate. In ogni caso la quattro stagioni è la sua pizza preferita.


Valerio, rayleigh92: Torniamo (più o meno) seri e parliamo di prospettive future. Poco tempo fa hai annunciato una pausa nel tuo lavoro su PK. Lo smantellamento - sia pur provvisorio - dei vertici dell'Organizzazione e della Divisione lascia un senso di compiutezza anche nel tuo lavoro su DD. Intendi mettere in stand by anche questa serie?

Francesco: Ho qualche spunto per DoubleDuck e ne vorrei parlare in redazione appena ultimate le lavorazioni in corso. Secondo me il papero agente segreto ha ancora moltissime possibilità, il suo è un mondo incredibilmente interessante e i comprimari sono molto divertenti e mi piacerebbe scrivere ancora qualche avventura.


Valerio: Lasciando il mondo di DD, chiedo (ancora una volta, come avevo già fatto mesi fa, col Raggio Nero) quali saranno le coordinate pikappiche a cui darsi appuntamento nei prossimi tempi. Nei limiti del rivelabile, cosa bolle in pentola dalle parti del Pk Team? E cosa bolle in pentola in generale nel laboratorio artibanico?

Francesco: Per Pikappa abbiamo recentemente fatto una riunione organizzativa con il PKTeam (Davide Catenacci, Stefano Petruccelli, Alessandro Sisti, Claudio Sciarrone, Max Monteduro e Lorenzo Pastrovicchio sotto la guida di Valentina De Poli) e abbiamo preparato le prossime storie cucendo insieme un doppio arco narrativo particolarmente interessante. Le storie si alterneranno con la cadenza attuale (due episodi lunghi all'anno) e a occhio e croce, per quello che mi riguarda, dovrei chiudere tutta la mia parte per l'annata 2018/2019. Per le mie cose non pikappike ci sono molte storie in preparazione per Topolino, alcune già annunciate come Metropolis disegnato da Paolo Mottura e altre di prossima uscita come una storia in quattro puntate realizzata con Claudio Sciarrone. C'è inoltre un progetto articolato per Topolino che partirà in autunno e per l'anno prossimo dovremmo vedere il seguito ideale di Zio Paperone e l'ultima avventura, una lunga storia per celebrare i 70 anni di Paperone. Ancora più in là, fuori dai confini disneyani, c'è Materia oscura, una nuova storia di Lupo Alberto disegnata da Silver per il progetto del CNR Comics & Science che sarà presentata al Salone del Libro di Torino. E subito dopo arriva il trentunesimo capitolo delle avventure di Monster Allergy per la casa editrice Tunué scritto con Katja Centomo e disegnato da Federico Nardo. Per l'anno prossimo spero poi di vedere in edicola l'avventura realizzata con Werther Dell'Edera per la collana Le Storie di Bonelli. Ma altre cose ancora sono in preparazione, a fumetti e per i cartoni animati, servono solo giornate da 72 ore per poter fare tutto con calma.




LORENZO PASTROVICCHIO


Valerio: Io una domanda, se vorrà partecipare, la porrei anche al... Pastro! Dato che Artibani nella prima ondata ha detto che quando venne proposta alla redazione Timecrime era nello stesso pacchetto di proposte di Potere e Potenza, e dato che sappiamo che sei stato parte attiva della genesi di PKNE, ti è per caso capitato di mettere lo zampino in qualche modo anche qui?

Lorenzo: La storia era già ben delineata, ma nonostante ciò con Arty qualche battuta ce la siamo scambiata, perché siamo amici e perché mi piacciono le sue storie. Con PK in particolare mi sarebbe piaciuto seguirle tutte...però in compenso vi siete beccati un Mottura graficamente irraggiungibile e spettacolare. Una cosa è certa, se possibile cercherò sempre di dare il mio contributo per PK, specialmente ora che abbiamo ricominciato a ritrovarci in redazione ricreando una situazione creativa da PK team, e vi assicuro che porterà a sviluppi incredibili per i prossimi anni...





Non ci resta che augurare buon lavoro ai nostri ospiti, ringraziarli come sempre del trittico disponibilità-gentilezza-simpatia e... sperare che voli anche il tempo che ci separa dai prossimi anni e dalle prossime storie!
Ma i pkers sapranno come indagare l'attesa, con discussioni argute e riflessioni profond-

...ma voi preferireste "Panzadilegno" o "Gambaderoma"?


EDIT: Ma non finisce qui! Un incredibile aggiornamento dell'ultimo minuto!

Francesco: Panza De Legno ha delle belle possibilità, può andare lontano se non si rovina nel crescere!



E che altro c'è da dire, se non :adore: ?
Avatar utente
La Redazione
 
 
Messaggi: 274
Iscritto il: giovedì 18 luglio 2013, 15:28
Has thanked: 0 time
Been thanked: 42 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda generalezargon » martedì 10 maggio 2016, 12:50

Come sempre un grazie particolare agli autori per la loro disponibilità e simpatia!
Avatar utente
generalezargon
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 40
Iscritto il: domenica 17 maggio 2015, 08:22
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda FearTear » martedì 10 maggio 2016, 19:45

Ora che le domande sono finite e la storia è agli archivi posso sentirmi libero di dire la mia.

E niente, nonostante tutta la buona volontà e i pregiudizi messi a tacere non riesco proprio a condividere... anzi, non riesco proprio a capire l'entusiasmo e le lodi sperticate per una storia che io reputo invece mediocre da qualunque parte io la guardi.

Tolte le strizzate d'occhio, le citazioni, le "genialate" per far coincidere i due universi narrativi, cosa resta? Un'avventura in cui i protagonisti, forzati da innumerevoli esigenze narrative, non ne combinano una giusta che sia una. E per essere una storia che coincide col ventennale di PK, è una cosa grave.

Vogliamo parlare di tutte le volte in cui Kay K. si lascia sfuggire come un'idiota Axel Alpha (l'ultima dopo che l'aveva pure atterrato, rendendo così inutile il diversivo dell'Extransformer che scompare)? O di tutte le occasioni che ha avuto PK per utilizzare il paralizzatore bradionico su Axel e T32, ma le ha sprecate solo per gli inutili scagnozzi senza nome? O di come nella prima parte i tre eroi se ne stanno tappati in casa di Kay per QUASI DUE GIORNI ad aspettare che Lyla venga trasferita?
Personalmente, non ci ho goduto per niente nello scoprire che l'origine dell'omonimia delle due Organizzazioni è stata causata dalla totale incapacità dei protagonisti di ribellarsi alle esigenze di copione.

Così come, visto il motivo per cui ci si è arrivati, non ci tenevo a scoprire come l?extransformer è finito a far polvere negli scantinati dell'Agenzia.
Con tutte le opzioni che aveva PK per creare un po' di luce per distrarre Axel e disarmarlo (o disarmarlo e basta, un colpo di Crasher in faccia sarebbe bastato, tanto più che Axel era impegnato a puntare la sua pistola da tutt'altra parte invece che tenere sotto tiro Kay) è logicamente impossibile che abbia pensato subito proprio all'opzione 87bis, quella che gli avrebbe fatto perdere l'Extransformer.
C'era davvero bisogno di far comportare PK da imbecille, inutilmente poi, visto che Kay ha sprecato l'occasione lasciandosi scappare Axel subito dopo, solo per giustificare un semplice e simpatico cameo dell'Extransforme in Codice Olimpo?

Lo so cosa state pensando, che feartear è il solito rompiscatole che se non punta il dito contro ogni singolo difetto della storia di Artibani non è contento.
Beh, non stavolta. Fino alla prima parte anzi non avevo trovato nulla da ridire (tant'è che manco mi ero accorto dei vari svarioni di disegno di Mottura). Ma quando le esigenze di copione diventano TROPPE al punto da rendere la trama forzata e devota solo a giustificare l'omonimia dell'Organizzazione e il cameo dello scudo, è impossibile non notarle ed è impossibile godersi Timecrime come una semplice avventura.
Avatar utente
FearTear
da X-Mickey
da X-Mickey
 
Messaggi: 70
Iscritto il: mercoledì 05 novembre 2014, 22:27
Has thanked: 3 times
Been thanked: 5 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda generalezargon » mercoledì 11 maggio 2016, 08:04

Ottima argomentazione della tua opinione, ma non mi trovo d'accordo. Non nego che vi siano forzature di trama o alcuni passaggi un po' deboli o forzati, però pensandoci bene, in quale storia di pk non c'è ne sono? Le storie devono andare in una direzione e se quella direzione è un bel colpo di scena come ho questo caso, allora ben vengano queste piccole forzature. Sicuramente questa storia è la più debole del nuovo ciclo non tanto perché pk usi o non usi lo scudo, o perché kay si fa sorprendere due volte, quanto per le motivazioni che muovono i cattivi un Po banali e scontate.
Avatar utente
generalezargon
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 40
Iscritto il: domenica 17 maggio 2015, 08:22
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Valerio » mercoledì 11 maggio 2016, 08:37

Semplicemente, il giochetto dei Ding - se lo si vuole fare - funziona sempre, funziona ovunque.

Io è dagli anni 90 che quando leggo PK sulle strategie di combattimento stacco volentieri il cervello. Dato che è *ovvio* che con lo scudo dei miracoli o la tecnologia Ducklair le storie potrebbero anche finire dopo la prima tavola, ma è anche ovvio che bisogna fare finta che così non sia.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10320
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda max brody » mercoledì 11 maggio 2016, 09:52

Il nucleo dei vari difetti è che PKNE sembra essere principalmente fanservice: torna questo, torna quello, a ottobre tornano i morti, il cross-over con sé stessi, una ret-concina qui, una ret-conciuccia là, le belle papere, morale (Paperino vero eroe) ripetuta di continuo, soluzioni narrative comode e/o sbrigative perché la volontà è sempre quella di "stupire" anche forzando la narrazione.
C'è anche del bello e dell'interessante, fra una ridondanza e l'altra, eh. Indubbiamente. Del naturalmente bello/interessante, non perché lo hanno deciso gli autori e ce lo dicono le preview. Ma con il tempo a disposizione e l'assoluta mancanza di fretta poteva/doveva essere molto di più.
PKNE per ora è uno dei millemila rilanci/sequel/reboot dei nostri tempi, avvitato su sé stesso e autoreferenziale. Da un certo punto di vista divertente, da un altro deludente, ma certo leggere decine e decine di commenti entusiasti lascia un poco perplessi. Un po' come quando si guarda un film di supereroi, che diverte senza pensieri, e poi si leggono i commenti degli spettatori e sembra che si parli di un film-inchiesta di assoluta importanza, da amare o odiare per forza.
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1392
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda generalezargon » mercoledì 11 maggio 2016, 10:41

Sono d'accordo con Max solo in parte. Il discorso del reboot può valere per gli argini del tempo, in parte per potere e Potenza(dove però vi erano esigenze precise date dal fatto che pk tornava dopo 18 anni e si doveva tornare a vecchie ambientazioni)ma assolutamente no per il raggio nero. Questa storia è novità pura e epica al punto giusto, apre nuovi scenari sul futuro e ha introdotto un nemico con i fiocchi. Per quanto riguarda il ritorno di xadhoom, occorre vedere come sarà trattato, se sarà un vero ritorno o solamente un richiamo al personaggio e se si inserirà o meno nella continuity attuale, non giudichiamo prima di aver letto! Per ora mi soddisfa questo pkne, mi soddisfa perché ci vedo si la volontà di recuperare aspetti delle vecchie serie col rischio quindi di sembrare un reboot, ma anche una spinta innovatrice volta a esplorare nuovi orizzonti narrativi. Non a caso secondo me il raggio nero risulta avere sia caratteristiche di pkna come l'azione frenetica,le ambientazioni e i temi fantascientifici, sia di pk2(riflessioni adulte, una più spiccata attenzione alla continuity e la serialità della storia che è una prima puntata di un qualcosa di più grande).
Avatar utente
generalezargon
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 40
Iscritto il: domenica 17 maggio 2015, 08:22
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Mightypirate » mercoledì 11 maggio 2016, 11:38

In generale finora sono stati introdotti un nuovo livello della Ducklair Tower, una nuova intelligenza artificiale, un nuovo importante nemico, nuove rivelazioni sul passato di Ducklair e un riarrangiamento/upgrade di tante vecchie situazioni... Ziggy ora è direttore di Channel 00, Fangus è molto più famoso, gli evroniani sono conosciuti dai terrestri, Paperino fa l'autista per Sergio e immagino che se Pk avrà bisogno di aiuto in missioni spionistiche potrà rivolgersi direttamente all'Agenzia e non alla PBI.

Lo status quo è diverso dai precedenti. Può cambiare, evolversi e stravolgersi ancora di più? Penso e spero di sì ma è innegabile che la trama stia procedendo.
Forse un po' lentamente, ma con una storia ogni sei mesi e tanti fili da disfare e riallacciare immagino sia difficile aumentare la velocità.

Visto che l'alternativa è "Niente Pk" ci possiamo solo armare di pazienza e vedere che altro succederà in futuro.
Ultima modifica di Mightypirate il mercoledì 11 maggio 2016, 14:45, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Mightypirate
Misero Kylioniano
Misero Kylioniano
 
Messaggi: 15
Iscritto il: venerdì 04 marzo 2016, 17:03
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda The Blue Thunder » mercoledì 11 maggio 2016, 11:43

Più che altro secondo me è "sbagliata" l'idea che il ventennale di PK si sia mischiato a DoubleDuck. Mi sarebbe "bastato" il PKTube come omaggio. Magari parlo così perchè sono rimasto scottato dalla rivelazione di Axel & IdioTa32 come fondatori dell'Organizzazione DI PKNA. Tutto il discorso invece delle strizzatine d'occhio e ingenuità varie della storia ci stanno secondo me, perchè trattasi solamente di un omaggio, non di una "nuova storia della pkne".
Avatar utente
The Blue Thunder
Misero Kylioniano
Misero Kylioniano
 
Messaggi: 13
Iscritto il: mercoledì 04 maggio 2016, 18:01
Has thanked: 2 times
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Valerio » mercoledì 11 maggio 2016, 13:13

Continuo a discordare con Brody. Ma tanto, eh.

Però capisco gli elementi che lo portano a dire queste cose molto sbagliate e lesive di PKNE. Elementi che male interpretati possono essere stati.

Perché per quel che abbiamo avuto finora i filoni sono stati due, molto ben distinti. Il PKNE di Sisti, che era - qui, sì, hai ragione tu - nostalgico, e il PKNE di Artibani che a mio avviso non lo è.

O meglio, se intendi puntare il dito sui richiami al passato presenti nelle storie Artibaniche, non negherò che ce ne siano, ma ritengo che fossero indispensabili e doverosi.

Perché PKNE non è una cosa "davvero" nuova ma il sequel di un qualcosa di preesistente.

Perché all'epoca PK venne troncato alla seconda serie, mentre era a metà di un discorso. E si suppone che Artibani dopo tanti anni di attesa sia più che felice di avere l'occasione (più unica di rara) di compierlo, quel discorso.

Perché ricorda sempre che non siamo passati dall'oggi al domani da Affari di Famiglia a Potere e Potenza. Nel mezzo abbiamo avuto 12 anni di reboot e confusione assortita, in cui l'identità stessa di PK è andata perduta, e serviva una voce FORTE che potesse recuperarla. Che potesse gridare in caps lock ciò che davvero era stato PK, per sgomberare il campo da fraintendimenti di sorta. Perché - fidati - la percezione di PK che il mondo aveva prima di P&P era: Paperinik high tech contro gli evronz. E' stato un bene che qualcuno ripartisse da nomi quali Fairfax, Odin, Corona, sottolineando quale fosse realmente il materiale narrativo di base, a quale continuity fosse necessario riallacciarsi.

Infine, se anche avessi ragione tu su tutta la linea e le politiche nostalgiche sistiane venissero del tutto istituzionalizzate... avresti comunque materiale narrativo parecchio più vergine di buona parte di ciò che viene normalmente spacciato per classico ripetibile. E mi riferisco alla mungitura che Hollywood sta operando su supereroi, uomini pipistrello, fiabe e via dicendo. E sulle pagine del Topo dove imperano i cliché non parliamone. Il personaggio di Nebula Faraday - per fare un esempio - ha sicuramente più cose da dire ancora rispetto a Kranz con la pistola, per essere espliciti.

Tenendo conto di tutto questo a me sembra che il nuovo non manchi affatto. Moldrock, Solomon, la Torre che sparisce, etc. La parte "orizzontale" della storia punta verso il futuro, senza ombra di dubbio.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10320
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Bramo » mercoledì 11 maggio 2016, 16:38

max brody ha scritto:Il nucleo dei vari difetti è che PKNE sembra essere principalmente fanservice: torna questo, torna quello, a ottobre tornano i morti, il cross-over con sé stessi, una ret-concina qui, una ret-conciuccia là, le belle papere, morale (Paperino vero eroe) ripetuta di continuo, soluzioni narrative comode e/o sbrigative perché la volontà è sempre quella di "stupire" anche forzando la narrazione.

Ma visto in quest'ottica ogni sequel è fanservice. Se fai il seguito di un'opera, seriale o meno, è chiaro che riprenderai personaggi e situazioni già visti.
Ma come hanno giustamente detto Mightypirate e Valerio qui sopra, c'è molto di nuovo in PKNE. Non c'è una sterile riproposizione di tematiche e situazioni, ma ci sono diverse istanze che portano avanti la trama orizzontale, cambiando alcuni status quo come accadeva ai tempi della prima serie, e gli esempi sono già stati fatti.
Ci sono anche parti più nostalgiche, chiaramente, e Gli Argini del Tempo è emblematica di questo, ma è indubbio che Artibani stia portando avanti la trama facendola evolvere. Moldrock sta lì a dimostrarlo, con tutte le conseguenze che porterà.

max brody ha scritto:PKNE per ora è uno dei millemila rilanci/sequel/reboot dei nostri tempi, avvitato su sé stesso e autoreferenziale. Da un certo punto di vista divertente, da un altro deludente, ma certo leggere decine e decine di commenti entusiasti lascia un poco perplessi. Un po' come quando si guarda un film di supereroi, che diverte senza pensieri, e poi si leggono i commenti degli spettatori e sembra che si parli di un film-inchiesta di assoluta importanza, da amare o odiare per forza.

Il sequel di PK, come tutti i sequel, è una cosa che il pubblico *voleva*, chi perché riteneva che la storia non avesse avuto un arco narrativo compito dopo PK2, chi semplicemente perché voleva ritrovare quel Paperinik con quei comprimari e avversari lì, in quei contesti lì. Il motivo per cui online se ne parla dappertutto, che i "Topi" con le nuove storie vendono più della media e che le De Luxe esauriscono la prima tiratura in 8 mesi è che queste prime storie accontentano entrambe quelle voci, essendo storie di PK che in spirito sono in tutto e per tutto rispettose di quanto accadeva sullo spillato (ovviamente con le differenze del caso, naturali visto il diverso periodo storico) ma che costruiscono anche il completamento della trama un tempo abbandonata.
I difetti ci sono, e qualcosa di perfettibile anche, ma tutto sommato direi che il recupero di PK poteva essere gestito mooooolto peggio, e che confrontandolo con i millemila rilanci che citi ne esce tra i migliori.
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda max brody » mercoledì 11 maggio 2016, 17:43

Valerio ha scritto:Però capisco gli elementi che lo portano a dire queste cose molto sbagliate e lesive di PKNE.


Mi oppongo, Vostro Onore. La Difesa cerca di influenzare la giuria.

Valerio ha scritto:Perché per quel che abbiamo avuto finora i filoni sono stati due, molto ben distinti. Il PKNE di Sisti, che era - qui, sì, hai ragione tu - nostalgico, e il PKNE di Artibani che a mio avviso non lo è.


Purtroppo non dovrebbero esserci "filoni molto ben distinti".

Valerio ha scritto:Perché all'epoca PK venne troncato alla seconda serie, mentre era a metà di un discorso. E si suppone che Artibani dopo tanti anni di attesa sia più che felice di avere l'occasione (più unica di rara) di compierlo, quel discorso.


Mi oppongo, Vostro Onore, abbiamo già discusso questi elementi.
Tutto starà a vedere se il discorso sarà quello. Personalmente penso che Artibani abbia meno interesse per un approccio "genuino" di quello che pensate un po' tutti. Credo che scriva quello che gli passa per la testa, senza farsi tanti problemi.

Valerio ha scritto:Infine, se anche avessi ragione tu su tutta la linea e le politiche nostalgiche sistiane venissero del tutto istituzionalizzate... avresti comunque materiale narrativo parecchio più vergine di buona parte di ciò che viene normalmente spacciato per classico ripetibile. E mi riferisco alla mungitura che Hollywood sta operando su supereroi, uomini pipistrello, fiabe e via dicendo. E sulle pagine del Topo dove imperano i cliché non parliamone. Il personaggio di Nebula Faraday - per fare un esempio - ha sicuramente più cose da dire ancora rispetto a Kranz con la pistola, per essere espliciti.


Mi oppongo, il paragone non è pertinente.
Vabbè, certo è meglio di Kranz e di centinaia di altre robe. Io mica ho scritto "PKNE fa schifo"! Ma ha dei difetti, nemmeno piccoli, è inutile difenderli a oltranza "perché l'alternativa è non avere PKNE". E' un ragionamento vecchio: PKNE c'è da due anni ed è ben saldo, ora l'alternativa a un PKNE gestito male e tutto strizzatine d'occhi è un PKNE equilibrato e bello. Non è una serie tv che ogni anno rischia la chiusura e quindi "vabbé meglio di niente". E' un progetto su cui Topo, direttora, autori e fumettodisneymondo puntano molto e su cui si rimugina da anni, cacchio fatelo BENE! Non solo bene, ma BENE! La possibilità c'è.
E' una situazione che mi ricorda quella di Martin Mystère, dove il problema non è che gli albi piacciono o non piacciono (che è soggettivo), ma che contengono un sacco di sciocchezze: errori, "buchi", fanservice. Cavolo, siete professionisti, fate attenzione, no?

Valerio ha scritto:Tenendo conto di tutto questo a me sembra che il nuovo non manchi affatto. Moldrock, Solomon, la Torre che sparisce, etc. La parte "orizzontale" della storia punta verso il futuro, senza ombra di dubbio.


Però lo stesso Artibani ha detto che fra due-tre storie chiude baracca. Non è un futuro lunghissimo --se dobbiamo considerare Artibani il vero motore di tutto PKNE.

generalezargon ha scritto:Per quanto riguarda il ritorno di xadhoom, occorre vedere come sarà trattato, se sarà un vero ritorno o solamente un richiamo al personaggio e se si inserirà o meno nella continuity attuale, non giudichiamo prima di aver letto!

Per l'amor del cielo, ci mancherebbe! Io nelle sorprese ci spero sempre. Però ritengo che il personaggio abbia già detto tutto e abbia una storyline compiuta e definita.

Ma comunque. Io ho scritto anche che PKNE contiene del bello e del buono. Moldrock (che comunque è una sboronata), Alzo Zero/Zero, qualche sequenza qua e là, la prima puntata del Raggio Nero, qualche vignettona particolarmente potente, qualche bella battuta, alcune idee. Complessivamente però le storie, per un motivo o per l'altro, mi hanno lasciato abbastanza freddino (a parte P&P che mi aveva esaltato al tempo per motivi di hype, ma rileggendola a posteriori ho ritrovato un po' meccanica).

Bramo ha scritto:Ma visto in quest'ottica ogni sequel è fanservice. Se fai il seguito di un'opera, seriale o meno, è chiaro che riprenderai personaggi e situazioni già visti.

Come ho scritto, c'è anche del bello e dell'interessante. Ma ho l'impressione che il fanservice prevalga (Timecrime ne trabocca, dalla prima all'ultima tavola). Impressione mia, ovviamente.

Bramo ha scritto:I difetti ci sono, e qualcosa di perfettibile anche, ma tutto sommato direi che il recupero di PK poteva essere gestito mooooolto peggio, e che confrontandolo con i millemila rilanci che citi ne esce tra i migliori.


Ho troppa stima per i Disney italiani per pensare che avrebbero potuto tirare fuori (di nuovo) un Frittole 2.0. Era evidente che si sarebbe trattato di un lavoro "di un certo tipo", con una qualità minima al livello almeno dei PKNA più dimenticabili.
Ma è proprio per la stima che ho per gli autori, e la consapevolezza della loro intelligenza e competenza, che penso potessero fare molto meglio di quello che ho letto finora (anche perché lo dimostrano con le storie "libere").
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1392
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Bramo » mercoledì 11 maggio 2016, 21:54

max brody ha scritto:Purtroppo non dovrebbero esserci "filoni molto ben distinti".

Uh, perché? Forse che non c'erano in PKNA?

max brody ha scritto:Tutto starà a vedere se il discorso sarà quello. Personalmente penso che Artibani abbia meno interesse per un approccio "genuino" di quello che pensate un po' tutti. Credo che scriva quello che gli passa per la testa, senza farsi tanti problemi.

Osservando i "botta e risposta" qui sul Sollazzo o anche solo il secondo epilogo di Potere & Potenza (che per inciso ho riletto settimana scorsa e non ho ritrovato meccanica) e la continuity everettiana serpeggiante in tutto Il Raggio Nero, non posso che dissentire. Francesco ha più volte detto che lui e Pastro hanno in mente una quadrilogia ben precisa, che chiuda le cose più grosse rimaste in sospeso e rilanci per un futuro narrativo provvisto anche di nuovi presupposti.
Chiaro che il succo di ciascuna avventura può essere "libero" (come lo stesso Raggio Nero, alla fine), ma un piano c'è.

Valerio ha scritto:Infine, se anche avessi ragione tu su tutta la linea e le politiche nostalgiche sistiane venissero del tutto istituzionalizzate... avresti comunque materiale narrativo parecchio più vergine di buona parte di ciò che viene normalmente spacciato per classico ripetibile. E mi riferisco alla mungitura che Hollywood sta operando su supereroi, uomini pipistrello, fiabe e via dicendo. E sulle pagine del Topo dove imperano i cliché non parliamone. Il personaggio di Nebula Faraday - per fare un esempio - ha sicuramente più cose da dire ancora rispetto a Kranz con la pistola, per essere espliciti.


max brody ha scritto:Però lo stesso Artibani ha detto che fra due-tre storie chiude baracca. Non è un futuro lunghissimo --se dobbiamo considerare Artibani il vero motore di tutto PKNE.

È stato il motore della rinascita. Nel frattempo è arrivato Sisti a dargli man forte, e dopo la recente riunione del nuovo PKTeam c'è una rinata concordanza, che potrebbe anche portare ad altri sceneggiatori nel progetto, fra un paio d'anni.
Una quadrilogia che, come dicevo sopra, porti a compimento certe cose e crei nuovi presupposti è un lavoro sufficiente per il motore di PKNE: lascia le chiavi in mano agli altri per fare quello che vorranno, ma intanto lascia loro un'auto bella pulita e cromata.

max brody ha scritto:Ma ho l'impressione che il fanservice prevalga (Timecrime ne trabocca, dalla prima all'ultima tavola). Impressione mia, ovviamente.

Timecrime è un po' un caso a parte, però, data la sua natura celebrativa. Ci sta che per il ventennale si inseriscano un po' di robe autocelebrative.
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Valerio » giovedì 12 maggio 2016, 03:49

max brody ha scritto:Tutto starà a vedere se il discorso sarà quello. Personalmente penso che Artibani abbia meno interesse per un approccio "genuino" di quello che pensate un po' tutti. Credo che scriva quello che gli passa per la testa, senza farsi tanti problemi.


Il discorso non sarà quello. Sarà un discorso nuovo che prende il germe del discorso vecchio, lo amplifica e lo rilancia per trasportarci verso qualcos'altro ancora. Che il Caronte di tutto questo sia Artibani stesso, che era un uomo chiave del progetto PK2, è cosa buona e giusta, e per me basta a ritenerlo un approccio genuino al suo lavoro.

cacchio fatelo BENE! Non solo bene, ma BENE! La possibilità c'è.


Ma la "giusta" prospettiva da parte tua no. Ti sei almeno accorto che per compensare i limiti del topo hanno per davvero elevato al quadrato la formula di PK? Storie dalla foliazione quasi triplicata, continuity più coesa, epicità a pacchi, target addirittura alzato. PK è passato da comic book spillato a CARTONATO DA LIBRERIA con storie dentro che potrebbero essere in tutto e per tutto definite graphic novel. Poi sui contenuti stessi delle singole storie si può discutere, ma l'approccio, la ricetta è innegabilmente migliorata.

Però lo stesso Artibani ha detto che fra due-tre storie chiude baracca. Non è un futuro lunghissimo --se dobbiamo considerare Artibani il vero motore di tutto PKNE.


Artibani l'ha detto, ma nel giro di anni possono cambiare varie cose. Nuovi scenari produttivi, nuove idee. Intanto la scorta è fatta fino al 2020, e direi che non è poco. Chissà per allora se saremo ancora vivi.

qualche sequenza qua e là, la prima puntata del Raggio Nero, qualche vignettona particolarmente potente, qualche bella battuta, alcune idee. Complessivamente però le storie, per un motivo o per l'altro, mi hanno lasciato abbastanza freddino (a parte P&P che mi aveva esaltato al tempo per motivi di hype, ma rileggendola a posteriori ho ritrovato un po' meccanica).


Ecco, allora rileggiti il vecchio PKNA e magari ridimensionalo un po', perché anche lì i pregi erano "qualche vignettona particolarmente potente" "alcune idee" etc. L'andazzo era quello, e lo è ancora. E basta a fare di PKNE un erede perfettamente in linea con l'antenato.

Ho troppa stima per i Disney italiani per pensare che avrebbero potuto tirare fuori (di nuovo) un Frittole 2.0. Era evidente che si sarebbe trattato di un lavoro "di un certo tipo", con una qualità minima al livello almeno dei PKNA più dimenticabili.
Ma è proprio per la stima che ho per gli autori, e la consapevolezza della loro intelligenza e competenza, che penso potessero fare molto meglio di quello che ho letto finora (anche perché lo dimostrano con le storie "libere").


Niente di quanto tu abbia appena affermato era scontato o evidente. Se è stato fatto un lavoro "di un certo tipo" devi solo ringraziare chi ha voluto che fosse un lavoro di un certo tipo. D'altronde se fosse stato così naturale riesumare PK sarebbe avvenuto anni prima. Non dopo 12 anni e un Frittole 1.5 (cosa che in fin dei conti Universo PK è stata).
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10320
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda max brody » giovedì 12 maggio 2016, 10:55

Bramo ha scritto:Uh, perché? Forse che non c'erano in PKNA?

Erano un po' meno distinti.

Valerio ha scritto:Ecco, allora rileggiti il vecchio PKNA e magari ridimensionalo un po', perché anche lì i pregi erano "qualche vignettona particolarmente potente" "alcune idee" etc. L'andazzo era quello, e lo è ancora. E basta a fare di PKNE un erede perfettamente in linea con l'antenato.


Già fatto. ma non mi sembra "in linea" con l'antenato. E' diverso, e ci sta che lo sia, ma avrei preferito che ne riprendesse "lo spirito" e non "le cose".
Comunque, ora che ci penso, mi rendo conto che anche in PKNA, perlomeno da un certo punto in poi, Artibani era un po' "diverso" dagli altri e mi piaceva meno (Carpe diem e 5Y esclusi).
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1392
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Valerio » giovedì 12 maggio 2016, 12:27

Artibani diverso da chi?

PK era praticamente tutto suo, a parte Sisti, Enna e Faraci.

Faraci sì che era quello "a parte" che creava solo one shot, Sisti lo hai anche adesso, e manca solo Enna.

Direi che come composizione del vecchio team ci siamo eccome.

Non può esserci lo spirito della testata indipendente per ovvi motivi, perché non lo è più. Ma lo spirito delle storie c'è.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10320
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda RedLas » giovedì 12 maggio 2016, 12:53

Francamente non capisco il succo del discorso.
PKNE è il seguito di PKNA e PK², è ovvio (auspicabile, in realtà) che in quanto tale ne riprenda meccaniche e tematiche.
Ovvio che gli intenti sono diversi da quelli degli anni '90: all'epoca si lanciava una serie nuova in un mensile spillato, oggi si riprende quella stessa serie, su Topolino, un paio di volte l'anno. Però le idee nuove e la volontà di osare da parte degli autori ci sono ed è stato dimostrato. Se non si riesce a roconoscere la bontà (non dico mica perfezione, eh, ma manco le vecchie serie erano perfette, ANZI) di quanto è stato fatto finora, il difetto sta nel lettore e nel suo voler essere ipercritico.
Timecrime costituisce un caso a parte, ricordiamolo: proprio per la sua natura di speciale celebrativo è giusto che fosse... Celebrativo.
Avatar utente
RedLas
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 39
Iscritto il: venerdì 08 maggio 2015, 23:19
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda max brody » giovedì 12 maggio 2016, 13:45

Non mi definirei ipercritico, viste le robe che seguo e le cose che accetto, anche scherzandoci.

Artibani ha gestito PKNA con Sisti nella fase iniziale, ma ad un certo punto si è avvicinato più a Faraci nell'autoconclusività e/o nella ricerca della "spacconata" (a parte 5Y, che era una mini molto raffinata). Poi ha gestito Pk2 ma per quanto? Tre numeri?

Poi mi fermo qua perché i discorsi sono tanti e dovrei buttare giù delle analisi fatte bene e non ho tempo/voglia né probabilmente avrebbe senso (PQRDP).
Diciamo che il tentativo di buttare giù una discussione che esulasse da elementi già assodati ("ringraziamo chi di dovere che ci ha dato PKNE perché l'alternativa è niente", "Artibani e Sisti sono grandissimi autori", "Frittole è il MALE", "PKNE è il seguito di due vecchie serie quindi ha la continuity", "PKNE è un seguito che però guarda al futuro", "Il Raggio Nero è il BENE", "Faraci è peggiorato", "sempre meglio di Kranz", "sempre meglio del Q-Blog") è andato a ramengo (anche per colpa mia, v. periodo prec.).
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1392
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda generalezargon » giovedì 12 maggio 2016, 14:05

No se ne discute con calma! Francamente le nuove storie di pkne hanno si recuperato il vecchio registro, ma hanno anche introdotto nuovi elementi sopratutto con il raggio nero, atti a innovare e approfondire cose rimaste in sospeso(ED è la sua storia su tutti). Capisco di più Max e le sue critiche se guardiamo il crossover e solo il crossover: effettivamente in alcune sue parti un po debole e forzata, anche se ci sta con la sua natura autocelebrativa. Per quanto riguarda la mutazione di Artibani nella prima serie, sinceramente non l'ho notata. Ricordiamo che nel secondo periodo ha saputo sfornare storie come niente di personale, il giorno che verrà, la sindrome di Ulisse in cooperazione con la moglie e ha dato una degna chiusura alla trama PBI. E non dimentichiamo il suo profuso impegno per lanciare la seconda serie. Del suo lavoro apprezzo molto la volontà di creare storieInterconnesse le une con le altre, di generare una continuity più coerente e serrata. Cosa che,invece, faraci stentatava a fare.
Avatar utente
generalezargon
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 40
Iscritto il: domenica 17 maggio 2015, 08:22
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: [Disney] PKNE: Paperinik New Era

Messaggioda Mightypirate » giovedì 12 maggio 2016, 15:59

Io penso che sia necessario anche considerare quanto sia diversa la situazione rispetto a quando ci fu il passaggio PKNA/Pk2.
Se si leggono i primi tre numeri di Pk2 il cambiamento è drastico, lo scenario cambia radicalmente e si introducono un nuovo status quo e dei nuovi comprimari in breve tempo... ma alle spalle PKNA aveva avuto tutto il tempo di chiudere tutte le storyline precedenti. Pk2 #1 era uscito un mese dopo PKNA 49/50 e i lettori avevano ben chiaro cosa fosse accaduto in precedenza.

Per PKNE invece Artibani si è trovato (e ancora si trova) nella condizione di dover chiudere le storyline precedenti, presentare qualcosa di nuovo e allo stesso tempo, dati i 15 anni di assenza, far conoscere ai nuovi lettori il "vecchio" Pk affinchè non venga ignorato e dimenticato (altrimenti avremmo un reboot).
Far partire una nuova serie in queste circostanze è complicato a dir poco ma nel "Raggio Nero" c'è l'intenzione di andare avanti. Gli evroniani sono stati già rimessi un po' da parte, Moldrock, Sergio e la "nuova" Corona aprono spiragli tutti nuovi che andremo ad esplorare.
L'unico inconveniente è che ci vorrà un anno di pazienza. Il punto vero del mio messaggio non era portare il tema su "o così o niente Pk", ma su "la ruota gira, lentamente ma gira".

Poi Pk/DD è stato in effetti più una celebrazione del vecchio Pk che un avanzare della nuova storia, ma in effetti si trattava di una storia... celebrativa e che Sisti invece sia palesemente più affezionato al passato, è innegabile.
Ma sono comunque sicuro che non ripescherà Xadhoom senza una buona ragione e senza far avanzare la trama, poi stando al suo Botta e Risposta ha pure qualcosa in serbo per Camera 9 (che personalmente spero tiri fuori l'anno prossimo) su cui c'è una storyline aperta mai chiusa del tutto...

Il viaggio della PKNE è appena all'inizio e ci sono tutte le condizioni per vedere storie nuove e interessanti al di là dei rimandi nostalgici. Basta armarsi di pazienza e avere fiducia, ma finora non vedo molti elementi per definirlo una mera operazione nostalgica.
Avatar utente
Mightypirate
Misero Kylioniano
Misero Kylioniano
 
Messaggi: 15
Iscritto il: venerdì 04 marzo 2016, 17:03
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

PrecedenteProssimo

Torna a Fumetto Disney

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy