Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Dreamworks] Il Principe d'Egitto

Lo studio d'animazione dalle molte anime fondato da Spielberg e Katzenberg. Prima di accedere approntare sorriso obliquo e sopracciglio inarcato.

[Dreamworks] Il Principe d'Egitto

Messaggioda Francesco F » venerdì 21 settembre 2007, 13:51

Il Principe d'Egitto (1998)
The Prince of Egypt

Immagine

Regia di Brenda Chapman, Steve Hickner e Simon Wells
Colonna sonora di Hans Zimmer
Canzoni (musica e testi) di Stephen Schwartz

La storia è liberamente (ma accuratamente) tratta dal secondo libro della Bibbia, l'Esodo. In particolare narra la vita di Mosè e il suo ruolo nella storia della cristianità e nella liberazione del popolo eletto, gli Ebrei, dalla schiavitù in Egitto, sotto il faraone Seti e suo figlio Ramses.
Mosè è un bambino ebreo nato quando Seti ordina l'uccisione dei primogeniti per paura di una futura insurrezione degli schiavi. Per salvarlo dalla strage, la madre Zippora lo mette in una cesta e lo affida al fiume. A intercettare il pacco è niente meno che la Regina moglie del Faraone, che lo accoglie come suo figlio e lo nutre insieme al piccolo erede al trono Ramses. I due fratelli sono amici per la pelle e, crescendo, ne combinano di tutti i colori (iniziano le citazioni dei precedenti film... in questo caso la corsa delle bighe di Ben Hur), e il futuro faraone Ramses si becca la ramanzina per la sua irresponsabilità.
Mosè non sa che è ebreo e viene a saperlo dalla sua vera sorella Miriam, schiava. Dopo un arduo dissidio interiore e l'omicidio "accidentale" di uno degli schiavisti egiziani che maltrattavano un ebreo, decide di abbandonare "quella che lui chiamava la sua famiglia". Qui Mosè incontrerà Dio, che gli affiderà il compito di salvare il suo popolo dalla schiavitù e condurlo nella Terra Promessa.

[d'ora in poi attenzione agli spoiler]
La Dreamworks, nata pochi anni prima per volontà del regista Steven Spielberg, del produttore (disneyiano) Jeffrey Katzenberg e del discografico David Geffen, nel 1998 porta nei cinema un film d'animazione dalle grandi aspettative: è d'animazione (prima stoccata alla Disney, alla quale ha strappato parecchi talenti), è un musical (ulteriore stoccata alla Disney, e anche a Broadway al quale strappa uno dei compositori più stimati, Stephen Schwartz), ed è un kolossal biblico (dai precedenti che definire illustri è poco, uno fra tutti: I Dieci Comandamenti di Cecil B. DeMille). Non è affatto poco per un esordio, e in nessuna di queste aspettative Il Principe d'Egitto ha deluso.
Nonostante alcune piccole incongruenze storiche rispetto all'originale biblico, queste non intaccano lo spirito del film né della storia che racconta, poiché gli eventi decisivi ci sono tutti, anche quelli meno adatti a un film d'animazione per bambini. La parte puramente narrativa, che spiega le origini di Mosè, è l'unica che si avvicina ai canoni di racconto per ragazzi: le scorribande dei due "principi d'Egitto", la morale sulla responsabilità e la morale sulla madre che è costretta ad abbandonare il figlio (non è facile far ingoiare una pillola del genere a uno spettatore sotto i 10 anni). Poi, però, l'alto insegnamento che una storia del genere porta con sé prende il sopravvento, e non è più possibile pensare a un racconto per bambini. Mosè scopre la strage degli innocenti che il Faraone che lui chiama "padre" ordinò per i suoi schiavi, in una scena che sarebbe memorabile se non fosse per il massiccio uso della computer grafica, nonostante lo stratagemma scelto per raccontarlo abbia del geniale: il sogno di Mosè rappresentato come una serie di incisioni nel tipico stile egiziano, con i personaggi "intrappolati" e vincolati alle due dimensioni del disegno sul muro.
In seguito a ciò, Mosè fugge nel deserto e poco tempo dopo incontra Dio. La scena è magistrale: seguendo una pecorella che si allontana dal suo gregge, Mosè si infila in una grotta dove uno strano fuoco bianco pare chiamare il suo nome, poi gli spiega qual è il suo compito (la voce di Dio, nella versione originale, è la stessa di Mosè, ossia di Val Kilmer. Anche ne I Dieci Comandamenti del 1956 Charlton Heston, che interpretava Mosè, dava anche la voce a Dio).
Mosè torna quindi da suo fratello Ramses, ora succeduto al padre e diventato faraone, per chiedergli di liberare gli ebrei come Dio ha comandato, ma a ciò Ramses risponde con un esibizione del potere degli dei egizi invocati dai due stregoni/spallecomiche Hotep e Huy (Steve Martin e Martin Short). Per inciso, spalle comiche di non molta rilevanza in questo film, nonostante i realizzatori li abbiano onorati di questa scena, con una canzone tutta loro, "Playing with the Big Boys", angosciante preludio alle ben più pesanti scene successive. Davanti al rifiuto del faraone, infatti, si scatena l'ira di Dio, sottoforma di piaghe. Mosè assiste alla devastazione di quella che una volta era la sua casa straziato dal dolore ma forte della fede nel suo Dio. Quando si ripete la strage dei primogeniti, stavolta egiziani, fra questi c'è anche il figlio di Ramses che, rassegnato, libera gli schiavi. Mosè li conduce verso la Terra Promessa, ma sul loro cammino incontrano il Mar Rosso, e alle loro spalle l'esercito egiziano (la "liberazione" concessa da Ramses si è rivelata un inganno). Agli effetti speciali e alla colonna sonora ora il compito di tradurre il fuoco che ferma l'esercito e il vento che separa le acque del Mar Rosso e che le richiude dopo il passaggio degli ebrei, annegando l'esercito inseguitore. Ma il climax non finisce qui, perchè il finale del film è affidato un momento ancora più emozionante (sebbene sia quello che più si discosta dal messaggio biblico): Mosè scende dal monte Sinai con in braccio le Tavole della Legge, con incisi i Dieci Comandamenti. Ad accoglierlo il suo popolo festante (nella Bibbia invece Mosè trova il suo popolo ad adorare il vitello d'oro, e scaglia a terra le Tavole per la rabbia).
Tutto questo ben di dio è coronato dalla monumentale colonna sonora di Hans Zimmer nonché dai brani di Stephen Schwartz, che scandiscono i momenti salienti di questa storia: "Deliver us", straziante grido di aiuto del popolo ebreo schiavizzato (concettualmente una sorta di gospel, ma in realtà ha dei potenti temi orientaleggianti che contribuiscono all'atmosfera insieme al deserto, alla polvere, alle luci e ai costumi); "All I ever wanted" una sorta di esame di coscienza di Mosè quando scopre le sue origini; "Through Heaven's eyes", la canzone della crescita (come la chiamerebbe Grrodon :P) cantata dal prete della piccola comunità di ebrei liberi che Mosè incontra nel deserto e che cerca di infondere fiducia nel giovane Mosè; "The Plagues", il martellante elenco delle Piaghe, intermezzato dal 'commento' di Mosè che riprende "All I ever wanted"; e per finire la canzone della liberazione e del ringraziamento "When you believe" abbinata a un canto di ringraziamento in ebraico.
"When you believe", cantata sui titoli di coda in duetto da Mariah Carrey e Whitney Houston, vinse l'Oscar come miglior canzone. La colonna sonora di Hans Zimmer fu soltanto in nomination, e insieme ad altre due colonne sonore di film d'animazione, Mulan, di Jerry Goldsmith, e A bug's life, di Randy Newman (tanta abbondanza è dovuta al fatto che quell'anno le categorie per la miglior colonna sonora erano divise per i film drammatici e per i film musicali/commedie. Nei film drammatici vinse Nicola Piovani per le musiche de La vita è bella di Roberto Benigni).

Insomma un capolavoro inaspettato dalla Dreamworks, che purtroppo non si è più ripetuta agli stessi livelli nell'animazione tradizionale (nonostante tutti i successivi spunti fossero onesti: Giuseppe il re dei sogni, La strada per El Dorado, Spirit - Cavallo selvaggio e Sinbad: La leggenda dei sette mari). Per l'animazione in CGI è un altro discorso...
Ultima modifica di Francesco F il venerdì 21 settembre 2007, 14:43, modificato 1 volta in totale.
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Messaggioda Valerio » venerdì 21 settembre 2007, 14:23

Eh già, capolavoro. Del resto erano altri tempi, quando la Dreamworks si proponeva come una perfetta ed equivalente alternativa a Disney, utilizzando per i suoi film d'animazione tradizionale fior fior di artisti strappati alla concorrenza. Tra questi ricorderei James "Belle/Rafiki/Quasimodo/etc" Baxter, che dopo aver dato molto alla Dreamworks è tornato all'ovile, e che vedremo a Natale animare Giselle.
Ah, e cmq io mi considero un sostenitore dell'animazione tradizionale Dreamworks, e come tale (pur con qualche riserva qua e là) non ho affatto sgradito neanche El Dorado, Spirit e Simbad. Giuseppe è invece un caso a parte, visto che è un prequel direct to video, anche se di qualità veramente alta, e da far impallidire i dtv disneyani che uscivano in quel periodo.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10356
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda DeborohWalker » venerdì 21 settembre 2007, 15:48

Ottimo film.
Ah, quando la Dreamworks faceva film sulla Bibbia, invece che rutti e scoregge.
Il Principe d'Egitto è un film storico-religioso, che riesce a inserire diverse scene divertenti... e mi sembra che sia un caso più unico che raro.
(ehi, Brian di Nazareth non vale!)
E comunque riesce a mantenere viva l'attenzione, con una trama che altrimenti verrebbe considerata noiosa (ricordo che lo andai al cinema a vedere con dei bambini delle elementari e anche loro apprezzarono decisamente...)

Come Grrodon anch'io amavo la Dreamworks 2D, escluso Spirit che non ho mai sopportato... Però quando uscì Eldorado, per l'umorismo e i personaggi sarcastici ricordo che lo considerai il mio film animato preferito subito dopo Aladdin... Ah, bei tempi.
Ma la Dreamworks 2D non ha intenzione di fare qualcos'altro, come il dietro-front fatto dalla Disney grazie a Lassater?
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Messaggioda Valerio » venerdì 21 settembre 2007, 16:10

No, assolutamente. Sono convintissimi di ciò che stanno facendo, il bellissimo SImbad floppò decisamente e così hanno mandato in pensione il 2d, poco prima che la Disney li seguisse. E a sentire le varie cose trapelate sul blog di Jim Hill pare che il florilegio di Shrekkumi continuerà ancora per molto. Anche perchè adesso avremo Bee Movie (con dei personaggi anche umani scandalosamente copiati da Pixar) e il sequel di Madagascar.
Va detto che il loro lavoro lo sanno decisamente fare, e i prodotti che ottengono, se inscritti nel loro contesto si possono dire tutti decisamente riusciti (a differenza di altre cose come Robots). Insomma, nel loro pseudogenere sono i primi (e adesso hanno anche Sanders).
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10356
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda Francesco F » venerdì 21 settembre 2007, 16:52

Chris Sanders sta realizzando per la Dreamworks la quarta collaborazione con la Aardman, Crood Awakening, che non ho ancora capito se sia in CGI o in stop motion (ma immagino in CGI).
Un altro progetto in produzione alla Dreamworks (non so se in CGI o in animazione tradizionale) si intitola Route 66... no comment.
DISCUSSIONE, NON RECENSIONE!

:solly:
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 67 times
Been thanked: 7 times

Re:

Messaggioda Giona » martedì 25 settembre 2007, 12:54

Grrodon ha scritto:No, assolutamente. Sono convintissimi di ciò che stanno facendo, il bellissimo SImbad floppò decisamente

Per me meritò quel risultato. Trama strampalata e personaggio stravolto. Rispettando maggiormente la storia originale, invece, si sarebbe potuto fare un film coi fiocchi.
Avatar utente
Giona
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 116
Iscritto il: domenica 19 febbraio 2006, 16:37
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Dreamworks: Il Principe d'Egitto

Messaggioda Valerio » martedì 25 settembre 2007, 13:04

Ah bè perchè i Disney, sì, che sono fedeli...
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10356
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Dreamworks: Il Principe d'Egitto

Messaggioda Giona » mercoledì 26 settembre 2007, 13:18

Ma infatti io reputo Il gobbo di Notre Dame una grande occasione sprecata dalla Disney per emanciparsi dal "lieto fine".
Avatar utente
Giona
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 116
Iscritto il: domenica 19 febbraio 2006, 16:37
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Dreamworks: Il Principe d'Egitto

Messaggioda Alecs Endriu » martedì 25 gennaio 2011, 23:29

Ho rispolverato sta sera questa piccola perla; devo dire che non ricordavo fosse così bello. A fare da cornice al soggetto, tratto dal Libro con la L maiuscola ( - e sarei curioso di andarmi a rispolverare l'Esodo, per vedere fin quanto sono riusciti a cogliere i dettagli - ), degli scenari pressochè spettacolari, che ritraggono perfettamente la sproporzione e l'epicità di come tutta l'architettura egizia appariva agli occhi degli uomini dell'epoca, colonne sonore degne di un Colossal e canzoni che - pur avendo visto il film poche volte, tanti anni fa - per la loro orecchiabilità ricordavo in maniera incredibile. Menzione d'onore e standing ovation per l'incredibile lavoro che è stato dietro all'animazione della scena delle Piaghe, nonchè per la traversata del mar Rosso. Certe scene fanno concorrenza alla CGI.

Il peccato è stato che mi sono dovuto cuccare il tutto in VHS, con una qualità video pressochè oscena.
Avatar utente
Alecs Endriu
Witcher
Witcher
 
Messaggi: 362
Iscritto il: domenica 14 ottobre 2007, 18:34
Has thanked: 0 time
Been thanked: 2 times

Re: Dreamworks: Il Principe d'Egitto

Messaggioda Don Homer » mercoledì 12 settembre 2012, 18:35

A mio parere, è il migliore film della Dream Works, le musiche, gli scenari, i personaggi sono qualcosa di spettacolare. Ricordo che io e mio fratello c'è lo rivedamo in VHS praticamente sempre. Peccato che la Dreamworks si sia sputtanata con la comicità "rutti e scoregge a volontà", ma si sà, la vacca va munta fintanto che fa latte.
Avatar utente
Don Homer
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1257
Iscritto il: giovedì 26 luglio 2012, 12:30
Località: Latina
Has thanked: 13 times
Been thanked: 40 times

Re: Dreamworks: Il Principe d'Egitto

Messaggioda Icnarf » martedì 03 settembre 2013, 08:30

Ieri ho visto Giuseppe il re dei sogni, capolavoro considerando sia un dtv ( ahah se penso a molti della Disney tipo il Gobbo 2), ottime animazioni, canzoni e personaggi. Questi sono i film che voglio, basta femminucce sognatrici, evviva i personaggi storici, mitologici, divini etc. etc. Peccato che non abbia un topic tutto suo, che lo creino persone più esperte di me!
Chi non l'abbia ancora visto corra a farlo il messaggio che manda è strabiliante, l'inesorabilità del destino, noi cerchiamo a volte disperatamente di cambiare le cose perchè non capiamo il disegno più grande di cui facciamo parte ( ok sarà presente in almeno altri centinaia di film, ma solo in questo colpisce davvero ). Solo una cosa... ma i fratelli di Giuseppe non invecchiano? Da quando nasce Giuseppe fino a 35 anni dopo o più il fratello maggiore è sempre uguale.
Bella la canzone dello schiavo ma trovo che le parole italiane ci stiano un pò strette.
Avatar utente
Icnarf
Mickey Mouse Mystery Addicted
Mickey Mouse Mystery Addicted
 
Messaggi: 758
Iscritto il: lunedì 24 aprile 2006, 08:50
Località: Napoli
Has thanked: 0 time
Been thanked: 6 times

Re:

Messaggioda Shito » lunedì 30 dicembre 2013, 22:57

DeborohWalker ha scritto:Ottimo film.
Ah, quando la Dreamworks faceva film sulla Bibbia, invece che rutti e scoregge.


Come non citarti? Ti ho citato. ^^;

Lo vidi al cinema, e lo gradii molto. Lo trovai un film davvero valido, interessante, che meritava senz'altro di essere stato realizzato.
Shito
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 107
Iscritto il: domenica 28 luglio 2013, 01:34
Has thanked: 10 times
Been thanked: 6 times

Re: Dreamworks: Il Principe d'Egitto

Messaggioda Don Homer » venerdì 03 gennaio 2014, 20:50

Icnarf ha scritto:Ieri ho visto Giuseppe il re dei sogni, capolavoro considerando sia un dtv ( ahah se penso a molti della Disney tipo il Gobbo 2),

NON ESISTE un sequel del Gobbo :grrr:
Avatar utente
Don Homer
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1257
Iscritto il: giovedì 26 luglio 2012, 12:30
Località: Latina
Has thanked: 13 times
Been thanked: 40 times


Torna a Dreamworks Animation

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy