Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Paolo Giordano] La Solitudine dei Numeri Primi

Qui è dove si parla di storie, di storie che parlano di cose che magari non sono successe davvero ma che potrebbero anche o che sono successe tanto tempo fa. Quel che è certo è che spesso ci toccano più di quanto non facciano le storie vere di cui siamo testimoni tutti i giorni.

[Paolo Giordano] La Solitudine dei Numeri Primi

Messaggioda Bramo » venerdì 12 settembre 2008, 11:46

Paolo Giordano: La solitudine dei numeri primi

Questo libro mi ha stupito. Davvero. Ne avevo sentito parlare tempo fa, poi è salito alla ribalta della notorietà (e delle classifiche di vendita) dopo aver vinto il Premio Strega 2008. Incuriosito, mi ero riproposto di leggerlo prima o poi, e l’occasione mi è stata fornita dalla madre di Minnie, che me l’ha prestato.
Precedentemente, girovagando su Internet ho notato commenti positivi ma anche negativi riguardo a questo romanzo, e quindi con un misto di interesse e di scetticismo che mi sono accostato alla lettura.

In breve, la storia (alquanto spoilerata nella fascetta di copertina dell’edizione Mondadori, per quanto riguarda il dove il romanzo prende l’avvio) narra della vita – da bambini ad adulti – di Mattia e Alice, vita segnata per entrambi da un fatto doloroso accaduto proprio quando erano in tenera età. Due episodi distinti che segneranno i due tramutandosi in anoressia per lei e in atti autolesionisti per lui. Si incontreranno solo alle scuole superiori, quando si sentiranno stranamente attratti l’uno dal dolore dell’altra, e inizieranno a frequentarsi senza mai capire davvero il loro ruolo nella vita, con loro stessi e tra loro due. Fino a che le strade si divideranno per poi riunirsi ancora, in un crescendo di drammatica ricerca di normalità.

Trama riassunta in breve da un lato per non rovinare il sapore della lettura a nessuno, secondo perché ci sarebbero tante altre cose da dire se si volesse essere analitici spoilerando però troppe cose che è bello scoprire in corso di lettura.
La struttura del romanzo è particolare, infatti è diviso in sezioni che raccolgono alcuni capitoli al loro interno, ma alcune ne hanno uno solo (è il caso dei primi due, appartenenti a due sezioni diverse perché narrano uno la tragedia di Mattia e uno quella di Alice), altri sono invece pieni di capitoli ma brevi, fulminanti, di una pagina o due. Lo stile di scrittura ti cattura inevitabilmente, ti spinge a girare pagina come si suol dire, questo grazie appunto alla brevità dei capitoli che scorrono in fretta, a una saggia scelta lessicale ma soprattutto grazie alle situazioni delineate, che incuriosicono e si vuol vedere dove vanno parare, anche se tutte le volte la situazioni non fa altro che tornare alla status quo, come fosse un’autoconclusiva di “Topolino”.
E il punto è questo, in effetti. Per quanto i due si dannino, tutto quello che fanno non fa altro che riportarli al punto di partenza, che altri non è che quello che li ha segnati da bambini; la solitudine che si sono creati da soli, autodeterminata da quello che è capitato e da dove nessuno dei due vuole realmente uscire.
All’inizio del libro, l’impressione era che l’idea fosse buona, davvero, buono spunto, ma l’evoluzione sapeva troppo di già visto, troppo tipico di certa narrativa italiana che comunque io apprezzo moltissimo. Sto parlando dei libri di Niccolò Ammaniti (che pure ha vinto il Premio Strega l’anno scorso con Come Dio comanda, che per certe atmosfere ricorda quest’opera prima di Giordano) e di Andrea De Carlo, per fare giusto due nomi tra i più celebri in questo genere di storie, e non mi stupirei per niente se l’autore fosse un lettore appassionato delle opere di questi due gradi scrittori italiani. Questa sensazione non mi ha abbandonato nemmeno a libro terminato, ma lo svolgimento della seconda parte del romanzo mi ha ulteriormente fatto capire che è un libro che vale e che vale la pena di leggere, perché ha avuto una parabola decisamente positiva. Il finale non è scontatamente mieloso e buonista come ci si potrebbe aspettare, e le situazioni che si vengono a creare sono interessanti. Certo, non mancano alcuni difetti di fondo, che in alcuni casi possono anche essere visti come pregi: alcune situazioni e alcuni personaggi di contorno vengono persi per strada, nel senso che a un certo punto spariscono per ricomparire magari in una scena da adulti (è il caso di Denis, amico di Mattia, e di Viola cosiddetta amici da Alice), senza riuscire a capire bene il loro ruolo, se sono da concepire come comprimari di sfondo o personaggi importanti. Idem per Nadia, tentativo di ragazza per Mattia. Per le situazioni, vengono lasciati in sospeso i rapporti tra Mattia e i genitori, il passato della cameriera della famiglia di Alice (che sembra quasi fosse una sottotrama che avesse dovuto avere più importanza ma poi tagliata per non allungare troppo il libro, ma che messa così ha poco senso), e la persona che Alice crede di aver visto fuori dall’ospedale, che non sapremo mai se è davvero che Alice credeva che fosse. E volendo, anche gli sviluppi degli studi di Mattia, che sembravano davvero epocali per il mondo della matematica.

Ma sono tutti (più o meno) particolari, piccoli difettucci che, ripeto, possono anche non essere tali ed essere trucchetti voluti e inseriti apposta dall’autore per simulare lo scorrere della vita vera, che spesso e volentieri ci allontana da persone che conosciamo senza approfondire la loro storia, e spessissimo lascia in sospeso domande senza che arrivi una risposta. Da questo punto di vista, quindi, è abbastanza riuscito, anche se potrebbe affinare la tecnica, per cercare di diminuire la sensazione di confusione che aleggia quando si percepiscono questi particolari.
La matematica, infine, è il fulcro del significato del libro: la spiegazione dell’evocativo (e furbo, diciamocelo) titolo del romanzo è una riflessione di Mattia, genietto della matematica fin dalle elementari, secondo cui lui e Alice sono come due numeri primi gemelli. I numeri primi infatti sono numeri solitari per antonomasia, essendo divisibili sono per uno o per se stessi, solitari senza via di scampo proprio come i due protagonisti. A volte però capita che due numeri primi siano così vicini da essere distanziati da un solo numero (per esempio il 17 e il 19), in quel caso si dicono gemelli. Proprio come Mattia e Alice, vicini nella loro solitudine ma non abbastanza da potersi toccare.

Un libro quindi che deve molto agli stilemi di certa narrativa di genere italiana e che non è esente da qualche pecca, ma che ha una trama intrigante anche quando affronta temi spesso da stereotipo (l’anoressia, la crisi matrimoniale, la distanza tra genitori e figli, l’omosessualità, il bullismo nelle scuole e si potrebbe andare avanti) e che sa commuovere grazie a del talento e a elementi furbi. Per essere un esordiente, mi ha convinto molto.
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: Paolo Giordano: La Solitudine dei Numeri Primi

Messaggioda Flash » sabato 13 settembre 2008, 12:24

Strano, io gli unici commenti che ho letto lo bollavano come illustre cavolata. quasi quasi mi fai venire voglia di leggerlo..
Saluti,
Flash
Avatar utente
Flash
Misero Kylioniano
Misero Kylioniano
 
Messaggi: 22
Iscritto il: lunedì 25 agosto 2008, 20:42
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Paolo Giordano: La Solitudine dei Numeri Primi

Messaggioda Bramo » sabato 13 settembre 2008, 16:21

Flash ha scritto:Strano, io gli unici commenti che ho letto lo bollavano come illustre cavolata. quasi quasi mi fai venire voglia di leggerlo..

Be', come ho scritto, spulciando nella rete non si fatica a trovare chi ha mosso critiche a questo romanzo, e non dubito che siano anche un buon numero... ma io ho letto anche commenti di gente che l'ha gradito assai. Al di là di tutto questo ( alla fine della fiera, i commenti e i pareri lasciano un po' il tempo che trovano, dato che entra molto in gioco il fattore del gusto personale, di quello che ogni lettore cerca in un libro, del proprio background culturale e via dicendo), è un libro che sicuramente vale la pena di leggere, per poi magari criticarlo ma che un'esplorazione la merita se non altro per capire le motivazioni che lo fanno restare in alto nelle classifiche di libri in Italia e che gli hanno fatto vincere il Premio Strega di quest'anno, oltre che per capire dove sta andando la narrativa italiana.

Io, come ho detto, mi sono approcciato al libro avendo letto sia commenti postivi che negativi con motivazioni sia di chi l'ha apprezzato sia di chi l'ha ritenuto un' "illustre cavolata", e quindi avendo aspettative altalenanti. Alla fine l'ho decisamente apprezzato pur con tutte i difetti e le pecche che ho sottolineato nel mio post, perchè al di là di certe ingenuità e certe piccole cadute in certi clichè e stereotipi, sa raccontare una storia articolata, che in realtà sono due storie che casualmente vengono a contatto e che contengono a loro volta tante altre storie; e inoltre sa comunicare emozioni. Tutto ciò poi dipende dall'orientamento di lettore che uno ha e dai generi che predilige, di certo per uno che ama i libri di Ammaniti e De Carlo non sarà difficile appassionarsi a questo libro, pur notando la differenza di esperienza che innalza questi due rispetto al giovane Giordano. Ma ovviamente anche chi non conosce questi due autori può approcciarsi tranquillamente al libro.
L'importante, secondo me, nei libri come in tutto è evitare idee preconcette, derivate da proprie convinzioni o idee che solidamente sono radicate in noi. Provare quel che si può, per poi magari restare della propria idea che si aveva, ma può anche capitare di rimanere piacevolmente sorpresi. :)

Quindi, Flash, se ti è venuta la voglia di leggerlo grazie al mio post, non posso che esserne contento e soddisfatto, così come chiunque altro che leggendo la mia recensione nel primo post di questo thread possa essersi anche solo incuriosito. Se poi, Flash (o chiunque altro) lo leggerai, non mancare di scrivere qui cosa ne pensi ;)
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: Paolo Giordano: La Solitudine dei Numeri Primi

Messaggioda Bramo » lunedì 03 novembre 2008, 22:43

Mentre a Lucca si svolgeva l'illustre fiera del fumetto, io per consolarmi del fatto che pure quest'anno lo saltata mi sono recato, ieri, a Gallarate (città della mia Minnie) dove si conludeva la settimana di "Duemilalibri", 7 giorni in cui erano presenti nella città stand delle librerie che vendevano tutti i libri scontati del 10% (e di questi tempi, non è poco) e che prevedeva incontri con autori non da poco, quali il padre di Lapo Elkann, Alain(scrittore e giornalista), Roberto Piumini, Flavio Caroli, Andrea Vitali, Don Antonio Mazzi.
Io mi sono recato ieri perchè c'erano ospiti due autori che mi interessava sentire: uno di questi era Paolo Giordano.

Intervistato da un critico, che sottoponeva le sue impressioni sottoforma di dialogo stimolante, Giordano ha potuto raccontare le emozioni che hanno animato il libro che è diventato il caso letterario dell'anno. Ha parlato dei caratteri dei personaggi, della sua visione della vita. A proposito dei due protagonisti, li ha definiti come dei perdenti in partenza, per via di quello cje segna le loro vite da piccoli, che però riescono a contrastare un destino avverso per conquistarsi un che di normalità, e questo più Alice che Mattia. Sottolinea una differenza di comportamento tra i due - più disfattista e rassegnato lui, più alla ricerca della felicità che le sembra negata lei - e il significato di "numeri primi" come sentimento umano avvertito da Mattia, ma Giordano spiega che anche gli altri personaggi di contorno sono anime travagliate, numeri primi solitari per la loro stessa essenza.
Stimolato dall'intevistatore, è saltata fuori l'immagine del "pallottoliere divino", che delinea in simbolo com'è la vita per Giordano: lui più che divino l'ha considerato caotico, proprio per evidenziare come per lui la maggior parte delle nostre azioni sia determinata dal caso, non dalla nostra volontà, e che secondo lui in fondo chi scrive (come chi fa lo scienziato o il matematico) è proprio quello di provare a dare un ordine alla vita, come per costruirne un pallottolliere ordinato.
Infine si è toccato l'argomento genitori: loro e gli adulti in genere non fanno una gran figura nel libro, ma Giordano spiega che non è una cosa voluta, e che in realtà cercava solo di stigamtizzare una figura che stigmatizzata non è, quella di un ruolo che dovrebbe servire da mentore per i giovani ma che è difficile da essere.
Infine, domande dal pubblico.

L'impressione che mi ha dato questo ragazzo (tra un mese compirà 26 anni) è molto positiva, un ragazzo timido e riservato, si vede, ma che mostra un'intelligenza molto spiccata e riflessiva, a tratti filosofica. Un tipo simpatico, gentile e bravo con le parole anche "a voce", oltre che scritte. Di profilo, inoltre, è identico a Charlie Pace di Lost!
Un incontro interessante e pieno di spunti, in defnitiva.
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times


Torna a Narrativa a 360°

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy