Home The Disney Compendium il Fumettazzo

Lo Zio Walt e i suoi Principi

E' lo studio d'animazione più antico ma anche il più vitale. Tutto comincia da qui, e continua ancora oggi portando l'arte dell'animazione verso nuove frontiere. La mancanza di un nome riconoscibile ha portato per anni il grande pubblico a confonderne le opere con quelle delle altre filiali Disney, ma adesso tutto è cambiato. Benvenuti nel Canone Disney.

Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Valerio » sabato 23 giugno 2007, 01:08

Immagine
No, non voglio parlare di aria fritta. Ritengo che uno dei grandi meriti di Walter Elias Disney sia stato quello di trasmettere la sua filosofia da New Deal rooseveltiano, in modo sempre efficace e mai banale. La miglior pedagogia è quella che diverte e non camuffa maldestramente i suoi intenti, e sicuramente se Walt ha voluto comunicarci qualcosa l'ha sempre fatto con grande sincerità e simpatica schiettezza. Walt del resto era figlio del suo tempo, un tempo, la Grande Depressione, che ha lasciato nel suo personaggio-ritratto Mickey Mouse un'impronta ben precisa. E basta leggersi il Topolino di Gottfredson o qualunque storia di Scarpa per capire quali siano i valori che dovrebbero stare alla base di quello che al giorno d'oggi è diventato un vero e proprio impero. Eppure gira e rigira le tematiche affrontate rimangono le stesse. Lo scopo di questo topic è quello di tracciare un vero e proprio elenco di nuclei tematici comuni, presenti nelle opere di Walt Disney e dei suoi eredi.


1. E' quello che fai con quello che hai che conta: Innanzitutto dall'intero operato di Walt emerge una filosofia fortemente meritocratica, che elogia quelli che si sanno dar da fare. E in special modo quelli che riescono ad arrivare da qualche parte utilizzando al meglio le proprie risorse, unendo l'utile al dilettevole e volgendo i propri handicap in punti di forza. Walt Disney dal nulla ha tirato su un impero che dura ormai da un secolo, e ci è riuscito facendo le cose che più gli piacevano e più lo divertivano. E la reinterpetazione che fa in The Grasshopper and The Ants della fiaba della Cicala e la Formica è il punto focale di questo suo modus operandi: se nella fiaba originale la Cicala veniva mandata via dalla formica e andava incontro alla morte, qui le cose vanno ben diversamente e la Cavalletta viene invece incentivata dalle formiche a continuare la sua attività di violinista mettendola però al servizio della comunità e trasformando così il suo vagabondaggio in un legittimo lavoro. Un altro esempio è Dumbo, il film per eccellenza in cui le capacità vengono utilizzate al meglio, visto che per l'intera durata quegli stessi mezzi non sembravano essere altro che un intralcio, uno scherzo di madre natura. E non è il solo elefante ad aver messo a frutto i propri mezzi in tal modo: un altro celebre "diverso" disneyano è Elmer, nella Silly Simphony Elmer Elephant che si riscatta proprio grazie alle caratteristiche che l'avevano reso lo zimbello della giungla. E infine come non ricordare il film a scrittura mista Tanto Caro al Mio Cuore, deliziosa commediola che offre uno spaccato di quella che può essere stata l'infanzia di Walt. In questo film implicitamente autobiografico, a far da mentore al protagonista Jerry è un gufo animato che insegna che il valore di un trionfo è dato proprio dalla penuria di mezzi a propria disposizione.

2. C'è una stella su nel ciel che ogni sogno può appagar: Aiutati che il ciel t'aiuta, e infatti una piccola componente della filosofia di Walt è deliziosamente esoterica. E' giusto darsi da fare ma nel frattempo anche sperare non guasta. Bisogna avere fede, dice il gatto Rufus alla piccola Penny, triste perchè non viene adottata in Le Avventure di Bianca e Bernie (La fede è un uccellino blu che vedi distante, è fermo e sicuro come un astro brillante. Non puoi averlo o comprarlo, non si fa catturare, però c'è ed è proprio lui che fa tutto avverare). L'ultimo film d'animazione creato dalla old school disneyana porta avanti una filosofia nata già con Biancaneve e i Sette Nani e portata a perfezionamento da Pinocchio e Cenerentola. Le canzoni principali di questi tre lungometraggi, Il Mio Amore un Dì Verrà, Una Stella Cade e I Sogni Son Desideri, guarda caso sono infatti completamente dedicate a chiunque creda che al cadere di una stella i sogni diventino realtà. E il principio più famoso dello Zio Walt è stato portato avanti negli anni fino a lambire lavori più recenti come La Sirenetta e Atlantis - L'Impero Perduto.

3. A volte l'uomo si crede un gigante: You are never too old, to be young, fa una canzone scartata da Biancaneve e i Sette Nani. Ed è tutta una questione di target. Sbaglia chi dice che Disney si rivolgeva ai bambini, perchè tutto ciò che ha fatto in vita sua puntava a trovare quella via di mezzo, quel modo di raccontare le cose che potesse essere perfettamente intelleggibile per un bambino e allo stesso tempo interessante per un adulto. Trovare un punto di contatto tra adulto e bambino, suscitare in entrambi le stesse emozioni e abbattere infine le barriere era il vero obiettivo di Disney. Non dimentichiamo che Disneyland nacque perchè Walt si annoiava a portare sua figlia ai giardinetti e sognava qualcosa che potesse coinvolgere anche lui. Ma se un bambino è assolutamente più avvicinabile dal punto di vista emotivo, con gli adulti è più difficile, perchè col tempo si sono inariditi e hanno perso di vista concetti astratti come la fantasia. Incantarli, meravigliarli e farli ridere è la strada che Disney intraprende in età matura, con la creazione di quei tre punti d'arrivo che sono Le Avventure di Peter Pan, Disneyland e Mary Poppins. La condanna all'ingrigimento e all'inaridimento è già presente però, in tono minore, in Alice nel Paese della Meraviglie, in cui si suggerisce l'esistenza di un proprio mondo ideale da contrapporre alla grigia realtà di tutti i giorni. Questo mondo, che verrà poi incarnato da Peter Pan l'anno dopo, inizierà a contaminare il mondo degli adulti ponendosene decisamente in contrasto grazie alla memorabile figura del Sig. Darling, un adulto fatto e finito che solo nel finale si concederà un momento di meraviglia, nello scorgere in cielo un oggetto che non vedeva da quando era bambino. E infine Mary Poppins nella sua lucida follia consacrerà questo principio riuscendo a convertire gradualmente l'adulto per antonomasia George Banks. Sarà quindi Mary Poppins, con i suoi voli nel soffitto, le sue gitarelle all'interno dei quadri e "una gamba di legno di nome Smith" che raccoglierà questa meravigliosa e definitiva eredità.

4. Guardiamo oltre, aprendo nuove strade e facendo cose nuove: Poco prima di morire Walt Disney aveva cambiato la faccia del cinema d'animazione, creando il primo corto sonoro, il primo cartone a colori, il primo lungometraggio d'animazione, il primo film stereofonico, il primo film in cinemascope e via dicendo. Nei suoi ultimi anni aveva promosso in lungo e in largo Tomorrowland, la sezione di Disneyland dedicata al futuro, proponendo documentari divulgativi in televisione e specificando che il suo mondo non si componeva di sola Fantasyland, ma andava ben oltre. Questo chiodo fisso del futuro, questa paura di non essersi spinto abbastanza in là, questo terrore di essere infine arrivato ad un limite si rifletteva bene nei suoi discorsi. Di qui l'invito ad andare sempre avanti, non accontentandosi mai dei propri successi e anzi vedere di buon occhio anche i fallimenti, dai quali si impara sempre qualcosa di buono. Si può fare di più e di meglio per migliorare il mondo dell'intrattenimento, era il messaggio che cercava di dare alle future generazioni. La morte lo colse nel Natale del '66 proprio mentre si apprestava ad approdare nelle sale cinematografiche Il Libro della Giungla, che con un certo distacco si prendeva gioco di una filosofia di vita come quella di Baloo (Lo Stretto Indispensabile) diametralmente opposta ai veri principi del buon senso, incarnati invece da Bagheera. Ma di certo, nè Baloo, nè l'In Fondo al Mar di Sebastian, nè Timon & Pumbaa che col loro Hakuna Matata avrebbero portato avanti l'antifilosofia disneyana del pensare in piccolo, vanno visti negativamente, ma con una certa dose di humor. Certo è che la vera voce di Walt la si può sentire nelle parole di Long John Silver de Il Pianeta del Tesoro e nei I Robinson - Una Famiglia Spaziale, lungometraggio esplicitamente dedicato a Walt e al suo Tomorrowland che fa del Keep Moving Forward la sua stessa ragione d'esistere.

5. Non è quello che si vede ma quello che c'è dentro che conta: Pare che la lezione sia stata imparata bene dagli artisti della Walt Disney Feature Animation, che negli anni 90 hanno prontamente provveduto ad aggiungere un nuovo principio alla lista, usandolo in dosi ingenti. L'invito a non fermarsi alle apparenze è ben presente infatti ne La Bella e la Bestia, Aladdin, Il Gobbo di Notre Dame, Hercules e Mulan, mentre si traduce nella spinta a trovare un punto di contatto tra due realtà differenti in Pocahontas, Tarzan, Lilo & Stitch e Koda, Fratello Orso.
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times

Messaggioda DeborohWalker » sabato 23 giugno 2007, 08:39

E ti consegnò questi principi su tavole di pietra?
Avatar utente
DeborohWalker
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2005, 13:43
Località: Bologna
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Messaggioda Francesco F » sabato 23 giugno 2007, 09:08

beh, visto che la battuta l'hai fatta tu, la faccio anch'io, che in un primo momento volevo evitarla...


"Zio Walt e i suoi Principi":
Io ero rimasto alle Principesse Disney.


Spero che la discussione riprenda un corso serio, cmq :P
Avatar utente
Francesco F
Amministratore Abusivo
Amministratore Abusivo
 
Messaggi: 5282
Iscritto il: martedì 29 novembre 2005, 00:43
Has thanked: 66 times
Been thanked: 8 times

Messaggioda Lumiére » domenica 24 giugno 2007, 18:39

Che cos'è una cena senza un po' di... musica!
Avatar utente
Lumiére
Misero Kylioniano
Misero Kylioniano
 
Messaggi: 10
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2006, 20:46
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Messaggioda Valerio » domenica 24 giugno 2007, 19:24

Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times

Messaggioda Morgan Fairfax » lunedì 25 giugno 2007, 18:10

Concordo pienamente con Grrod, Mickey Mouse è proprio il prototipo dell'americano medio speranzoso nel futuro e fiducioso nelle proprie capacità di far andare tutto per il meglio.
E comunque un 3d simile volevo aprirlo io ;_;
Potrete ingannare tutti per un pò.
Potrete ingannare qualcuno per sempre.
Ma non potrete ingannare tutti per sempre.
Avatar utente
Morgan Fairfax
da X-Mickey
da X-Mickey
 
Messaggi: 84
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2005, 13:22
Località: Galatina (LE)
Has thanked: 0 time
Been thanked: 1 time

Messaggioda Lumiére » lunedì 25 giugno 2007, 19:17

Che cos'è una cena senza un po' di... musica!
Avatar utente
Lumiére
Misero Kylioniano
Misero Kylioniano
 
Messaggi: 10
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2006, 20:46
Has thanked: 0 time
Been thanked: 0 time

Messaggioda Valerio » lunedì 25 giugno 2007, 19:30

Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times

Messaggioda Rebo » martedì 26 giugno 2007, 20:11

Avatar utente
Rebo
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1443
Iscritto il: sabato 03 dicembre 2005, 18:30
Has thanked: 1 time
Been thanked: 5 times

Messaggioda Morgan Fairfax » martedì 26 giugno 2007, 22:09

Potrete ingannare tutti per un pò.
Potrete ingannare qualcuno per sempre.
Ma non potrete ingannare tutti per sempre.
Avatar utente
Morgan Fairfax
da X-Mickey
da X-Mickey
 
Messaggi: 84
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2005, 13:22
Località: Galatina (LE)
Has thanked: 0 time
Been thanked: 1 time

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Valerio » venerdì 10 gennaio 2014, 14:33

Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Dapiz » venerdì 10 gennaio 2014, 15:24

Avatar utente
Dapiz
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1144
Iscritto il: sabato 17 dicembre 2005, 17:40
Località: Padova
Has thanked: 0 time
Been thanked: 15 times

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Valerio » giovedì 16 gennaio 2014, 16:42

Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Mason » giovedì 16 gennaio 2014, 18:10

Tutti hanno parenti stronzi.
<Grrodon> Sì ma a 15 anni è troppo vecchia
Avatar utente
Mason
Monster Allergico
Monster Allergico
 
Messaggi: 605
Iscritto il: martedì 12 febbraio 2013, 02:15
Has thanked: 1 time
Been thanked: 26 times

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Don Homer » giovedì 16 gennaio 2014, 23:52

Ovviamente i detrattori ci daranno dentro. Penso che Disney sia una delle cose su cui la gente ama gettare merda insieme a SUperman e MLP.
Avatar utente
Don Homer
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 1264
Iscritto il: giovedì 26 luglio 2012, 12:30
Località: Latina
Has thanked: 14 times
Been thanked: 40 times

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Valerio » venerdì 27 giugno 2014, 13:42

Immagine

John Musker ha fatto una caricatura di Meryl Streep che svilisce Emma Thompson, in riferimento al recente fattaccio.

Bellissimo disegno!
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times

Re: Lo Zio Walt e i suoi Principi

Messaggioda Valerio » mercoledì 10 settembre 2014, 09:29

Li piazzo qua per il momento.

A quanto pare Saving Mr. Banks ha fatto scuola, e così ora sono in arrivo non uno ma ben due biopic su Walt, entrambi indipendenti. La cosa strana è che sono in concorrenza tra di loro e sembrano coprire la stessa parte della sua vita.

As Dreamers Do



Walt Before Mickey

Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26
Località: Padova
Has thanked: 65 times
Been thanked: 128 times


Torna a Walt Disney Animation Studios

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron

Cookie Policy