Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Studio Deen] Higurashi no Naku Koro ni

Nota al pubblico occidentale perlopiù per poche opere iconiche, l'animazione orientale si rivolge al più vasto dei target possibili e prende in esame le infinite sfaccettature dell'essere umano.

[Studio Deen] Higurashi no Naku Koro ni

Messaggioda Koizumi6456 » lunedì 29 ottobre 2012, 18:14

(Quando piangono le cicale)

Immagine


Non so quanto serie tanto violente ed esplicite vengano seguite qui sul Sollazzo, ma mi interesserebbe non poco il parere dei vari utenti su questa qui.

L'anime è l'adattamento di una serie di sound novel giapponesi per pc prodotte dalla 7th Expansion, di cui il primo episodio, Onikakushi-hen (= rapiti dai demoni), è stato distribuito nell'agosto 2002. Come genere siamo a metà tra un horror e un thriller, a tratti molto violento ed esplicito, a tratti anche drammatico.
Il gioco è suddiviso in 4 "question arcs", che compongono i 26 episodi della prima stagione, in cui vengono presentati la storia e i personaggi; e 4 "answer arcs", di cui solo due trasposti nella seconda stagione, durante i quali i misteri vengono man mano risolti (sottolineo che le stagioni vanno visionate entrambe altrimenti il rischio è di bollare tutto quanto come "senza senso").

Da Wikipedia riporto la trama generale:

Higurashi no naku koro ni si svolge durante il giugno del 1983, in un villaggio rurale immaginario di circa duemila abitanti di nome Hinamizawa (雛見沢?), basato sul villaggio Shirakawa, patrimonio dell'umanità.
Il personaggio principale, Keiichi Maebara, si trasferisce ad Hinamizawa e diventa amico delle sue compagne di classe Rena Ryugu, Mion Sonozaki, Rika Furude e Satoko Houjou. Keiichi partecipa alle loro attività del club del dopo-scuola, che consistono soprattutto in giochi da tavolo e giochi di carte (con relative punizioni per il perdente, ovvero di solito lui stesso). Inizialmente Hinamizawa appare come un villaggio rurale normale e pacifico agli occhi di Keiichi, tuttavia la tranquillità termina improvvisamente dopo l'annuale Festival del Watanagashi, una celebrazione per commemorare e ringraziare il dio locale, Oyashiro. Keiichi viene infatti a conoscenza del fatto che negli ultimi quattro anni una persona era stata uccisa e un'altra era scomparsa proprio il giorno del Festival. Keiichi stesso diventa presto teso a causa degli strani eventi relativi al Watanagashi e a Oyashiro.



La trama viene sviluppata ad archi (per i quali c'è una spiegazione logica che evito di riportare per evitare grossi spoiler): ogni tot episodi il tempo si riavvolge. I personaggi rivivono sempre lo stesso periodo di tempo anche se con esiti differenti; in particolare ogni volta uno dei cinque protagonisti assume un ruolo predominante nello sviluppo della tragedia finale che conclude ogni ciclo.

Personalmente ho visto la serie tre-quattro anni fa quindi magari il mio giudizio non sarà molto preciso.
Sicuramente il punto di forza della serie è la trama, in alcuni punti molto forte e sviluppata con giudizio, in quanto lo spettatore viene accompagnato man mano e gli vengono mostrati ad ogni arco aspetti diversi, dettagli in precedenza nascosti che pian piano vanno a completare un puzzle complesso. L'unico difetto risiede secondo me nel finale durante il quale la suspance cala improvvisamente e la conclusione risulta lineare e quindi un po' banale. I personaggi sono semplici caratterialmente ma proprio per questo si inseriscono bene nell'ambientazione rurale tipica di quel filone giapponese horror da cui la serie prende spunto.
Dal punto di vista della realizzazione tecnica invece la serie presenta non pochi problemi, a cominciare da alcune animazioni non sempre realizzate in modo perfetto, anche se in media sono discrete. Anche la regia è altalenante: alcune sequenze rendono molto bene, riuscendo a far immedesimare lo spettatore con il personaggio principale; altre lasciano un po' a desiderare. Dal punto di vista dei disegni e dello stile vi è un miglioramento e anche un leggero cambiamento dalla prima alla seconda serie.

Comunque in generale imho è un'anime buono. So che come adattamento invece non è considerato granché, ma non avendo giocato le novel se non parzialmente non saprei esprimere un giudizio.
Immagine
Avatar utente
Koizumi6456
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 106
Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2012, 21:20
Località: Roma
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Higurashi no Naku Koro ni

Messaggioda Rebo » sabato 08 dicembre 2012, 18:59

Mi venne caldamente consigliato qualche mese fa, e poiché le atmosfere horror non mi dispiacciono affatto, iniziai a vederlo.

Ma ho desistito attorno al decimo episodio della prima serie, mi sembra...

Il problema è che l'animazione era talmente imbarazzante da distogliere la mia attenzione dalla storia... e a rincarare la dose c'erano i disegni. All'inizio le bambinette leziose che diventavano di punto in bianco maniache mostruose con gli occhi strabuzzati mi facevano anche ridere. Poi però ho raggiunto la saturazione e ho "staccato la spina".

Continuo in effetti a sentirmi dire che dovrei continuare, perché lo sviluppo della trama merita e serve pazienza. Mah... ci penserò.
Avatar utente
Rebo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1443
Iscritto il: sabato 03 dicembre 2005, 18:30
Has thanked: 1 time
Been thanked: 5 times


Torna a Anime

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy