Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Madhouse/Satoshi Kon] Paranoia Agent

Nota al pubblico occidentale perlopiù per poche opere iconiche, l'animazione orientale si rivolge al più vasto dei target possibili e prende in esame le infinite sfaccettature dell'essere umano.

[Madhouse/Satoshi Kon] Paranoia Agent

Messaggioda DeborohWalker » sabato 31 marzo 2007, 00:47

Immagine Immagine

Durante la realizzazione dei suoi primi tre film (Perfect Blue, Millennium Actress, Tokyo Godfathers) Satoshi Kon accumulò numerose idee, che però non poteva inserire nei lavori che stava realizzando... Così, per poterle mettere in pratica, e dedicarsi anche ad una forma d'animazione differente, per tempi e processo produttivo, rispetto a ciò che aveva sempre fatto, decise di dedicarsi ad una serie animata.

Paranoia Agent è una serie in 13 episodi, andati in onda per la prima volta in Giappone tra Febbraio e Maggio 2004, e ora finalmente raccolti in 3 DVD, in uscita anche in Italia, il primo dei quali è uscito mercoledì.

La trama si dipana di episodio in episodio ogni volta focalizzandosi su un diverso personaggio, presentato per la prima volta oppure appena intravisto in precedenza. A seguire l'indagine che si incentra su Shonen Bat ci sono i due detective della polizia giapponese, Ikari e Maniwa.
Ma personalmente, non posso assicurarvi nulla sulla trama, dato che dopo la visione del quinto episodio (l'ultimo di questo DVD) non ho la più pallida idea della direzione che prenderà la serie, potrebbe veramente accadere qualunque cosa. E questo lo considero decisamente un pregio.
Per ora, poi si vedrà, magari la serie piomba nella bruttura, ma conoscendo Satoshi Kon, ne dubito.
Bizzarro anche l'utilizzo dei cliffangher a termine episodio, che vengono realizzati da Kon non mostrando un colpo di scena, ma interrompendo la scena in uno snodo naturale della vicenda, riuscendo ugualmente a calamitare l'attenzione e la curiosità dello spettatore.
Le animazioni e i disegni, per essere una serie animata sono sicuramente di elevata fattura, e così la fotografia e la regia, che sperimenta più di quanto facciano i normali prodotti destinati alla tv. E un plauso anche per il doppiaggio italiano, decisamente ben riuscito, al di sopra della qualità media dell'ultimo periodo.

DVD 1

Il primo DVD è sicuramente ben realizzato. La confezione è impeccabile, la copertina è graficamente ottima, ed è un peccato doversene liberare. Perchè liberarsene, direte voi? Perchè a questo primo volume è allegato un cofanetto che raccoglierà i tre dischi della serie. O meglio, "solo" i tre dischi, non anche le confezioni. E in effetti è una scelta bizzarra, obbligando l'acquirente a decidere se tenere sullo scaffale i tre contenitori, o il cofanetto. Personalmente, opterò per quest'ultimo, perchè è davvero bello, e occupa anche meno spazio delle tre confezioni singole.
All'interno della confezione vi è anche un interessante booklet, che contiene la trascrizione di tutte le scritte giapponesi presenti nella serie (comunque sottotitolate sullo schermo, ma così sono disponibili anche su carta) e alcune spiegazioni sulla cultura giapponese e sui significati di alcuni nomi.
I contenuti extra del DVD sono un po' scarsi, riducendosi ad un'intervista con Satoshi Kon di 5 minuti, ma direi che la cosa è ammisssibile visto che questo disco contiene 5 episodi rispetto ai 4 episodi che saranno contenuti nelle prossime uscite.

Arriva Shonen Bat!
Tsukiko Sagi, ragazza responsabile del design di un pupazzo di enorme successo in Giappone, una sera viene assalita da un ragazzino di 10 anni, che va in giro sui rollerblade, armato con una mazza da baseball, e per questo soprannominato Shonen Bat.
Ricoverata in ospedale, Tsukiko viene interrogata dalla polizia, e in seguito anche da Kawazu, un giornalista che spera di raccogliere notizie sul misterioso assalitore.
Tornata a casa dall'ospedale, la ragazza controlla su Internet il guestbook del suo sito: molte persone si preoccupano per la sua salute, ma iniziano ad arrivare anche accuse che Tsukiko si sia inventata tutto.
Shonen Bat esiste realmente, o è solo un parto della mente di Tsukiko?

Piccola curiosità: l'infermiera che indica a Kawazu la stanza di Tsukiko ha un aspetto che ricorda molto la figlia di Gin in Tokyo Godfathers, anch'essa infermiera.

Le scarpe d'oro
Ichi è l'idolo delle folle. E' un ragazzino delle elementari, le sue compagne di classe stravedono per lui, è un campione nello sport, ed è il favorito per l'elezioni studentesche. Tutto fino a quando non si diffonde la notizia delle aggressioni di Shonen Bat, il cui identikit ha molto in comune con Ichi; da allora tutti i suoi compagni di classe inizieranno a prendere le distanze. Tutti, tranne Ushi, un suo compagno di classe che cercherà di stargli vicino in questo momento di difficoltà, ma Ichi inizierà a sospettare di lui credendo che sia responsabile di un complotto alle sue spalle.
Fino a diventare paranoico.

Double Lips
Harumi è una maestra di sostegno e assistente di un professore universitario; soffre però di disturbi d'identità, e di notte si "trasforma" in Maria, una prostituta sicuramente più spudorata della controparte odierna.
Le due personalità non convivono felicemente, anzi: comunicano tra di loro lasciandosi messaggi sulla segreteria telefonica e Harumi cerca in tutti i modi di sopprimere Maria, così da poter finalmente condurre un'esistenza tranquilla, ma si rivelerà un'operazione più complicata del previsto.
Comunque, inizia ad insinuarsi un dubbio: perchè Shonen Bat continua a colpire persone che sembrano voler essere assalite da lui?

Piccola curiosità: Lo sdoppiamento di personalità e alcune scene in cui Harumi "combatte" Maria, ricordano molto Perfect Blue

Il cammino del vero uomo
Masami è un poliziotto di quartiere, con famiglia e figli, ma che si intrattiene con prostitute. Si indebiterà con la yakuza, che richiederà interessi sempre più alti, per i quali Masami sarà costretto a procurarsi denaro in metodi non proprio leciti.

Il racconto del sacro guerriero
Bè, questo episodio è spiazzante. Cioè dopo quattro episodi con uno stile e un'atmosfera costante, abbastanza inquietante, con la minaccia di Shonen Bat che pendeva sempre sui nostri protagonisti, arriva il quinto episodio.
Che mischia le carte in tavola, chiarisce quanto visto fino a questo momento, e insinua nuovi dubbi nello spettatore.
E poi lo stile... boh. All'improvviso sembra di vedersi un episodio di Abenobashi.
non è un male, però di sicuro stupisce, e sicuramente era questa l'intenzione di Satoshi Kon.



Alla fine della visione dei primi cinque episodi, l'impressione è positiva. Storia accattivante, cinque episodi nei quali vengono presentati diversi personaggi interessanti e ricchi di sfacettature, e soprattutto molta curiosità sui punti ancora insoluti.

Ad esempio, il vecchietto che significato ha la complicata equazione che il vecchietto disegna col gesso sull'asfalto, e che darà per risultato uno?
E i disegni che poi inizierà a fare in ospedale sul pavimento?

Perchè Tsukiko guardando il tg dice di conoscere il ragazzo che si vede in tv, chiedendosi se possa essere cambiato da allora?
E a chi si riferisce? A Ichi o a Ushi?

Perchè Harumi, quando viene colpita da Shonen Bat, ha un trucco da clown in faccia?

Chi cavolo è il tizio delle anticipazioni, e perchè si ostina a parlare in un modo nel quale nessuno può capire nula?

Insomma, queste situazioni irrisolte, sono quelle che dovranno essere chiarite in futuro, ovviamente in mezzo ai nuovi misteri che verranno inseriti... Spero solo che il finale non lasci troppe cose insolute, altriemnti mi infurio un po'.

Trailer Americano

Opening
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 14 times

Re: Satoshi Kon: Paranoia Agent

Messaggioda RoM » sabato 31 marzo 2007, 16:26

Una nota pignola: perché The Girl Who Leapt through Time è "Madhouse" e Paranoia Agent è "Satoshi Kon" (tanto più che proprio Paranoia Agent è un'opera in cui gli apporti dei singoli membri dello staff hanno un forte peso)?

In Paranoia Agent Satoshi Kon e lo strutturatore della serie/sceneggiatore Seishi Minakami utilizzano un intreccio giallo come prestesto per mostrare un ritratto impietoso della società giapponese, messa sotto osservazione sotto molteplici punti di vista.
L'articolazione della serie in episodi costituisce la base per l'organizzazione della narrazione: ogni singolo episodio è impostato come un'unità a sé stante per tematiche, registro narrativo e stile, benché tutti siano funzionali all'affresco complessivo della serie; e il nono episodio ricrea a sua volta questa struttura nel suo interno, essendo costituito da varie sequenze eterogenee.
Questo porta a un'opera eterogenea anche nella riuscita qualitativa: a episodi molto convincenti se ne alternano altri più deboli, costituiti da semplici "pezzi di bravura" fini a se stessi.


DeborohWalker ha scritto:Insomma, queste situazioni irrisolte, sono quelle che dovranno essere chiarite in futuro, ovviamente in mezzo ai nuovi misteri che verranno inseriti... Spero solo che il finale non lasci troppe cose insolute, altriemnti mi infurio un po'.

Allora: in generale non restano molte cose veramente insolute, ma tieni presente che alcuni elementi sono puramente allegorici e la soluzione stessa del "giallo" è surreale... a seconda di cosa ti aspetti potresti restare deluso.
Avatar utente
RoM
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 229
Iscritto il: mercoledì 25 gennaio 2006, 13:34
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Satoshi Kon: Paranoia Agent

Messaggioda Rebo » sabato 31 marzo 2007, 17:28

Ecco, questa discussione era una di quelle nella mia lista "da aprire", ma non ne ho mai avuto il tempo... Fortunatamente ci ha pensato Deboroh.

DeborohWalker ha scritto:Per ora, poi si vedrà, magari la serie piomba nella bruttura, ma conoscendo Satoshi Kon, ne dubito.


E fai bene a dubitare - Come scrive Rom, ci sono episodi più deboli e apparentemente meno legati alla storia principale (ne potrei citare uno in particolare, ma evito spoiler sul contenuto: comunque quando uscirà il dvd verrà notato sicuramente. Non ricordo se è proprio il nono, citato da Rom). Eppure, il tutto rimane di qualità alta, e sopratutto profondamente koniano.

Deboroh, non guardare questa serie con un'ottica finalistica...

Nota: Paprika può essere considerato molto, molto semplicisticamente, una specie di Paranoia Agent - Il film
Avatar utente
Rebo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1443
Iscritto il: sabato 03 dicembre 2005, 18:30
Has thanked: 1 time
Been thanked: 5 times

Re: Satoshi Kon: Paranoia Agent

Messaggioda RoM » sabato 31 marzo 2007, 19:07

Rebo ha scritto:(ne potrei citare uno in particolare, ma evito spoiler sul contenuto: comunque quando uscirà il dvd verrà notato sicuramente. Non ricordo se è proprio il nono, citato da Rom)

Il nono è quello in cui [spoiler]alcune donne si raccontano a vicenda varie storie (ognuna di genere diverso e visualizzata con uno stile diverso).[/spoiler]E' questo l'episodio a cui ti riferivi?
Avatar utente
RoM
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 229
Iscritto il: mercoledì 25 gennaio 2006, 13:34
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Satoshi Kon: Paranoia Agent

Messaggioda Rebo » domenica 01 aprile 2007, 09:22

RoM ha scritto:E' questo l'episodio a cui ti riferivi?


No, però per quello hai ragione, è il più eterogeneo di tutti. Quello a cui mi riferivo io era quello

[spoiler]Dei tre fantasmi che cercano di "suicidarsi", che costituisce praticamente una storia a sé, in cui Shonen Bat entra solo per pochissimo nel finale. Tra l'altro, questo episodio (per quello che mi ricordo) ha forse lo stile di disegno più distante dalla media del resto della serie.[/spoiler]
Avatar utente
Rebo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1443
Iscritto il: sabato 03 dicembre 2005, 18:30
Has thanked: 1 time
Been thanked: 5 times

Messaggioda RoM » domenica 01 aprile 2007, 10:40

Capito. Comunque quell'episodio ha un suo senso dal punto di vista dell'analisi della società giaponese. Lo stile di disegno è quello di Satoru Utsunomiya (che ha, sì, uno stile "diverso", ma per me questo è un pregio).
Avatar utente
RoM
da Pk²
da Pk²
 
Messaggi: 229
Iscritto il: mercoledì 25 gennaio 2006, 13:34
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Re: Satoshi Kon: Paranoia Agent

Messaggioda DeborohWalker » lunedì 02 aprile 2007, 00:32

RoM ha scritto:Allora: in generale non restano molte cose veramente insolute, ma tieni presente che alcuni elementi sono puramente allegorici e la soluzione stessa del "giallo" è surreale... a seconda di cosa ti aspetti potresti restare deluso.


Oh, ma non sarebbe un problema.
Cioè, anche la spiegazione nel quinto episodio della questione di Shonen Bat, anche se completamente differente da quello che uno si aspettava, mi è comunque piaciuta.
Ha un suo senso, è assurda, ed è originale, ma comunque sensata.
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 14 times

Messaggioda DeborohWalker » martedì 18 settembre 2007, 20:40

DVD 2
Secondo DVD che rispetta gli standard del primo. Qualità audio/video ottima, confezione gradevole (ma tanto io ho optato per abbandonare i contenitori singoli e mettere i DVD nel cofanetto). I contenuti speciali non hanno nulla di realmente interessante, a parte lo storyboard completo del primo episodio (che poi qui non so che c'entri, avrebbe avuto più senso nel primo DVD)

Minacciata dalla furia degli elementi
Un nuovo punto di partenza per le indagini di Ikari e Maniwa. Queste partiranno dall'interrogatoro della anziana senzatetto, che ha assistito all'aggressione di Tsukiko, la prima vittima di Shonen Bat. Ma c'è davvero uno Shonen Bat?
Intanto la giovane Taeko ripensa al suo passato: dopo aver traslocato in una nuova casa, scopre un'inquietante azione di suo padre, il poliziotto Masami.
Queste due donne, senza alcun legame palese, si ritroveranno a vivere la stessa esperienza a distanza, senza alcuna apparente spiegazione.

MHZ
Nessun nuovo personaggio, nessuna vittima di Shonen Bat da presentare.
Perchè stavolta Shonen Bat in un certo senso attaccherà sè stesso, prima di continuare a vagare a piede libero per la città.
E un elemento che accomuna le vittime di Shonen Bat, porterà a chiedersi le motivazioni che portano ad agire questo criminale, attorno al quale si sta creando sempre più un alone di mistero.

Happy Family Planning
Tre utenti di una chat sul suicidio, organizzano un raduno durante il quale programmano di fare un suicidio di gruppo. I tre sono un grande omone, un vecchietto e, con stupore degli altri due, una bambina. I due tenteranno di suicidarsi in diversi modi, incrociando nel loro percorso Shonen Bat.
Uno degli episodi più divertenti, che riesce a trattare con leggerezza un tema ostico come il suicidio. E con un finale spiazzante.
Sarà per i tre personaggi caratterizzati molto bene e differenti tra loro, sarà per il vagabondare, ma questo episodio con gli sviluppi necessari l'avrei visto benissimo come lungometraggio alla Tokyo Godfathers.

Etc.
Quattro casalinghe raccontano diverse storie metropolitane che hanno a che fare con Shonen Bat: uno studente che inizia ad espellere tutte le nozioni apprese, una suocerache opprime la nuora, un dottore che commette un grave errrore in una fecondazione assistita, un ragazzo che cerca di proteggere la sua ragazza malata, un giocatore di baseball oppresso dal peso delle responsabilità, un pugile che durante l'allenamento subirà diverse tentazioni, un naufrago su un'isola deserta, e un politico corrotto che vuole assumere Shonen Bat.
Episodio dalla struttura bizzara, come se fosse un concentrato di tanti brevi cortometraggi; originale senza dubbio, e a mio parere anche riuscito.

Se gli episodi del primo DVD sono sembrati non del tutto chiari, aspettate di vedere questo. Molte certezze che sembravano finalmente raggiunte svaniscono nel nulla.
E quello che nel primo DVD sembrava un caso comunque abbastanza concreto, ora diventa onirico, con un filo conduttore piuttosto inspiegabile.
Comunque la qualità rimane costante, mantenendo alta la curiosità sul contenuto del terzo e ultimo DVD.

Unico dubbio che mi rimane dalla vista di questo DVD: come mai anche Tsukiko sviene quando Shonen Bat colpisce Taeko?
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 14 times

DVD 3

Messaggioda DeborohWalker » martedì 14 aprile 2009, 00:52

Orsù, vediamo di chiudere uno dei topic che ho lasciato in sospeso.

Maromi Dolce-sonno
Le nuove vittime di Shonen Bat sono i componenti dello studio che realizza il cartone animato di Maromi; all'improvviso tutti vengono uccisi, ma in realtà c'è qualcuno che commette gli omicidi, in un contesto in cui la realizzazione del prossimo episodio dell'anime sembra avere la precedenza su qualunque altra cosa...
Questo potrebbe essere considerato una sorta di Drago Riluttante giapponese, che mostra allo spettatore i ruoli presenti all'interno di uno studio d'animazione giapponese e il processo che si segue per realizzare una serie animat<a; certo, tutto è molto meno sorridente e scintillante rispetto al film-documentario sullo Zio Walt, in parte per le atmosfere thriller di Paranoia Agent, ma in parte anche perché nel Sol Levante i ritmi e le scadenze sono molto più pressanti.

Senso Vietato
Shonen Bat va a visitare una signora che ha perso ogni interesse nella vita, che sembrerebbe quindi la sua vittima ideale
Anche se mi stavo rassegnando all'idea; la donna però dimostra una forza d'animo invidiabile, e pare non volersi arrendere ai colpi della mazza d'oro.
Quando ormai avevo perso ogni speranza di ottenere una spiegazione conclusiva per le incursioni di Shonen Bat, ecco arrivare una conferma definitiva della sua natura metafisica, con una visibile trasformazione nel mostro che tutti temono; simpatiche anche le scene al cantiere tra ex-poliziotto e ex-ladro.

Radarman
Un supereroe si mette sulle tracce di Shonen Bat, per onorare il suo vecchio maestro; anche se l'episodio in sè non è granchè, e i parallelismi tra il killer e Maromi sono abbastanza inspiegabili, serve a fornire quello che forse è la giusta ottica con la quale va interpretata la serie.
Finora, visto il setting realistico della serie, mi era venuto da ricercare risposte e una logicità in tutto, à la LOST, ma l'inserimento di questo eroe fornisce una modalità nuova attraverso la quale potrebbe essere interpretato tutto l'anime, nonostante il format sia considerabile come un insieme di episodi autoconclusivi tenuti assieme in modo forzato.
Ma tutto viene rimandato alla...

Ultima Puntata
Un finale epico, a modo suo, con alcuni dei protagonisti già visti impegnati ad affrontare una sorta di Lostzilla, una nube nera che dovrebbe essere la nuova incarnazione di Shonen Bat, che si conferma essere un agente della paranoia umana, come il titolo suggeriva vagamente. E anche la spiegazione del primo "attacco" di Shonen Bat, a mio parere ci sta, ed è sufficientemente affascinante per dare un minimo di senso a tutta la storia.
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 14 times


Torna a Anime

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy