Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Sony] Ghost Rider

Dove c'è così tanta meraviglia che la sola carta non bastava più!

Marvel: Ghost Rider

Messaggioda DeborohWalker » martedì 27 marzo 2007, 17:53

Immagine Immagine

Nicholas Cage è un pazzo collezionatore di fumetti. Una passione così viscerale, al punto che quando deve scegliersi un nome d'arte (per sostituire il cognome Coppola) pesca dal persoaggio Marvel Luke Cage. E soprattutto, al punto da chiamare il proprio figlio Kal-El. Sì, il nome alieno di Superman. Fossi un bambino, a scuola, durante la ricreazone stareinascosto in un angolo se mi chiamassi Kal-El Coppola.
Vabbè, tornando al nostro invasato di comics, già in passato avrebbe voluto indossare i panni di un supereroe, e ci era andato vicino, sia con Superman che con Batman...
Il personaggio dei comics che riuscirà ad interpretare, per appagare i suoi desideri da nerd, sarà proprio Ghost Rider, di cui Nicholas Cage ha un tatuaggio sul braccio.

Jhonny Blaze è il giovane figlio di uno stuntman che lavora in un circo. Un giorno scopre che il padre è malato di cancro e fa un patto col diavolo: il padre sarebbe guarito dalla malattia e il ragazzo avrebbe donato a Mefistofele la sua anima. La mattina seguente il diavolo guarisce il cancro del padre di Jhonny, ma lo uccide causando un incidente durante uno stunt, nel quale il padre perde la vita.
Jhonny Blaze distrutto per il lutto e per esser stato ingannato così biecamente, sale a cavallo della sua moto e se ne va abbandonando il circo e la sua ragazza, Roxanne.
Vent'anni dopo Jhonny Blaze è un famosissimo stuntman, e al culmine della sua carriera il diavolo ricompare per esigere ciò che gli spetta, ovvero l'anima che aveva ottenuto anni prima: trasforma Jhonny in un teschio fiammeggiante dotato di poteri sovrumani, che dovrà utilizzare per catturare Blackheart, il figlio di Mefistofele che vuole trovare un contratto con il quale potrà portare l'inferno sulla terra. Una volta catturato Blackheart Jhonny Blaze potrà riavere la sua anima. ma per riuscire nella sua missione dovrà imparare a convivere con questa sua doppia identità che gli porterà diversi problemi per via della sua figura pubblicamente nota, ma anche per il ritorno di Roxanne nella sua vita.

Mark Steven Jhonson, regista e sceneggiatore di Ghost Rider, non è al suo primo film Marvel. Infatti è già responsabile (anzi, colpevole) della sceneggiatura di Elektra, e ha anche diretto Daredevil. Il film sulla ragazza ninja è ufficialmente riconosciuto come ciofeca.
Nicholas Cage nel ruolo di Jhonny Blaze è "sopportabile" e ve lo dice uno che letteralmente detesta Cage, e lo trova assolutamente incapace di recitare. Qui, almeno, sa essere un minimo interessante, e addirittura divertente in qualche scena. Lo stesso Nicolas ha contribuito alla costruzione del personaggio rendendolomeno "dannato": via sigarette ed alcool, ma eccolo diventare goloso di gelatine. Certo, più politicamente corretto, ma credo che snaturare un personaggio simile facendolo divenare "eccentrico" non sia molto coerente col fumetto, e posso immaginare quanto questo elemento possa irritare i fan del comic. Nella versione è un personaggio continuamente tormentato, qui questo elemento è solamente accennato, riducendo più Jhonny Blaze ad un motociclista dannato ed arrogante, che si bea della sua celebrità e con un carattere bizzarro.
Il resto del cast fa comunque il suo dovere: eva Mendes è Roxanne, l'amore di Jhonny Blaze, e riesce bene nel suo ruolo di fidanzatina ingeua che non capisce cosa stia succedendo, ma è difficile appassionarsi a Eva Mendes (nonostante le sue camicette abbiano sempre un bottone aperto :P) quando nel flashback iniziale si vede una Roxanne giovane assolutamete meravigliosa. Peter Fonda è l'inquietante Mefistofele, che mi ha ricordato per certi versi l'imperatore Palpatine, con il suo essere subdolo, mentre Sam Elliot (forse il migliore della pellicola) è il guardiano del cimitero che "istruirà" Ghost Rider, con massime confuciane e insegnamenti su come usare i suoi nuovi poteri.
Discorso a parte per Blackheart, ovvero il Wes bentley tanto apprezzato in American beauty, ma che poi è scomparso miseramente; il suo ruolo è decisamente una macchietta, il cattivo da combattere che è cattivo "perchè sì", senza troppi approfondimenti o sfumature di carattere. A peggiorare questa situazione ci sono i suoi sgherri, tre demoni che rimangono sullo schermo giusto il tempo di tre mini-combattimenti (duravano di più quei nemici dei Power Rangers in calzamaglia...), quando invece avere un nemico più interessante avrebbe reso tutto il film più appassionante.
Il film risulta un bizzarro mix di generi: oltre all'ovvio clima "supereroistico" ci sono numerosi elementi presi dal geere western ed horror, a volti usati sapientemente, a volte abbastanza gratuitamente.
La storia è abbastanza leggera: gradevole, ma nulla di troppo impegnato, il minimo indispensabile per essere apprezzato e senza sembrare troppo infantile.
Gli effetti speciali sono traballanti: si alternano scene complicate realizzate magistralmente, a scene "ordinaie" in cui c'è solo il teschio fiammeggiante che parla, ma le immagini sono abbastanza incerte.

Il film rimane comunque piacevole, si gradisce e strappa qualche risata: non sarà certamente il film migliore tratto da un comic Marvel, ma non è neanche il peggiore.
Un paio d'ore gradevoli, senza troppe pretese.
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Marvel: Ghost Rider

Messaggioda camera9 » domenica 28 ottobre 2007, 11:53

Comprato il dvd e visto anch'io.
Un bel film.Mi ha soddisfatto.Il regista non ha certo buona fama, ma qui ha sfornato un buon prodotto.
Ottimi gli effetti speciali,la resa di Ghost Rider è molto buona.
Ho un'unica critica ed è grossa: Cuorenero.
Certo qui c'è una critica da muovere anche alla traduzione italiana, visto che in Italia il personaggio è conosciuto semplicemente come Ghost,e vende l'anima a Mefisto non a Mefistofele.In italia Blackhart è chiamato Cuorenero.
Ritornando al villain, nei fumetti Cuorenero è molto più interessante della sua versione cinematografica, nei fumetti è pur sempre un cattivo sì, ma un cattivo che crede di fare la cosa giusta, che ha per obiettivo comunque "fare del bene".Nel film è uno che vuole conquistare il mondo e l'inferno e basta.Poi nel film ha meno paura del padre che nei fumetti.
Un pò è un peccato che abbiano usato Mefisto per questo film visto che è nato come un nemico di Silver Surfer e sarebbe stato meglio usarlo nel film dedicato a quest'ultimo ma sorvolo.
Si stà già parlando del seguito fra l'altro.

Giacchè non sono un esperto di cinema, non sono neppure un esperto di recitazione, quindi proprio non capisco la critica di Deboroh a Nickolas Cage che a me è sempre piaciuto in ogni suo film.
Pregasi spiegarsi meglio.
Avatar utente
camera9
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 245
Iscritto il: domenica 29 aprile 2007, 18:51
Località: Bari
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Messaggioda DeborohWalker » domenica 28 ottobre 2007, 13:41

camera9 ha scritto:Giacchè non sono un esperto di cinema, non sono neppure un esperto di recitazione, quindi proprio non capisco la critica di Deboroh a Nickolas Cage che a me è sempre piaciuto in ogni suo film.
Pregasi spiegarsi meglio.

Guarda, so che è un giudizio soggettivo (ma so che molti lo condivido, almeno non è una follia personale), ma per me Nicholas Cage ha UNA espressione facciale. Cioè, boh, magari si impegna anche tanto, però proprio non riesce a trasmettermi le emozioni. E dopo un po' forse è subentrato anche un fattore di irritazione per questa cosa, che mi provoca repulsione verso di lui.
Qui in Ghost Rider questa sua monotonia un po' si spezza, forse per la passione di Cage per il personaggio, avendogli dato una caratterizzazione più forte, macchiettistica; qui ha spinto al massimo l'acceleratore sul fattore "sopra le righe", come magari un Johnny Depp ha fatto per Jack Sparrow, col risultato non di risultare meraviglioso come il pirata di Depp, ma finalmente accettabile ai miei occhi.
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Marvel: Ghost Rider

Messaggioda camera9 » domenica 28 ottobre 2007, 22:33

E pensare che all'inizio Eastwood ne aveva solo due di espressioni...
Comunque anche io ho trovato che in GHOST RIDER Cage si fosse impegnato per avere un'altra faccia.
Io, più che di espressione, parlerei di tratti somatici.Anche io ho sempre visto il viso di Nicholas Cage sempre uguale, al contrario di te però a me piaceva.
Avatar utente
camera9
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 245
Iscritto il: domenica 29 aprile 2007, 18:51
Località: Bari
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Messaggioda DeborohWalker » domenica 28 ottobre 2007, 22:49

Ma non dico che l'"avere la stessa espressione" sia male, è solo un diverso modo di recitare, e a me proprio non piace.
Infatti non impazzisco per Clint Eastwood, e non gradisco molto neanche Nicole Kidman (escluso in Moulin Rouge), che inserisco nel club dei "mono-faccia" ^^
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times


Torna a Marvel Studios

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy