Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Christopher Nolan] Interstellar

Una cartella dedicata a quel grande magico calderone che è il cinema e al fascino magnetico che lo schermo gigante continua ad esercitare ancora oggi.

[Christopher Nolan] Interstellar

Messaggioda Tyrrel » venerdì 16 maggio 2014, 19:28

Immagine

Teaser Trailer:



Trailer #1:



Sinossi:
In un futuro imprecisato, un drastico cambiamento climatico ha colpito duramente l'agricoltura. Un gruppo di scienziati, sfruttando un "wormhole" per superare le limitazioni fisiche del viaggio spaziale e coprire le immense distanze del viaggio interstellare, cercano di esplorare nuove dimensioni.
Il granturco è l'unica coltivazione ancora in grado di crescere e loro sono intenzionati a trovare nuovi luoghi adatti a coltivarlo per il bene dell'umanità.
-- Imagine the impossibilities.
Avatar utente
Tyrrel
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 2872
Iscritto il: sabato 10 dicembre 2005, 12:24
Località: Cagliari e dintorni
Has thanked: 16 times
Been thanked: 8 times

Re: [Christopher Nolan] Interstellar

Messaggioda Daria » lunedì 10 novembre 2014, 11:39

Interstellar è un bel film, con grandi attori, bella fotografia, regia e belle musiche.
I suoi difetti per me non sono stati, come ho letto in giro, lunghezza o ritmo (anzi scorre che è una bellezza), quanto alcuni dialoghi ed eventi che mi hanno fatto dire un VABBÈ grosso come un transatlantico XD Non che la cosa mi disturbi, il bello della fantascienza è anche questo, tuttavia alcune cose forse potevano avere risvolti leggermente diversi.

Ad ogni modo come tutti i film di Nolan, ti fa uscire dalla sala discutendo su tanti aspetti, sul film stesso, ma anche sulla fisica e sul tempo e sulla storia. Perché infondo è un film sul tempo...e sulla storia del cinema di fantascienza recente, dalla quale Nolan attinge a man bassa citando qui e là.

In conclusione direi un film meno "d'autore" di quanto mi aspettassi, ma un buon film di fantascienza, molto bello, coinvolgente! Mi ha fatta piangere, arrabbiare, ridere, meravigliare e poi va beh datemi wormholes e buchi neri e sarò vostra XD
Avatar utente
Daria
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 743
Iscritto il: martedì 02 aprile 2013, 17:00
Has thanked: 13 times
Been thanked: 24 times

Re: [Christopher Nolan] Interstellar

Messaggioda Simo87 » venerdì 21 novembre 2014, 22:57

Visto anch'io.
Un buon film, alla fine Nolan voleva fare un blockbuster e secondo me il risultato è intrigante, anche se non ai livelli di altri film come Memento o The Prestige...
Diversi WTF scientifici come il fatto dei pianeti vicini al buco nero e come ci scaldiamo?! (ma io non sono un esperto eh!) e qualche stramberia come il mettere lo shuttle di fianco agli uffici (ahahahah e la sicurezza ?!) o il pianeta con le onde colossali con un fondale di 30 cm e poi però la navetta si immerge XD
Forse un po' distaccato a livello emozionale, nel senso che anche l'incontro finale tra il babbo e la figlia anziana, non mi ha scosso...
Stupenda rappresentazione del wormhole (finalmente l'hanno fatto sferico! evviva flatlandia!) e grandissima sensazione di viaggio interstellare in solitaria.
Buffo come da piccolo il mio film preferito di fantascienza (non sono un fine conoscitore di cinema eh) fosse Contact, il quale oltre ad avere il SETI e una certa ricerca di realismo (tipo il presidente americano nel film era davvero un video di Clinton e non Morgan Freeman :P), aveva Kip Thorne come consulente scientifico, ed anche in Interstellar ritorna! Direi che il cerchio si chiude...
Menzione per le musiche incalzanti di Hans Zimmer.

Insomma, secondo me, un buon film di intrattenimento, ma con alcune tematiche interessanti (la dilatazione temporale, la separazione... ah GunBuster!) e con un viaggio interstellare che cerca di essere realistico senza mostri o alieni (e meno male) ed in parte, imho, ci riesce. :-)
Avatar utente
Simo87
da PkFrittole
da PkFrittole
 
Messaggi: 47
Iscritto il: domenica 03 agosto 2014, 10:07
Has thanked: 3 times
Been thanked: 1 time

Re: [Christopher Nolan] Interstellar

Messaggioda Bramo » martedì 06 gennaio 2015, 18:10

Il cinema della mia cittadina sta trasmettendo in queste serate Interstellar: un'ottima occasione per recuperare questa pellicola che non feci in tempo a recuperare prima che la togliessero dalla programmazione dei multisala, e che mi ha permesso di fruire su grande schermo di un film che meritava solo questa esperienza.
Ritengo infatti che - esattamente come con Gravity, anche l'ultimo film di Christopher Nolan va goduto nel buio di una sala cinematografica, su uno schermo maggiore di quello di un televisore domestico (il mio cinema non ha certo uno schermo gigante, ma è sempre maggiore di quella della mia TV :P ).
Alcune vedute dello spazio, alcune riprese del viaggio dell'astronave, alcune immagini del wormhole... sono elementi pensati appositamente per l'esperienza cinematografica, vista l'ariosità che viene data alle riprese per dare l'impressione dello spazio infinito in cui si trovano i personaggi.
Al contrario di Gravity, però, che aveva come punto di eccellenza questa cura tecnica ma che, di contro, presentava una storia molto lineare, Interstellar segue la tradizione narrativa targata fratelli Nolan, costruendo una trama che non ha paura di sporcarsi le mani con buchi neri, teorie fantascientifiche, riflessioni filosofiche e viaggi nel tempo. Pur allontanandosi dal baraccone della fantascienza spicciola e facile, a base di alieni, invasioni e time-travel visti e rivisti, i Nolan pescano le istanze base di un certo tipo di fantascienza e le fanno loro, solo suggerendole al pubblico e trattandole quindi in modo più raffinato.
Il tutto viene poi innestato in una trama che è lineare solo all'apparenza, ma che ben presto saprà complicarsi e mettere in discussione le verità che davamo per assodate come base narrativa. Base semplice, ma pur sempre affascinante: se la cornice di una Terra in un imprecisato futuro, dove le risorse e il cibo stanno seriamente iniziando a finire e dove il clima è peggiorato di brutto, dominato da tempeste di sabbia frequenti e che istintivamente lo spettatore associa ad arsura, non è delle più originali, sono però quei tocchi descrittivi personali a fare la differenza, come anche lo smantellamento (o presunto tale) della NASA.
Quando poi partirà la missione nello spazio, sarà il momento per i due autori di mettere in campo la loro fantasia nella direzione da dare alla spedizione e nella descrizione da fare dei pianeti visitati: anche qui, la strada della missione è piuttosto chiara, ma presto emergeranno quei piccoli misteri in grado di sovvertire le convinzioni pregresse.

Il vero tocco nolaniano, comunque, sta nel controverso finale, che credo sia l'elemento per cui gli haters del film l'avranno maledetto (o perlomeno, è stato così con l'amico che mi ha accompagnato). Personalmente l'ho trovata una soluzione azzeccata e affascinante, al di là della possibilità scientifica o meno. Non ha rotto la mia sospensione dell'incredulità, e questo è l'importante. Anzi, la spiegazione di un elemento cardine della storia, ma presente solo nella prima mezz'ora di film, dà a questo finale un senso di circolarità perfetta che ho apprezzato fortemente. A ben guardare avevo intuito che quei "loro" fossero in realtà gli esseri umani del futuro, sia perché quando si parla di buchi neri questa è una delle soluzioni più classiche, sia per una frase particolarmente rivelatrice detta dal protagonista ad un certo punto. E la cosa volendo pone anche un problema da paradosso temporale non da poco: se la Terra si estingue senza il buco nero, e questo è stato piazzato dalla razza umana del futuro, come questi possono essere sopravvissuti per creare la condizione della loro sopravvivenza?
Poi ci sarebbe anche da capire come faccia la figlia del protagonista, quando torna nella sua camera da adulta, ad arrivare alla conclusione sull'identità del fantasma che la assillava da bambina, ad essere pignoli.

Insomma, qualcosa che non torna perfettamente, a ben guardare, c'è. Ma complessivamente trovo che la storia sia capace di solleticare il mio animo e di farmi sbarrare gli occhi per la meraviglia, e questo è l'importante.

Per quanto riguarda le performance attoriali: bravo Matthew McConaughey, anche se qui non l'ho visto brillare come nelle sue recenti prove cinematografiche e televisive. Ha reso bene la sua parte, ma non ha eccelso, a parte nel finale dove invece sembra dare davvero tutto.
Vale lo stesso discorso per Anne Hathaway.
Michael Caine dimostra di essere un grande attore anche nelle parti più piccole :)
Matt Damon ho faticato a riconoscerlo: fa un buon lavoro però :)
Menzione a parte per Jessica Chastain nei panni della figlia del protagonista in età adulta: interpreta in modo intenso un ruolo tutt'altro che facile.

Hans Zimmer, infine, firma una colonna sonora decisamente efficace, che abbraccia lo spettatore e veicola le giuste sensazioni: credo sia il lavoro di Zimmer che maggiormente evita il pericolo di essere confuso con quello di altre sue colonne sonore :)
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: [Christopher Nolan] Interstellar

Messaggioda max brody » giovedì 02 luglio 2015, 18:07

L'ho adorato.
E sì, è proprio Contact 2!
Come potevo non adorarlo?

E chissenefrega delle falle logiche o fisiche, è una fiaba. Ma che, quello che vedeva Jodie Foster sulla sedia di Contact era logico? E cmq sempre meglio de Gli argini del tempo.
E pazienza se ho trovato ovvia fin dall'inizio la circolarità. Circolare è bello! Circolare, haters, circolare!

Certo, è uno di quei film che se li vedi due volte è tanto, due ore e cinquanta sono un suicidio assistito.
In iSvizzera usano i film lunghi nelle cliniche specializzate. Tipo Cloud Atlas. O adesso questo.

Ma io Cloud Atlas l'ho visto due volte!
Sarà per questo che proprio mentre guardavo Interstellar, che aspettavo il momento giusto da anni, mi chiamano per un colloquio di lavoro. Così per quasi tre ore ho avuto due trame sovrapposte nella testa, quella del film mentale che mi facevo per il colloquio e quello del film visivo che si faceva davanti agli occhi.

Così in qualche punto mi sono sentito un po' Matt Damon. Ma è durato poco!
Per il resto mi sono lasciato trasportare. E quando i quanti quantizzavano e sblobbavano mi veniva da fare pliff e pluff sullo schermo.
E riproducevo la faccetta di McConaughey.
"C'è carcosa no'o spàzzio? 'nnamo a vedè"

La vecchiaia è brutta.
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1393
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times

Re: [Christopher Nolan] Interstellar

Messaggioda Bramo » giovedì 02 luglio 2015, 19:34

max brody ha scritto:E riproducevo la faccetta di McConaughey.
"C'è carcosa no'o spàzzio? 'nnamo a vedè"

:rotfl: :rotfl:
Quando fai così ti adoro :beer:
(poi fai sapere se il colloquio è andato bene ;) )
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times


Torna a Cinema a 360°

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy