Home The Disney Compendium il Fumettazzo

[Scrittura Mista] Victory Through Air Power

E' lo studio d'animazione più antico ma anche il più vitale. Tutto comincia da qui, e continua ancora oggi portando l'arte dell'animazione verso nuove frontiere. La mancanza di un nome riconoscibile ha portato per anni il grande pubblico a confonderne le opere con quelle delle altre filiali Disney, ma adesso tutto è cambiato. Benvenuti nel Canone Disney.

[Scrittura Mista] Victory Through Air Power

Messaggioda Valerio » martedì 21 marzo 2006, 02:21

Immagine Immagine
Pare strano che nella categoria dei film Disney a scrittura mista che ha sempre visto come regola generale d'inclusione una percentuale di animazione inferiore a quella live action, sia presente questo stranissimo lungometraggio di propaganda bellica che dell'animazione fa un larghissimo utilizzo. Certo, i contenuti e la forma ne fanno idealmente più un documentario divulgativo, di certo non un film d'intrattenimento che si possa tramandare di generazione in generazione, e infatti la maggior parte dell'animazione presente è composta di schemi e frecce. E' proprio per poterlo editare che Leonard Maltin ha creato l'occasione giusta, inserendo nella line up dei Treasures il preziosissimo On The Front Lines, in cui oltre ai corti d'intrattenimento a tema bellico ha avuto la premura di infilare quelli sponsorizzati e una selezione di materiale destinato ad istruire i soldati sul funzionamento delle loro armi. Come il Treasure Behind the Scenes of the Walt Disney Studios era il pretesto per editare Il Drago Riluttante, Questo prezioso cofanetto offre quindi per la prima volta dalla sua apparizione l'inedito Victory Through Air Power, lungometraggio di poco più di un'ora che rappresenta un unicum nella produzione animata Disney.
Nel 1943 l'esercito americano aveva praticamente preso in ostaggio lo studio di Walt convertendo la maggior parte della produzione animata in materiale che servisse per la causa bellica. Questo lungometraggio deriva però dall'entusiasmo personale di Walt verso il trattato omonimo scritto dall'ufficiale russo Alexander de Seversky, naturalizzato statunitense, che predicava la vittoria contro l'asse se si fosse puntato quasi completamente sull'aviazione: comprati i diritti, Walt invita lo stesso Seversky a "recitare" nel lungometraggio, illustrando le sue idee e i suoi schemi tattici. Il film si può suddividere idealmente in tre tronconi, della durata di una ventina di minuti ciascuno: la prima parte è quella che al giorno d'oggi è rimasta maggiormente fruibile. Si tratta di una storia dell'aviazione raccontata con stile cartoonoso, che va dal volo dei fratelli Wright ai primi impieghi bellici dell'aviazione. Abbastanza estrapolabile e molto gradevole, specialmente i primi contrasti aerei tra nazioni durante la prima guerra mondiale, nella buffa scena del mattone.
Si passa poi ad una seconda parte più seria in cui si inizia a introdurre la parte live action. Si racconta la biografia di Seversky tramite un album animato di...foto live action, per spostarsi poi sul setting vero e proprio del film che è l'ufficio di Seversky, che con un certo anticipo sulle apparizioni televisive di Walt si muove per lo studio con alle spalle modellini e librerie. Seversky introduce la seconda parte animata, una sintesi dei primi anni della seconda guerra mondiale, narrata con uno stile realistico. Non appaiono personaggi ma veicoli e ci sono parecchie scene spettacolari, come la soggettiva delle bombe che vengono sganciate o la scena dell'attacco a Pearl Harbor. Sicuramente però il livello di dettaglio con cui vengono raccontati gli avvenimenti (una prospettiva tipica di chi in quegli eventi ci è immerso) rende questo secondo troncone assai meno fruibile del primo. Ma niente in confronto alla terza parte, una mezz'oretta piuttosto pesante in cui Seversky tramite cartine e schemi parzialmente animati illustra alcune proposte per attaccare il Giappone, facendo uso di aerei capaci di percorrere lunghe distanze. Quello che è il punto d'arrivo del film, e il motivo per cui era stato prodotto all'epoca diventa oggi la sua parte più debole e meno fruibile, anche per un pubblico assai aperto. Il finale del film è però da applausi a scena aperta: dopo aver illustrato i modi per conseguire la vittoria Seversky si fa da parte per mostrare una scena finale metaforica in cui l'America riesce ad aver ragione del Giappone, rappresentati idealmente da un aquila imponente (forza aerea) e una viscida ed enorme piovra (forze navali). L'animazione, gli effetti, e la musica forniscono alla scena un respiro incredibile, creando un climax potente che fa dimenticare gli ultimi momenti di noia.
Il lungometraggio rappresenta forse uno dei pochissimi casi in cui un prodotto artistico ha influenzato la storia, dal momento che Churchill lo adorò e lo mostro immediatamente a Roosevelt, adottandone i consigli immediatamente. Insomma, quello che per noi è un prodotto quasi completamente infruibile non va certo dimenticato, anche solo per i grandi meriti avuti sul campo.

Il film è presente su Youtube suddiviso in dieci parti.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10360
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Messaggioda DeborohWalker » martedì 03 febbraio 2009, 16:32

Ho visto al Future Film Festival il trailer di questo film sperduto; tra l'altro l'ho cercato su YouTube, dove è stato caricato circa un annetto fa.

Le animazioni sono veramente molto belle, l'approccio serio al tema è una trovata originale, e se non mi sbaglio potrebbe essere il primo caso di prodotto d'animazione che non vuole unicamente "divertire".
Pare che il film, visto da Churchill e Roosvelt, sia addirittura riuscito a fargli cambiare opinione diventando così una delle poche opere artistiche ad avere una forte influenza su eventi politici che hanno modificato la Storia.
L'idea mi interessa particolarmente, ho dato un'occhiata sul Mulo e lì pare sia disponibile, proverò a dargli un'occhiata.
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Messaggioda DeborohWalker » martedì 03 marzo 2009, 15:13

Sono riuscito a recuperarlo per vederlo, e il giudizio come previsto è positivo.

Il film può essere suddiviso idealmente in 3 parti.
La prima parte, realizzata con uno stile più cartoonesco e umoristico rispetto alle successive, è una sorta di storia dell'aviazione, partendo dai primi tentativi di volo dei fratelli Wright, per passare poi ai primi utilizzi anche a fine bellico, con esiti spesso piuttosto goffi.
La seconda parte comincia ad utilizzare uno stile molto più realistico, nel quale gli umani non si vedono quasi, se non attraverso le silohuette che ne delineano le forme, o un personaggio (che non ho ben capito che personalità fosse, ma doveva essere qualcuno d'importante) che si rivolge in sequenze live-action direttamente allo spettatore, dal suo studio pieno di scaffali e cartine geografiche. Questa parte può essere considerata quasi un documentario, che spiega come sono stati utilizzati gli aerei nella prima guerra mondiale e come gli avversari stiano gestendo i propri attacchi nel corso della seconda.
La terza parte invece è una vera e propria propaganda delle forze aeree, e di come gli aerei potrebbero essere utilizzati per vincere la guerra, attraverso la messa in scena di vere e proprie strategie possibili e simulazioni.

Il film visto oggi fa un effetto strano: siamo abituati a vedere film di guerra in cui in realtà la morale è pacifista, e quindi è bizzarro assistere a un'opera il cui il messaggio di fondo è quello di utilizzare l'arma in grado di sterminare nel modo più efficace i nemici, attraverso scene forti come il bombardamento di intere zone giapponesi. E pensare che il luogo comune sui film animati Disney sono le principesse con gli occhioni e le creaturine della foresta.
E' molto efficace la metafora finale che occupa l'ultimo minuto della pellicola, una scena animata in cui un'aquila attacca una piovra soprassedendola, chiara trasposizione delle forze americane (di cui l'aquila è un simbolo) contro le potenze navali giapponesi che si diffondono per tutti gli oceani.
Deboroh troppppppppo Web 2.0!
Nerdlandia - Facebook - Blog - Flickr - Youtube
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Disney: Victory Through Air Power

Messaggioda Valerio » mercoledì 26 maggio 2010, 13:36

-Aggiunta finalmente la mia recensione di Victory!
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10360
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times

Re: [Scrittura Mista] Victory Through Air Power

Messaggioda Andrea87 » venerdì 15 novembre 2013, 15:11

stavo vedendo 'sto corto della concorrenza



è una frecciatina alla disney il fatto che Bugs all'inizio irrida il libro (parodiato in Victory through Hare power, cioè la vittoria attraverso la forza dei conigli) da cui è tratto questo prodotto???
Immagine
Avatar utente
Andrea87
Mickey Mouse Mystery Addicted
Mickey Mouse Mystery Addicted
 
Messaggi: 729
Iscritto il: lunedì 06 luglio 2009, 15:13
Località: Milazzo (ME)
Has thanked: 23 times
Been thanked: 5 times

Re: [Scrittura Mista] Victory Through Air Power

Messaggioda Valerio » venerdì 15 novembre 2013, 15:23

Direi di sì, considerando anche che c'è la parodia ai Gremlins del lungometraggio Disney poi cancellato.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10360
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 127 times


Torna a Walt Disney Animation Studios

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Cookie Policy