Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[L'Osservatorio #10] Game of Thrones, di adattamenti e dis..

Se trovate i post del forum prolissi, aspettate di vedere cosa succede quando ci viene in mente di scrivere dei veri e propri articoli approfonditi, o delle interviste ai limiti del terzo grado. Mettetevi comodi...

[L'Osservatorio #10] Game of Thrones, di adattamenti e dis..

Messaggioda La Redazione » giovedì 25 giugno 2015, 19:57

Game of Thrones, di adattamenti e disadatta...menti

Immagine

La quinta stagione di Game of Thrones si è conclusa da poche settimane e, su piattaforme note per la grande capacità critica e l'assoluta pacatezza dei toni quali Reddit o Twitter si è scatenata una caccia alle streghe che vorrebbe Benioff e Weiss, i due showrunner della serie, al posto di Shireen Baratheon. Dumb&Dumber, com'è ormai nota la coppia agli affezionati fan, si sarebbero resi colpevoli di una serie di efferrati crimini contro il magnum opus di George R. R. Martin, la decenza e il buongusto, i bambini e l'umanità in generale. Scorrendo le pagine a volo di corvo si può notare una serie di accuse, dal tradimento dei personaggi all'assenza di avvicendamenti significativi, ma a parer nostro la maggior parte di queste osservazioni mancano di una componente fondamentale che la critica dovrebbe sempre possedere: la prospettiva. Andiamo a dare un occhiata un po' da vicino ai principali capi d'accusa, il che ci darà anche la possibilità di fare un piccolo ragionamento a proposito dell'adattamento di un'opera da un medium a un altro:

Immagine

1. il mancato rispetto dei personaggi della serie di libri, questione che si fa un po' più delicata. Quando un film o una serie è un effettivo adattamento dell'opera originale e quando è invece semplicemente "ispirato a"? Qual'è la linea di demarcazione? A nostro parere, ciò che rende tale un adattamento non è il rispetto pedissequo dei personaggi o dello svolgimento della vicenda (entro certi limiti, naturalmente) ma il suo intento, il suo messaggio, il suo punto d'arrivo. Ciò che mi racconta una storia non è (solo) una serie di eventi, ma ciò che quella serie di eventi mi porta a comprendere, ciò su cui mi fa riflettere, ciò che mi vuole comunicare. In tal senso, non si potrà affermare che la serie tv abbia deragliato rispetto A Song of Ice and Fire finchè non saremo all'endgame e non capiremo che cosa Martin e D&D ci hanno raccontato. Da questo punto di vista, dunque, lamentarsi di una diversa caratterizzazione di Stannis o di una minor brillantezza di Ditocorto rispetto ai libri ha poco senso, finchè i personaggi rimangono coerenti con loro stessi all'interno della serie. Questo chiarimento sulla questione dell'adattamento ci porta a un terzo punto "critico":

2. il mancato rispetto di certe sequenze dei libri. La quarta e la quinta stagione di Game of Thrones si sono prese grandi libertà nei confronti dei libri e questo, a detta di diversi fan della serie cartacea, è un grave crimine. Ma l'errore che questi fan commettono è non considerare il materiale di partenza per quello che è e non considerare la diversità di linguaggi narrativi in un libro e in una serie tv. Al di là del giudizio qualitativo su A feast for crows e A dance with dragons (poco lusinghiero da parte di chi scrive) è innegabile che una trasposizione fedele dei due libri avrebbe presentato difficoltà insormontabili, dovute alla frammentazione della narrazione, alla mancanza di un punto d'arrivo per diverse storyline, alla contemporaneità della narrazione tra i due testi e alla presenza di una serie di personaggi, di dettagli e di complicazioni varie che per quanto per molti lettori rappresentino legittimamente una grande attrattiva in una serie tv non funzionano poi così bene, anche solo per ragioni strettamente pratiche legate agli impegni del cast e alle difficoltà di girare in loco. Tutti questi fattori e altri possono portare interi elementi di un'opera ad essere modificati, spostati, ritardandoli o anticipandoli (scommettiamo che ritroveremo Balon Greyjoy nella sesta stagione, e che Victarion si ritroverà con i capelli biondi?) o addirittura rimuovendoli per la semplice ragione che una serie tv ha meccanismi diversi da un libro ma senza che questo comprometta il risultato finale. Alcune critiche sollevate sul lavoro di D&D, che, ricordiamolo, non agiscono in base a dove tira il vento e non sono stati abbandonati da Martin ma sono stati a conoscenza dell'esito della serie fin dall'inizio e stanno da sempre agendo con un piano ben preciso in testa, sono più che giustificate ma è opportuno fare un distinguo tra la bontà del materiale inedito e la grande capacità dei due autori di riassumere, semplificare e talvolta far convergere elementi che in un libro funzionano bene in un certo modo, in tv funzionano ugualmente bene in un altro.

Immagine

3. il mancato rispetto della pazienza degli spettatori, ossia "in Game of Thrones succede una sola cosa a stagione" e stavolta nemmeno quella. E questa è crediamo la critica più divertente, perchè la si può rivolgere tanto al materiale di partenza quanto alla serie, ma per qualche ragione sembra che i soli responsabili della lentezza della narrazione siano D&D. Ragazzi, ma vi ricordate l'anticlimax di Daenerys che dopo la nascita dei draghi alla fine del primo volume si ritrova con una manciata di capitoli nel secondo in cui non combina nulla di davvero rilevante? Avete presente il viaggio di Tyrion ad Essos, che inizia e a distanza di anni non ha ancora avuto una fine? E Bran, quanto tempo ha trascorso disperso nel nord a mangiare cervi e raccontare favole prima di raggiungere il corvo con tre occhi? Di Jaime e le sue visite ai cugini ne vogliamo parlare? E Brienne, che trascorre i suoi capitoli inserendosi in rimasugli di vicende altrui per poi interrompersi quando la sua storyline ha finalmente inizio? La lentezza è una caratteristica portante di A Song of Ice and Fire e se è vero che in tv si poteva fare qualcosa di più per colmare i vuoi è anche vero che l'immenso e in gran parte lodevolissimo lavoro di worldbuilding che Martin ha svolto su carta non dovrebbe giustificare il fatto che le Ombre Bianche apparse nei boschi oltre la barriera, nel 1996 (ripetiamolo insieme: millenovecentonovantasei), ad oggi sono ancora in quei boschi a campeggiare.

È chiaro che non tutte le critiche a D&D sono infondate. Innegabile è la debolezza di certi passaggi, come la quest di Jaime e Bronn a Dorne, che non è certo materiale di alta televisione, così come lasciare Brienne appostata tra le rovine per cinque episodi non ha nessuna scusante, ma la serie ha sempre avuto alti e bassi e la quinta stagione è stata, a ben vedere, una stagione piuttosto ricca di avvenimenti, quella che in gergo si definisce game changer: sono state risolte questioni risalenti addirittura alla seconda stagione, con la sesta che vedrà la maggior parte dei personaggi in situazioni molto diverse da come li abbiamo lasciati, in alcuni casi ci siamo anche spinti più avanti rispetto ai libri, salutando per sempre personaggi che su carta camminano ancora con le loro gambe, eppure l'insoddisfazione dei fan è più sentita che mai. È possibile, per carità, che D&D siamo improvviasamente diventati due idioti, ma avanziamo anche un'ipotesi alternativa: può essere che la storyline di A Song of ice and fire sia di fatto in stallo dal 2005, anno di pubblicazione di A feast for crows, che la serie tv si trovi ad adattare una serie di romanzi che procede con una lentezza esasperante, e che la cosa inizi un po' a pesare?
Immagine
Avatar utente
La Redazione
 
 
Messaggi: 274
Iscritto il: giovedì 18 luglio 2013, 15:28
Has thanked: 0 time
Been thanked: 42 times

Re: [L'Osservatorio #10] Game of Thrones, di adattamenti e d

Messaggioda Don Homer » sabato 27 giugno 2015, 17:21

Semplificare non significa tagliare, ma riassumere al meglio, si dice che la sintesi sia un dono... il dinamico duo non sintetizza, falcidia, per poi addirittura inventare di sana pianta robe assurde tra il comico e l'inverosimile. Perché castare ad esempio seimila personaggi di Dorne, quando per rendere al meglio quella storyline, bastava Arianne Martell (guarda caso l'unica esclusa) ? Vuoi far fare delle parti a Bronn? Bene, mandalo sempre con Jaime nelle terre dei fiumi, dove la storyline è stata occultata.

Sono lente e pallose le vicende di Affc e Adwd ? Mica non succede niente però. Sintesi, non rivisitazione e invenzione. Sennò scrivetevi un bel fantasy tutto vostro no?
Vabbeh. Per la questione di Martin vi ricordo che martin ha smesso di lavorare alla serie, quindi si Dumber e Dumber sono lasciati a loro stessi è il risultato si vede :D
Io non parlerei poi di stessi risultati, vi ricordo che un sacco di trame divergono pesantemente dai libri, vedi Sansa, ma anche Jaimie, Brienne e potrei continuare. E perfettamente inutile che continuino a ripetere "Oh ma il finale sarà lo stesso" quando è palese che non sarà così. Nella serie la parte relativa gli Uomini del Nord che si alleano con Stannis e altri che cospirano contro i Bolton è stata completamente segata, quando nei libri sicuramente svolgerà un ruolo importante. E questo è solo uno degli esempi.

Purtroppo con questa stagione si è accentuata la voglia di far compiacere e stupire il fan ad ogni costo. Ci si focalizza sui personaggi, e poco importa delle loro vicende. L'importante è fare sensazionalismo, sempre e comunque. Ed è così che nasce una stagione con Stannis, un uomo severo, autoritario, ma fondamentalmente giusto che diventa talmente succube e fanatico alla religione da non riuscire più a ragionare lucidamente, facendo scelte sbagliatissime ed arrivando persino a bruciare viva la propria adorata figlia; con Olly, il ragazzetto cui Jon Snow salvò la vita, pugnala a tradimento lo stesso Jon Snow; con Sansa che viene tormentata da un tizio sadico e crudele (dove l'ho già vista ?) ; con Jon che distrugge un generale degli Estranei semplicemente grazie alla sua spada di acciaio di Valyria, con Jaqen H'ghar (idolo del pubblico femminile); con Barristan, uno dei più forti guerrieri delle Cronache, che muore combattendo contro dei signori nessuno; e via così.

Alla fine i cambiamenti possono anche starci, ogni ambiziosa trasposizione da carta a piccolo o grande schermo ha quasi sempre subito delle variazioni, ma problema adesso è che, se all'inizio la serie tv poteva rappresentare una valida alternativa o comunque un gustoso arricchimento ai libri, adesso è diventata una roba fine a sé stessa piena zeppa di illogicità gratuite messe apposta per creare scalpore nello spettatore e poco altro.
Avatar utente
Don Homer
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1258
Iscritto il: giovedì 26 luglio 2012, 12:30
Località: Latina
Has thanked: 13 times
Been thanked: 40 times


Torna a Dal Sito

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy