Home The Disney Compendium il Fumettazzo

Quanto conta la trama nei videogiochi?

Nintendo non è solo Mario, Zelda o Pokémon: è sinonimo stesso di "videogioco", è il nome di chi ha creato il divertimento elettronico come lo conosciamo oggi e che continua a ricrearlo reinventandosi senza sosta, in una continua ricerca della perfezione ludica.

Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda Cartoonmania » giovedì 15 novembre 2012, 11:01

In altri forum ho avuto l'occasione di imbattermi in discussioni simili, ho pensato di proporre qui una discussione generale, per far nascere uno spunto di dialogo che spero possa rivelarsi interessante.
Quindi, secondo voi, qual'è la REALE importanza che la trama può avere in un videogioco?
Se un gioco ha un gameplay o una giocabilità sostanzialmente buona, ma niente di che, ma ha una trama coi controcoglioni e personaggi caratterizzati, tutta roba che spinge ad andare avanti col gioco, può rivelarsi un ottimo gioco, magari pari ad un gioco che ha un gameplay meraviglioso ma una trama scarna o quasi inesistente?
Per quanto mi riguarda, un gioco che magari come gameplay non è un granché ma ha una trama coinvolgente e interessante può, forse, rivelarsi migliore di un gioco la cui trama è solo il minimo necessario per darti un motivo per giocare (leggasi: Super Mario).
Le persone dimenticheranno quanto detto, quanto fatto, ma non dimenticheranno MAI come le hai fatte sentire (cit.)
Avatar utente
Cartoonmania
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 125
Iscritto il: mercoledì 20 luglio 2011, 16:06
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda FaGian » giovedì 15 novembre 2012, 11:35

La discussione si può estendere a tutti i mezzi di intrattenimento:

- Meglio un film "sbrilluccicoso", pieno di effetti speciali, attori fighi, attrici nude, ma senza trama, o un film medio, ma con la trama migliore al mondo?

- Meglio un fumetto pieno di inquadrature pazzesche, anatomie e disegni curatissimi, ma storia fiacca, o un fumetto, magari non ben disegnato, ma con una trama azzeccata?

- Meglio un telefilm di poche puntate, con regia frenetica, attori perfetti, ma sviluppo della trama inesistente, o una serie piena di rimandi, informazioni, elementi su cui soffermarsi a pensare e immaginare, e attori svogliati?

Risposta:

BOH!? :LOL:
La mia gallery su Deviant Art (casomai a qualcuno interessi =^__^=)
Avatar utente
FaGian
Witcher
Witcher
 
Messaggi: 447
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2011, 10:06
Has thanked: 6 times
Been thanked: 10 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda Valerio » giovedì 15 novembre 2012, 12:58

Ma gli esempi di Fagian non mi paiono azzeccati, perché cita tre medium in cui la trama è effettivamente fondamentale, e in cui la sua assenza è un difetto. Nei videogiochi la mancanza della trama non è necessariamente un difetto, visto che al centro di tutto rimane il gameplay. Però nelle cose non esiste solo il centro ma anche quello che ci sta intorno, per cui penso che la risposta sia: dipende dal gioco, dalle finalità che ha e dall'esperienza che vuole ricreare.
Perché esistono giochi come Zelda o gli rpg in cui la trama è parte integrante dell'esperienza, ed esistono giochi come Mario o Kirby in cui la trama non conta nulla. Tuttavia ritengo che la presenza di una storia che si fonda col gameplay non sia mai un difetto ma un valore aggiunto, per cui pur ritenendo accessoria la presenza di una trama in Mario, penso che la sua presenza sarebbe più che benvenuta.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10349
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda Dapiz » giovedì 15 novembre 2012, 13:21

Dunque

In primo luogo, secondo me si può scindere la domanda in due parti:

1) quanto conta la trama in UN videogioco?
e
2) quanto conta LA trama NEL videogioco?

Mi spiego meglio. Per quanto riguarda la parte 1) bisogna partire dal presupposto che un videogioco è innanzitutto un gioco, ragion per cui la componente ludica dovrà necessariamente mantenere una posizione di rilievo... Tuttavia, a parer mio, non necessariamente la posizione di maggior rilievo, in base al genere di gioco in questione. Un platform è per definizione un genere incentrato sull'elemento giocoso più semplice, la pura gioia che si prova nel premere tasti ritmicamente mentre si muove il personaggio in scenari scenograficamente suggestivi. Il piacere di un gioco platform (o di uno sparatutto vecchia scuola, o di un gioco di corse) è puramente fisico, si potrebbe dire, e risponde alle più basilari esigenze di puro divertimento: la trama in questo caso è un'orpello, un di più, se c'è può far piacere ma è, tutto sommato, superflua. Un platform con una trama intrigante ma una giocabilità sciatta saà giocato per la trama, ma non certo con piacere, il che potrebbe rappresentare un tradimento del genere.
Prendiamo invece come esempio un gioco di ruolo e quanto detto si può capovolgere: un gioco di ruolo è caratterizzato da un impianto narrativo di prim'ordine, al punto tale che diverse software house prediligono una buona narrazione e belle cutscene cinematografiche ad una struttura di gioco solida: altre, fortunatamente, ricercano un equilibrio tra i due elementi, il che ritengo possa essere la via da seguire in questi casi. Lo stesso discorso si può fare per gli action game o gli sparatutto di nuova generazione: se un tempo era sufficiente saltellare per lo schermo sparando a tutto ciò che si muove ora è necessario che ci sia un pretesto per farlo, e non è insolito che giochi di questo genere presentino trama e intreccio che non hanno nulla da invidiare a produzioni cinematografiche o a saghe letterarie (per non parlare del fatto che il prolifelare di trilogie e produzioni seriali al cinema va di pari passi con il medesimo fenomeno nel mondo videoludico: raramente oggigiorno una grossa produzione sta in piedi da sola, ma è quasi sempre legata ad un progetto di trilogia o di serie, vedi Halo, Assassins's Creed, Mass Effect e così via).

Non è comunque il caso di farne una mera questione di genere: è possibilissimo godersi per ore e ore un gioco di ruolo privo di trama o uno sparatutto che richiede solo riflessi e sete di sangue, fintantochè questo passatempo risponde ad una certa esigenza di intrattenimento... Ma forse, in questo caso, si ritorna ad un tipo di piacere più "istintuale" tipico della prima tipologia di gioco che ho esposto. Insomma in soldoni quanto conta la trama in UN videogioco? Non c'è una regola generale, tutto sta a che cosa lo sviluppatore cerca di creare e quali sono le esigenze del videogiocatore. Per quanto mi riguarda ricerco sempre un'esperienza che vada al di là del semplice intrattenimento, per cui tenderò sempre a preferire un titolo che mi lasci qualcosa di più oltre ad ore ed ore di sano divertimento.

Riguardo la seconda domanda:

2) quanto conta LA trama NEL videogioco?

inteso come "quanto conta la trama nel MEDIA videogioco?" a parer mio la risposta è GIGANTROPICAMENTE. Perchè per quanto si stia assistendo ad un lento ma inesorabile sdoganamento del media videogioco è innegabile quanto questa passione sia destinata alla ghettizzazione ancora per tanto tempo, in quanto legata al concetto di videogioco come divertimento futile e infantile. Non ha senso spiegare quanto curato sia un New Super Mario Bros o un Rayman Origins sotto l'aspetto artistico: si tratta di titoli che sono e restano "solo" giochi e quindi, nella percezione dell'uomo della strada, roba di poco valore. E' qui che entra in gioco la trama, perchè permette di dimostrare, a chi ha voglia di mettere in discussione i propri pregiudizi, che anche un'opera che parte dal presupposto di essere semplice intrattenimento può avere dei contenuti e che può presentarli senza vergogna di fronte suoi fratelli maggiori Cinema e Letteratura (disegnati e non).
Avatar utente
Dapiz
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1144
Iscritto il: sabato 17 dicembre 2005, 17:40
Località: Padova
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda LBreda » venerdì 16 novembre 2012, 00:31

Concordo pienamente con Dapiz nella prima parte: dipende dal gioco. Per molti giochi è futile, per molti altri necessaria.

Per quanto riguarda la seconda parte dissento: la qualità di un gioco prescinde dalla percezione del grande pubblico. Sperare che il media videogioco venga sdoganato piú rapidamente se i giochi hanno una trama è secondo me sbagliato. Si finirebbe per sdoganare, come del resto sta accadendo, solo i giochi che hanno trama (super mario è un giochino, assassin creed una figata, per il grande pubblico). Questa limitazione va abolita, per sdoganare davvero il media e elevarlo alla dignità di opera d'arte agli occhi di chiunque.
Lorenzo Breda
Website | Google+ | DisneyStats | deviantART

If you couldn't find any weirdness, maybe we'll just have to make some!
Hobbes, Calvin&Hobbes

[No bit was mistreated or killed to send this message]
Avatar utente
LBreda
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 3296
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 19:46
Località: Roma
Has thanked: 15 times
Been thanked: 49 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda Dapiz » venerdì 16 novembre 2012, 15:03

Eh già, ma come si fa? In che modo si può spingere il pubblico a considerare positivamente non solo una forma d'intrattenimento che è esclusivamente intrattenimento, ma che addirittura si avvale di mezzi tecnologici che decenni dopo la loro introduzione continuano ad essere guardati con sospetto come i malefici schermi televisivi spaccaretina – NOW IN BLINDING 3D?!?
Mi piacerebbe molto che il pubblico si stupisse di fronte a trovate come lo stile grafico di Yoshi's Island o che provasse la stessa sensazione di meraviglia nel poter per la prima volta muovere Mario in un ambiente totalmente tridimensionale, facendolo saltellare e rotolare in piena libertà, ma realisticamente ti pare possibile? Personalmente la risposta standard che ottengo quando cerco di spiegare perchè il videogioco ha un proprio valore artistico è "sì, bello, ma i miei figli ci giocheranno al massimo un'oretta al giorno". Il che non è che sia sbagliato, ma è sintomo di un modo di vedere la questione malato: non un'oretta in cui c'è l'opportunità di fare qualcosa di bello, ma un'oretta in cui si può concedere uno sgarro purchè poi si vada fuori a giocare.
Io SO che la qualità del titolo prescinde dal giudizio del pubblico, ma se è il giudizio del pubblico a cui si mira bisogna dargli in mano qualcosa che possa comprendere... E non penso che questo possa essere un livello di New Super Mario Bros. U ispirato a Van Gogh, purtroppo. Attento poi che la distinzione Mario – giochino, AC – giocone la fanno i giocatori, ma non l'uomo della strada. Per l'uomo della strada sono entrambe perdite di tempo. Il genere di pubblico di cui parlo io sono le mamme preoccupate che i propri bambini possano friggersi il cervello davanti alla tv e a parer mio, appunto, per conquistare questo genere di pubblico è necessario mostrare come il media videogioco offra di più del semplice gioco, che sia tempo che si può investire proficuamente e non qualcosa da concedere se il bambino ha fatto il bravo: per questo ritengo importanti i giochi con trama, perchè è più facile veicolare il messaggio con questi mezzi piuttosto che spiegando la Nintendo Difference.
Avatar utente
Dapiz
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1144
Iscritto il: sabato 17 dicembre 2005, 17:40
Località: Padova
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda LBreda » venerdì 16 novembre 2012, 15:38

Capisco bene cosa intendi. Ciò che temo però è che si rischi di far ammalare ancora di piú il giudizio già malato.

Rimane la domanda sul come guarirlo, però, è vero.
Lorenzo Breda
Website | Google+ | DisneyStats | deviantART

If you couldn't find any weirdness, maybe we'll just have to make some!
Hobbes, Calvin&Hobbes

[No bit was mistreated or killed to send this message]
Avatar utente
LBreda
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 3296
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 19:46
Località: Roma
Has thanked: 15 times
Been thanked: 49 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda Dapiz » sabato 17 novembre 2012, 21:03

... Parzialmente contraddicendomi potrei far notare come Fumetto e Animazione da diverso tempo si dimostrino contenutisticamente all'altezza dei loro fratelli maggiori, eppure il pregiudizio per quanto indebolitosi persiste. Forse la rivalutazione avrà luogo naturalmente una volta che i videogiochi saranno ancora più accessibili e diffusi di quanto non lo siano ora e la presenza della console per videogiochi nelle nostre case sarà considerata equivalente a quella del televisore o del frigorifero... Per non parlare della possibilità che in futuro il supporto fisico sparisca interamente, rendendo ancora più immediato l'accesso alle videoludicità. Si tratta di due percorsi opposti: rivalutazione a partire dall'eccellenza di pochi titoli o a partire dall'enorme diffusione di tanti probabilmente meno eccellenti (che richiederà comunque al pubblico non giocatore la capacità di distinguere tra un Farmville e uno Xenosaga...).
Avatar utente
Dapiz
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1144
Iscritto il: sabato 17 dicembre 2005, 17:40
Località: Padova
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Quanto conta la trama nei videogiochi?

Messaggioda LBreda » sabato 17 novembre 2012, 23:07

Va comunque detto che al momento a sdoganare i videogiochi ci sono i giochini da telefono, da Angry Birds in poi, che ripropongono la classica dinamica drogante che alterna fallimenti e successi (come tutti i giochi che amo, da Tetris a Super Mario), e che hanno una trama labilissima e del tutto secondaria rispetto alla dinamica di gioco.

Sí, sono considerati passatempi, e non arte, ma certamente non sono considerati del tutto perdite di tempo.
Lorenzo Breda
Website | Google+ | DisneyStats | deviantART

If you couldn't find any weirdness, maybe we'll just have to make some!
Hobbes, Calvin&Hobbes

[No bit was mistreated or killed to send this message]
Avatar utente
LBreda
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 3296
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 19:46
Località: Roma
Has thanked: 15 times
Been thanked: 49 times


Torna a Nintendo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy