Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Robert Sheckley] Opzioni

Qui è dove si parla di storie, di storie che parlano di cose che magari non sono successe davvero ma che potrebbero anche o che sono successe tanto tempo fa. Quel che è certo è che spesso ci toccano più di quanto non facciano le storie vere di cui siamo testimoni tutti i giorni.

[Robert Sheckley] Opzioni

Messaggioda max brody » giovedì 11 agosto 2011, 18:08

Immagine

La bocca del serpente secerneva fantasie.
Direi che questa frase riassume bene lo spirito del romanzo. Tanto per spoilerare senza pudore né vergogna, sappiate che Mishkin, il protagonista della storia, aspetterà che quel serpente si rimpicciolisca per catturarlo con una bottiglietta di aspirina. Al robot che lo accompagna e che gli chiede cosa se ne farà, risponderà: Lo conservo finché non verrà il momento in cui potrò vivere nella fantasia.. Nel capitolo successivo, Mishkin dirà ad alcuni giocatori di carte che in realtà loro si trovano sull'orlo di un burrone, ma questi, convinti di trovarsi in un locale, cadranno dal burrone.

Cioé, qui siamo dalle parti della Quadrilogia di Dio, di Scuola di fumetto e di La storia finita. Siamo in piena Metanarrativa Pura. Qui ci sono Vonnegut e Douglas Adams portati agli estremi (e, nel caso di Adams, prima che lo facesse Adams). C'é anche Philip K. Dick, fino a metà romanzo circa, poi Sheckley si butta nella follia più pura.

Oddio, l'ho chiamato "romanzo", "storia": ho esagerato. O forse no? Forse è l'essenza stessa del "romanzo", inteso come forma più esplicita di narrazione. In fondo, qui c'é un Autore che ad un certo punto interviene in prima persona per smuovere una trama rimasta bloccata (come Mishkin è rimasto bloccato sul pianeta Harmonia) e di punto in bianco inventa un'altra trama, con altri personaggi, per smuovere indirettamente la prima. Senza riuscirci.

Oddio, ho parlato di "follia": sì, è vero, è un romanzo folle. Ma è una follia ragionata, alla Ortolani, alla Adams, alla Vonnegut (appunto), è un grande omaggio di Sheckley ai topoi della narrativa fantascientifica (di cui ha fornito anche grandi prove serie, come La decima vittima, da cui Elio Petri ha tratto un film) e della narrativa in sé, è un romanzo sul fare romanzi, facendone uno e al tempo stesso non facendolo; un grande gioco, che, come tutti i giochi, è futile solo in apparenza.

Lo trovate su Urania n.689 del 1976.
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1392
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times

Re: Robert Sheckley: Opzioni

Messaggioda Bramo » giovedì 11 agosto 2011, 19:18

max brody ha scritto:
Lo trovate su Urania n.689 del 1976.

Pare molto interessante, ma... la Mondadori o chi per lei non l'ha ristampato in un'edizione più recente, per caso? :)
Andrea "Bramo" L'Odore della Pioggia
Osservate l'orrendo baratro su cui è affacciato l'universo! ... senza spingere...

LoSpazioBianco.it: nel cuore del fumetto!

SEGUI LOSPAZIOBIANCO SU:
Twitter | Facebook
Avatar utente
Bramo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 4687
Iscritto il: mercoledì 09 gennaio 2008, 12:51
Has thanked: 18 times
Been thanked: 62 times

Re: Robert Sheckley: Opzioni

Messaggioda Valerio » venerdì 12 agosto 2011, 01:10

E vedo robba buona in appendice...
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10315
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: Robert Sheckley: Opzioni

Messaggioda max brody » venerdì 12 agosto 2011, 10:10

Bramo ha scritto:
max brody ha scritto:
Lo trovate su Urania n.689 del 1976.

Pare molto interessante, ma... la Mondadori o chi per lei non l'ha ristampato in un'edizione più recente, per caso? :)

Ahimé, secondo il catalogo Vegetti esiste solo un'altra edizione, anch'essa Mondadori, del 1989. Difatti in Italia di Sheckley è noto praticamente soltanto La decima vittima e quel poco che compare nelle antologie di Fruttero&Lucentini...

Grrodon ha scritto:E vedo robba buona in appendice...

Due-tre-quattro paginette con qualche strip smontata e spalmata sulla pagina. Comunque Urania era una gran collana, oltre a Johnny Hart (di cui ha pubblicato anche uno speciale, oggi quasi introvabile), ci ficcava dentro anche Il laureato di Novelli e qualcos'altro che non ricordo (penso lo facesse per non far saltare la foliazione)... ha pubblicato anche 3 volumi, nel 2000, di cui uno su Jeff Hawke (l'ho! - e sbavo). Peccato che dopo quelli non abbia più pubblicato fumetti...
Per fortuna i numeri vecchi anni '70-'80-'90 si trovano facilmente all'usato :sun:
Immagine
Ottimo lavoro.
Avatar utente
max brody
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1392
Iscritto il: martedì 19 aprile 2011, 10:13
Has thanked: 17 times
Been thanked: 23 times


Torna a Narrativa a 360°

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy