Home Chat The Disney Compendium
di Valerio
il Fumettazzo
di Valerio

[Capcom] Street Fighter 2

Qui si discute di cari vecchi ricordi da sala giochi, della gloriosa Sega, di Atari, Amiga e di tutte le altre console storiche. Per i nostalgici della concorrenza estinta.

[Capcom] Street Fighter 2

Messaggioda Mike Haggar » lunedì 02 giugno 2008, 11:53:55

ImmagineImmagine

Se vi chiedessi di elencarmi la prima cosa che vi viene in mente alla menzione della parola "picchiaduro", probabilmente la maggior parte di voi mi citerebbe un ragazzo vestito con un kimono bianco, con una fascia rossa a cingergli la fronte, intento a sparare una sfera energetica dalle mani e ad urlare incomprensibili termini giapponesi.
Se le vostre menti sono state condizionate in questo modo, il merito è sempre della software house giapponese Capcom e del suo più grande successo, Street Fighter 2.

Dato il grande successo del primo episodio, Street Fighter, del 1987, la Capcom si ingegnò prontamente per dargli un seguito, ma il progetto originale si trasformò poi in Final Fight, un gioco completamente differente, anche se - scopriremo poi continuando a seguire i titoli successivi delle due saghe - in qualche modo legato all'universo di Street Fighter.
Il seguito di Street Fighter non tardò comunque ad arrivare. Final Fight aveva stupito e appassionato mezzo mondo, ma era ormai giunto il tempo di ritornare a combattere per le strade di tutto il mondo, e non solo per quelle malfamate di Metro City.
Era il 1991. Street Fighter 2 usciva nelle sale giochi e si apprestava a conquistare il mondo.

La storia di Street Fighter 2, basata su un pò tutti i clichés dei film di arti marziali degli anni 70 e 80 e oltre, non è fondata tanto su una trama complicata (perchè è estremamente semplice, anche se verrà approfondita negli episodi successivi) quanto sui suoi personaggi.
Non è azzardato dire infatti che sono i personaggi a fare grande la storia.
Il protagonista, Immagine Ryu, è un integerrimo karateka che gira il mondo alla ricerca di avversari sempre più forti da sconfiggere per perfezionare la sua tecnica.
Non sa, però, che sul suo cammino si troverà presto davanti una potentissima organizzazione criminale, la Shadowlaw, capitanata da un malvagio dittatore thailandese dai poteri psichici chiamato Immagine Bison, la quale vuole catturare il giovane e usare il suo corpo per loschi esperimenti scientifici, oltre che, come da copione, conquistare il mondo.
Attorno a questi due poli, quello buono di Ryu e quello malvagio di Bison, ruotano i nostri personaggi:
- Immagine Ken, amico, rivale e compagno di allenamento del nostro protagonista proveniente da Seattle, ma che a differenza dell' impostato e serioso Ryu è caratterialmente molto più easygoing e non disdegna le belle ragazze.
- Immagine Chun Li, bella quanto letale detective dell'Interpol proveniente dalla Cina, sulle tracce di Bison per vendicare la morte dell'amato padre ucciso dal crudele dittatore.
- Immagine Guile, tamarrissimo membro dell'aeronautica militare statunitense, che cerca vendetta per la morte del suo migliore amico, Charlie, ucciso manco a dirlo da Bison.
- Immagine Dhalsim, scheletrico quanto imperturbabile santone indiano capace di teletrasportarsi, sputare fuoco e allungare a dismisura gambe e braccia, che ha cominciato a partecipare a combattimenti e tornei allo scopo di guadagnare dei soldi per il mantenimento del suo povero villaggio.
- Immagine Edmond Honda, il gioviale campione giapponese di sumo, che lotta per mostrare al mondo la potenza dello sport nazionale della terra del Sol Levante.
- Immagine Blanka, un bizzarro uomo-bestia cresciuto nella giungla brasiliana, che combatte per ritrovare i genitori da cui è stato separato da bambino per via di un incidente aereo.
- Immagine Zangief, colossale lottatore di wrestling proveniente dall'Unione Sovietica. Un gigante buono dedito unicamente alla causa comunista e alla protezione della sua patria, minacciata dalle oscure trame della Shadowlaw (nonchè primo anello di congiunzione tra il mondo di Street Fighter e quello di Final Fight: Zangief è infatti un fan e un rivale del sindaco di Metro City ed ex wrestler, Immagine Mike Haggar, e ha appreso da lui parecchie delle sue mosse.).
- Immagine Balrog, ex campione di pugilato americano espulso dal circuito professionistico per la sua violenza e la sua corruzione, si è messo al soldo di Bison ma spera un giorno (invano) di poterlo spodestare per soddisfare la sua brama di potere.
- Immagine Vega, abilissimo torero esperto di ninjitsu al soldo di Bison, bellissimo e di sangue nobile, ma vanesio, malato e marcio nell'animo fino al midollo.
- Immagine Sagat, ex campione di kickboxing thailandese, sconfitto da Ryu nel primo episodio della serie in cui era il boss finale, si è alleato con Bison nonostante non approvi pienamente i suoi loschi piani, al solo scopo di battersi nuovamente con il suo rivale dalla fascia rossa e vendicare l'onta subita.

Dodici personaggi se vogliamo anche semplici, riconducibili a determinati stereotipi sulle culture dei vari paesi (il karateka, la cinesina bona, il lottatore di sumo, il santone, il kickboxer, il pugile di colore...) e anche un pò citazionistici nei confronti del cinema degli anni 80, del fumetto giapponese (Top Gun, Hokuto no Ken, Le bizzarre avventure di Jojo, Doomed Megalopolis, Riki-Oh, vari film di arti marziali...) e della pop culture americana e orientale di quegli anni, ma che trasudano carisma da tutti i pori e che sono riusciti a diventare leggenda, ponendo le basi per tutti i giochi di combattimento successivi: difatti, fino ad oggi, fino al più moderno picchiaduro 3D (basti pensare alla saga di Virtua Fighter, ad esempio), avremo sempre il marzialista orientale dai capelli scuri, l'amico-rivale biondo e straniero, la ragazza orientale bellissima e rapidissima, il panzone, l'energumeno e via dicendo.
Col carisma di questi dodici personaggi, Street Fighter 2 si preparava a conquistare il mondo.
Ognuno di loro aveva un proprio look, un proprio stile di combattimento differente (fatta eccezione per Ryu e Ken che essendo compagni di addestramento utilizzavano le stesse mosse, ma sarebbero anche loro stati differenziati negli episodi successivi pur praticando sempre lo Shotokan), un proprio carattere, una propria storia e sottotrama, un proprio background.
Tutti i personaggi sono perfettamente calati nel contesto del loro paese di provenienza e del mondo di fine anni 80/inizio anni 90. Questo è chiaramente percepibile dai loro sfondi personali (il notturno sul tempio e sul dojo di Ryu, la base militare con aerei e soldati fighi e biondi che amoreggiano con le loro biondissime pupe di Guile, la fabbrica con la falce e il martello sul pavimento e gli operai che lavorano alacremente con colbacco in testa e bottiglia di vodka alla mano di Zangief, il bagno pubblico con stampe ukiyoe di Honda, l'affollatissimo mercato cinese di Chun Li, il luminescente casinò di Las Vegas di Balrog, il palazzo indiano con elefanti bardati e arazzi del dio Ganesha di Dhalsim, il locale malmesso dove procaci ballerine si esibiscono nel flamenco di Vega...), tutti perfettamente realizzati al massimo del realismo e ancora oggi estremamente evocativi, e soprattutto negli splendidi temi musicali che li accompagnano (talmente ben realizzati da meritarsi un'infinita serie di Cd che li riguardano, compreso anche un album di tributo con versioni cantate a cui hanno partecipato nomi celeberrimi della musica giapponese degli anni 80/90 come Hironobu Kageyama, interprete delle sigle di Dragon Ball e Saint Seiya), che riprendono alla perfezione il loro carattere e le musiche tradizionali dei loro paesi di provenienza (le sobrie melodie nipponiche suonate col koto di Ryu e Honda, la graffiante melodia rock di Ken, la musica etnica sudamericana di Blanka, la classica melodia cineseggiante à la Ranma 1/2 di Chun Li e quella in stile Bollywood di Dhalsim, il gasantissimo tema di Guile e quello simpaticissimo, allegro e ballabilissimo di Zangief, l'asfissiante flamenco di Vega, la solenne e pesante melodia funebre di Bison...).

Non si pensi tuttavia che alla Capcom si sia curata soltanto la forma e non la sostanza. Tutt'altro. Street Fighter 2 sarà sì un dettagliatissimo viaggio nel mondo di quindici anni fa, ma resta in primis un videogioco, e un videogioco tra i più coinvolgenti, immediati e giocabili che esistano.
Basteranno pochi istanti e impareremo immediatamente il modo d'esecuzione di un Hadouken, di uno Shoryuken, di uno Spinning Lariat o di un Sonic Boom, e non ci dimenticheremo più come si eseguono, ritrovando anche nei capitoli successivi la stessa semplicità e fluidità di gioco.
Il successo arrivò, immediato. Anche il più scalcinato bar all'angolo aveva il suo bel cabinato di Street Fighter 2, e le prodezze di Ryu e soci erano sulla bocca di tutti. La Capcom si trovò quindi ad investire moltissimo sulla saga dei combattenti di strada, che vide aggiungersi alla sua storia sempre nuovi personaggi e nuovi episodi, e nel corso di tutti gli anni 90 esplorò infinite possibilità: fece svariati upgrade al titolo originale, si convertì in fumetti (sia in GIappone che in America e in Cina), in cartoni e film animati (sia giapponesi che americani) e persino in un film americano d'alto budget (e di storia e realizzazione oscena, ma vabbè...), venne creata una serie prequel di tre episodi e persino uno Street Fighter 3, anch'esso diviso in tre episodi, passò al 3D, si incrociò con la saga di Final Fight, con i personaggi dei fumetti della Marvel Comics e con le saghe della casa rivale SNK, fu prodotto un gioco ispirato al film live action che ricalcava lo stile di Mortal Kombat, realizzarono un simpatico puzzle game con i personaggi della saga in versione deformed, e poi quegli stessi personaggi furono inseriti in un picchiaduro demenziale e citazionistico, crearono giochi di carte, peluches, pupazzi e svariato merchandising, si incrociò con i personaggi della casa rivale Namco in un originale RPG, approdò online, fu convertita per ogni console esistente...
Ancora oggi, di Street Fighter si sente parlare. Con una splendida serie a fumetti americana da poco terminata, un quarto attesissimo capitolo in dirittura d'arrivo, un remake di Street Fighter 2 in alta definizione in preparazione e, si vocifera, un nuovo film live action basato sulla storia di Chun Li, con Kristin Kreuk e Michael Clarke Duncan nel cast, la stella di Ryu e compagni è ben lungi dallo spegnersi. E noi ce lo auguriamo sinceramente, che non si spenga e che continui ancora a brillare, a farci sognare e divertire come quando eravamo bambini e sbavavamo davanti al cabinato nella piccola sala giochi del mare.
Personalmente, del me stesso bambino che si entusiasmava con questi lottatori digitali non mi sono mai dimenticato. A Street Fighter 2 io ci gioco ancora, sul mio fido Gameboy Advance o nel piccolo cabinato nella pizzeria della stazione, oppure facendo accesi e divertentissimi scontri in doppio agli episodi più recenti sulla Playstation degli amici, sempre impersonando il mio personaggio preferito, che non mi ha mai abbandonato fin dai tempi dell'infanzia, il fido Zangief.
E mi ci diverto ancora come quando ero bambino, alla faccia magari di giochi ben più fighetti e ricercati sul piano della grafica, ma che presto vengono dimenticati.
Mentre invece le leggende restano, si tramandano nei secoli dei secoli.
Come quella di un intrepido karateka giapponese col kimono bianco e la fascia rossa, e della sua agguerrita battaglia contro un malvagio dittatore thailandese dotato di poteri psichici e a capo di un'enorme organizzazione criminale.
Ultima modifica di Mike Haggar il mercoledì 04 giugno 2008, 22:44:38, modificato 2 volte in totale.
Perchè pirati si nasce, e all'arrembaggio si va, con la bandiera che sventola, per dire "siamo qua!".
Avatar utente
Mike Haggar
Witcher
Witcher
 
Messaggi: 324
Iscritto il: domenica 06 gennaio 2008, 23:04:32
Località: Palermo
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Capcom: Street Fighter 2

Messaggioda Tyrrel » martedì 03 giugno 2008, 07:30:47

Non sono mai stato un tipo da sala giochi, ma capitava di accompagnarci mio cugino o di andarci con i compagni di classe prima dell'inizio delle lezioni. Ovviamente Street Fighter 2 era uno dei giochi più gettonati. Ma ci ho giocato prevalentemente nella versione per Super Nintendo, che possedeva un amico; poi mi procurai la versione per pc, e armato sol di tastiera lo terminai svariate volte.
Avrà avuto pure una trama semplice, ma il gameplay funzionava e garantiva ore di divertimento. Una pietra miliare dei videogames, senza dubbio, al quale si ispirarono svariati cloni (anche una versione starwarsian, Masters of Teras Kasi).
-- Imagine the impossibilities.
Avatar utente
Tyrrel
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 2872
Iscritto il: sabato 10 dicembre 2005, 12:24:22
Località: Cagliari e dintorni
Has thanked: 16 times
Been thanked: 8 times

Re: Capcom: Street Fighter 2 (Arcade, SNES, SMD, GB, PC...)

Messaggioda NuttyIsa » martedì 31 maggio 2011, 13:33:35

Quanti ricordi, che fosse a casa o in vacanza in liguria questo gioco era sempre presente....o su SNES o su quei videogiochi sul lungomare dove mettevi dentro 500 lire! Perennemente però sul lungomare PERDEVI al primo combattimento... :P In casa invece certi tornei coi parenti...

Chiunque conosca Tekken penso che dovrebbe prima passare da Street Fighter per conoscere appieno il significato di picchiaduro :)
NuttyIsa
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 159
Iscritto il: martedì 05 febbraio 2008, 23:18:42
Has thanked: 0 time
Been thanked: 7 times

Re: Capcom: Street Fighter 2 (Arcade, SNES, SMD, GB, PC...)

Messaggioda Zenox » martedì 05 febbraio 2013, 19:28:35

Che ricordi...io giocai a Street fighter 2 in cabinato anni fa nel classico bar da mare e chi se lo scorda più! Poi ovviamente una volta preso il super nintendo, ho preso la versione "base" e li lo consumato fino al midollo, poi ho ripreso gli alpha, giocato poco al 3 e il 4 c'è lo su 3DS, è una saga che non abbandonerò mai, ma spero che la capcom di ora non sputtani anche questa serie.
Avatar utente
Zenox
Witcher
Witcher
 
Messaggi: 440
Iscritto il: domenica 16 dicembre 2012, 12:02:31
Località: Roma
Has thanked: 2 times
Been thanked: 11 times

Re: [Capcom] Street Fighter 2

Messaggioda Il Bastia » martedì 15 ottobre 2013, 12:06:59

Grande mito della mia infanzia "Amiga" (sì, hanno fatto anche la versione per Amiga, anche se abbastanza ingiocabile). Ricordo che cambiai ben due copie malfunzionanti (maledetti floppy autoavvianti per un sistema senza disco fisso!) pur di giocarci, facendo impazzire i miei che ormai conoscevano a memoria la strada per il negozio (sì, perché all'epoca si andava al negozio a comprare i videogiochi su supporto fisico...mi sento vecchio).
Che dire, il tema di Ryu mi ha sempre affascinato e anche se i personaggi in stile comic americano non mi hanno mai troppo gasato (li preferisco manga-figaccioni, come nelle produzioni ARC System e soprattutto SNK) devo dire che sono curatissimi. Sono anche felice che la serie non abbia perso colpi passando all' "epoca contemporanea" grazie al fantastico cel-shading e al ricco gameplay di (Super/Ultra) Street Fighter IV, ma questa è un'altra storia.

Ryu e Ken sono i personaggi classici ma senza guizzi, quelli medi in tutto, iconici ma standard (i "The Mario", li chiamerebbero quelli di TVTropes.org, a proposito fateci un giro, gran sito nerd)
I miei preferiti erano Honda (sumo+ kabuki= presente!), Chun Li (devastante, anche se al costume tamarro/punk dei primi tempi preferisco quelli alternativi) e soprattutto i "quattro maestri malvagi", cattivi quanto mai carismatici (soprattutto Vega e Bison- ovviamente uso i nomi europei, scambiati rispetto ai giapponesi). Chi invece non sono riuscito ad apprezzare (come gameplay) è Zengief, un character davvero difficile da usare bene.

Concordo sul fatto che il gioco grondi di stereotipi a metà fra l'ingenuo e il pacchiano ma cosa volete che ne capisse un bambino di otto anni? Inoltre bisogna considerare che all'epoca alcuni di questi stereotipi erano ancora in vita...nel mondo reale. E' passato tanto tempo e ora guardiamo con distacco, quasi con ironia (ve la ricordate l'unione sovietica e Gorbachev che premia Zangief? Beh, io non lo cambierei mai con Putin...infatti anche il Ciclone Rosso si è reinventato nelle sue apparizioni più recenti!)
"Posso cambiare questo finale?" -Madoka Kaname
Il Bastia
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 31
Iscritto il: sabato 21 settembre 2013, 20:49:22
Has thanked: 0 time
Been thanked: 2 times

Re: [Capcom] Street Fighter 2

Messaggioda Mirco » mercoledì 13 novembre 2013, 20:15:21

Anche io ho scritto un articolo come tributo ai miei giochi snes preferiti.. Bè che dire.. Sf 2 è l'alpha e l'omega, il padre di tutti, il più copiato in assoluto..
Avatar utente
Mirco
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mercoledì 13 novembre 2013, 20:06:30
Has thanked: 10 times
Been thanked: 0 time


Torna a Good Ol' Gaming

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy