Home Chat The Disney Compendium
di Valerio
il Fumettazzo
di Valerio

[L'Osservatorio #1] I forum e la critica ai tempi del web

L'editoriale del Sollazzo. Qui si raccolgono gli articoli che esplicitano il punto di vista della nostra redazione sul mondo delle arti mediatiche e in cui la più appassionata e ragionata delle riflessioni tenta di essere più obiettiva e costruttiva possibile. Mica poco, guagliò.

[L'Osservatorio #1] I forum e la critica ai tempi del web

Messaggioda La Redazione » lunedì 09 settembre 2013, 08:09:24

I forum e la critica ai tempi del web


Immagine


La critica propriamente detta, nel mondo del fumetto, in Italia non esiste. Certo, esistono alcune persone che producono contenuti editoriali per case editrici che si occupano di fumetto, e le edicole presentano un pugno di riviste che si occupano della nona arte. Ma è una goccia nell’oceano, specie considerando comunque la diffusione di fumetto (soprattutto popolare) presente nel nostro Paese.

Inevitabilmente la maggior parte degli appassionati troverà informazioni, recensioni, news e riflessioni sullo stato del fumetto – e dell’animazione, e delle serie tv… in sostanza di tutte quelle che possiamo definire “arti mediatiche” – nel web, che però non offre tanto un panorama professionale, quanto piuttosto delle realtà che potremmo definire di matrice amatoriale. E tra queste, i forum di discussione sono l’emblema di come può cambiare il modo di fruire il fumetto negli anni dall’alfabetizzazione digitale.

I forum non sono altro che un luogo virtuale nel quale si può parlare di un determinato argomento: ma, perlomeno per quanto riguarda il mondo del fumetto italiano, sono spesso visti da addetti ai lavori e utenti stessi come un’arena nella quale scontrarsi, creando spesso tensioni tra le parti in causa per alcuni commenti espressi. Il grande equivoco che sta alla base di questa dinamica è che i forum non sono altro che la versione digitale e leggermente più strutturata di una discussione da bar, dove non c’è pretesa di esprimere critiche motivate ma semplicemente si manifesta il proprio parere riguardo una certa questione. Certo, un forum è più strutturato di una chat, ci sono regolamenti e persone che li fanno rispettare, ma ciò non toglie che considerare i forum tematici come una spia generale sui pareri di chi fruisce il prodotto rischia di far perdere la giusta ottica di valutazione di questo mezzo di comunicazione.
Esempi di tutte queste dinamiche si possono trovare senza problemi online, vedi alla voce Papersera e Comicus.

Arriviamo alla Tana del Sollazzo: a che pro un “editoriale”, strumento tipico delle testate giornalistiche, su un forum? Chiarisco subito, per prevenire eventuali malelingue: non pensiamo di essere i migliori, pensiamo solo che questo forum ha delle particolarità rispetto agli altri, che in parte superano le problematiche appena evidenziate.
Il Sollazzo è una realtà piccola, selettiva ma in modo naturale e non forzoso, che nonostante un numero ristretto di utenti resiste da 7 anni nel web e ha una sua precisa linea editoriale. Non mancano i problemi e il lato più goliardico di vivere il forum (il nome dice tutto), ma la qualità e la serietà sono una dote che hanno sempre contraddistinto questo spazio.

Spazio che può vantare un’eredità importante: è di fatto l’evoluzione del primo forum dedicato a PK, che si attesta tra i primi (se non il primo a tutti gli effetti) esperimenti di creare community online in Italia dedicate ad un fumetto. E l’invito partiva proprio dall’editoriale sul Numero Zero di PKNA, firmato dalla futura direttrice di Topolino Valentina De Poli, così che PK tra le tante innovazioni portate nel fumetto del Bel Paese introduceva anche quest’idea che, nel 1996, era tutt’altro che banale. La Tana del Sollazzo si pone quindi come l’ultimo e più durevole anello di quella catena partita 17 anni fa, capace di ampliarsi e approfondire il proprio approccio nel corso degli anni ma rimanendo fedele al proprio DNA.

In secondo luogo è da notare come l’obiettivo iniziale del forum fosse quello di essere un’intersezione tra le utenze dei diversi forum tematici: la matrice comune di chi si interessa di fumetto Disney, fumetto americano, fumetto europeo, animazione Disney, animazione in generale, cinema, serie televisive, videogiochi (le “arti mediatiche”, appunto) si trova in una realtà strutturata in modo tale da abbracciare l’insieme più variopinto di queste istanze, raccogliendo l’utenza più trasversale dei forum specializzati in una sola di queste passioni.

L’utenza più trasversale coincide spesso con le persone più preparate, attente e curiose, dotate solitamente anche di una certa capacità di analisi e di esposizione: connubio questo che da un lato ha spesso allontanato chi non mirava a tanto nella propria esperienza da forum, dall’altro ha permesso a chi rimaneva di costruire qualcosa di significativo all’interno del forum. Alcuni utenti sono riusciti addirittura a trovare lavoro nel settore fumettistico.
Certo, non tutte le aree del forum sono coperte in egual misura e competenza, ma chiunque si senta di poter dire qualcosa in merito agli argomenti che si trattano sul forum è il benvenuto per contribuire a renderlo sempre più completo. Questo “melting pot” di interessi permette dunque al Sollazzo di costituire una comunità matura, con l’obiettivo di aprire la mente a chi lo frequenta e di evitare punti di vista univoci, che a volte si possono riscontrare in forum monotematici.

Risulta allora più comprensibile la voglia di creare un punto preciso del forum in cui la politica editoriale cui si accennava prima prenda forma in maniera esplicita, attraverso un osservatorio ragionato dell’intrattenimento mediatico.
E’ un modo per affermare la propria identità, la quale non rinnega il DNA da forum ma cerca comunque di andare anche oltre, immergendosi nell’attualità delle discussioni sulle arti mediatiche.

--Bramo
Avatar utente
La Redazione
 
 
Messaggi: 236
Iscritto il: giovedì 18 luglio 2013, 15:28:55
Has thanked: 0 time
Been thanked: 41 times

Re: [L'Osservatorio #1] I forum e la critica ai tempi del we

Messaggioda Daria » giovedì 12 settembre 2013, 10:10:35

Sono felice di vedere che il progetto di cui si parlava da tempo è venuto alla luce e mi pare davvero un ottimo inizio!

In effetti l'idea di un "editoriale" per un forum sembra un po' strana, tuttavia trovo che, specialmente per questo spazio virtuale, sia abbastanza appropriato, soprattutto dopo i mille discorsi sull'esistenza stessa del sollazzo e sulla sua natura, che in effetti ha l'ambizione (non velleità di certo) di abbracciare tutti i campi dell'arte mediatica in modo abbastanza completo!

Da persona che ha soprattutto un approccio, per citarti, goliardico, ho potuto imparare e confrontarmi su molti argomenti all'interno di questo forum, che ben presto è diventato un punto di riferimento per quello che riguarda la critica, non intesa come sterile e fredda opinione analitica di un prodotto mediatico, ma come argomentazione costruttiva ed interessante, nonché competente e, per l'appunto, trasversale riguardo collegamenti, riferimenti ed influenze.
Oltretutto sono anche una novellina nei forum e trovo che il fatto di poter parlare di una propria passione con chi la condivide e magari ne ha una conoscenza più o meno approfondita sia veramente magnifico!

Sperando che la realtà dei forum e in particolare di questo riceva l'attenzione giusta,
attendo i prossimi articoli de "l'osservatorio" ;)
Avatar utente
Daria
Mickey Mouse Mystery Addicted
Mickey Mouse Mystery Addicted
 
Messaggi: 743
Iscritto il: martedì 02 aprile 2013, 17:00:37
Has thanked: 13 times
Been thanked: 24 times

Re: [L'Osservatorio #1] I forum e la critica ai tempi del we

Messaggioda Valerio » giovedì 12 settembre 2013, 12:41:56

Diciamo che era una rubrica dovuta, ecco. E il motivo per cui ho commissionato al bravo Bramo un primo articolo atto a definire il Sollazzo, è perché ritengo che ce ne fosse bisogno. Perché questo forum è più un qualcosa che si impara a conoscere e amare dall'interno, mentre dall'esterno...bé, possono sorgere perplessità.

Che poi è anche la sua croce e delizia: l'attività c'è, senza dubbio, anche se di gran lunga minore rispetto ad altri forum specializzati in un singolo argomento, eppure in confronto ad essi la qualità degli interventi è maggiore. Chi si iscrive al Sollazzo lo fa perché già iscritto altrove, e successivamente attirato qui dalla presenza di alcuni utenti che già conosce là e che hanno una buona nomea. Ma per tutti quanti il Sollazzo è una sorta di "secondo step", nessuno se l'è mai andato a cercare in prima battuta. Perché quando si googla qualcosa, si mira a qualcosa nello specifico, non certo un forum multiargomento (considerando che di forum multiargomento ne esistono di pessimi, e assolutamente non esaurienti).

Eppure questa cosa del "secondo step", con tutto quello che comporta in termini di affluenza, si è rivelata nel corso degli anni una maledizione/benedizione. Benedizione perché filtra i troll e perché chi approda qui si ritrova per forze di cose ad avere una mentalità più aperta, e meno focalizzata su un'unica cosa, con tutto ciò che questo comporta in termini di discussione sana. Maledizione perché a occhio nudo, non sempre questo viene colto. E non sono state poche le persone, anche tra gli addetti ai lavori, che nel corso degli anni si sono dimostrati scettici o poco rispettosi nei confronti di questo spazio. Commenti quali "Ah, ma di preciso a che servirebbe un Papersera 2?" "Ah, ma esistete ancora? Non eravate morti? O siete sempre i soliti quattro gatti che ve la cantate e suonate da soli?" me li ricordo bene, e non ci hanno certo fatto piacere.

Essere una realtà piccola, una sorta di giardinetto/salottino ci ha permesso per ben otto anni di mantenere alta la bandiera della qualità, ma penso che ormai questa qualità faccia parte di questo posto in maniera tanto profonda che possiamo anche pensare ad espanderci ulteriormente senza il timore di snaturarci. Perché penso che un po' di considerazione in più questo posto la meriti. Ecco perché quest'estate ho avviato un restyling totale e completo del Sollazzo. Oltre alla presenza di questa rubrica, ideata assieme a Bramo, adesso abbiamo una nuova grafica, per gentile concessione di Isa, che ha realizzato i magnifici banner dinamici con i personaggi, e di Vito che si è invece occupato di rifare il look alle immagini delle cartelle. Inoltre è stata rilanciata a pieno regime la pagina facebook del Sollazzo, che grazie a Breda funziona in pieno sincrono con gli account di G+ e Twitter, e che ho riconcepito però come una sorta di vetrinetta per i migliori contenuti forumistici, con lo scopo di condurre lì l'avventore, evitando in questo modo che il social network fagocitasse il forum. Insomma, è un continuo work in progress fatto di piccoli accorgimenti e grandi ristrutturazioni, mirate a migliorare l'esperienza che questo centro di discussioni vuole offrire.

Detto questo, spero che tutte queste novità vi piacciano, ecco.
Immagine
Avatar utente
Valerio
Walter Elias Disney
Walter Elias Disney
 
Messaggi: 10077
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2005, 15:26:05
Località: Padova
Has thanked: 63 times
Been thanked: 122 times

Re: [L'Osservatorio #1] I forum e la critica ai tempi del we

Messaggioda LBreda » giovedì 12 settembre 2013, 16:07:48

In un momento in cui il Sollazzo sta cercando di far notare un po' di piú la sua essenza, necessariamente evolvendo qualcosa, anche attraverso questa nuova rubrica, iniziare con un editoriale come questo mi è parsa un'ottima idea.

Perché mai come ora il Sollazzo sembra, anche dall'interno, poter rischiare di snaturarsi, di diventare qualcosa che non è e che non voleva essere. Il lanciarsi potentemente sui social necessita di aggiornamenti continui, che corrono il rischio di sacrificare la qualità per la quantità. Il cercare di farsi conoscere su larga scala rischia di trasformarci in un forum generalista di quelli che tanto non ci piacciono. La creazione di una rubrica come L'Osservatorio rischia di farci sembrare un sito di critica, pure piuttosto bloggheggiante, cosa che a nessuno di noi interessa essere.

Descrivere ora cosa sia il Sollazzo, questo sito cosí strano che ha la forma di un forum ma non ne ha la sostanza, è qualcosa di davvero necessario. Necessario per far capire a chi ci trova cosa siamo, necessario per tranquillizzarci sul fatto che la direzione che stiamo prendendo è quella giusta: non stiamo perdendo nulla di quel che ci ha portati qui, e sappiamo ancora benissimo chi siamo.

In una Internet popolata di siti di critica che raramente sono fondati su qualcosa che non siano i due estremi del vendersi e del cercare il pelo nell'uovo, in una Internet popolata da forum, come detto nell'editoriale, che sono poco piú che luoghi di chiacchiere da bar, noi ci distinguiamo con la nostra identità tutta particolare.

Non un sito di critica, perché quando facciamo critica lo facciamo senza smettere di amare profondamente ciò di cui stiamo parlando. Non un bar, poiché cerchiamo di dire qualcosa, quando scriviamo.

Siamo La Tana del Sollazzo, un gruppo fatto di persone piú che di nick. Persone che hanno una passione per quelle che qui sono state definite "arti mediatiche", passione abbastanza forte da farli incontrare (e scontrare) davvero. Persone per le quali il forum e la chat sono strumenti utili per confrontarsi (e, perché no, far conoscere anche in giro questi confronti: è leggendoci che ci siamo trovati, e che altri si uniscano a noi allo stesso modo è cosa auspicabilissima) e per le quali stanno diventando strumenti utili anche i social network. Persone che sono però legate da qualcosa di diverso dalle tecnologie che usano, qualcosa che non rischia minimamente di venir cambiato da una modifica di paradigma online.

Non siamo migliori di altri, anzi, ciò che ho descritto crea forse fin troppi problemi (si tende a parlare real life piuttosto che qui col rischio di impoverire le discussioni, e le cose che altrove si risolvono con un ban qui si risolvono con tutta la difficoltà dei rapporti personali). Siamo semplicemente diversi. Diversi in un modo che, nonostante tutto, ci piace un sacco.

Ecco, mi auguro che questo tentativo di pubblicizzazione ci faccia conoscere per quello che siamo. Una realtà cosí strana che spesso lascia interdetti, ma una realtà che non si trova altrove. E che merita di essere non tanto conosciuta, quanto vissuta.
Lorenzo Breda
Website | Google+ | DisneyStats | deviantART

If you couldn't find any weirdness, maybe we'll just have to make some!
Hobbes, Calvin&Hobbes

[No bit was mistreated or killed to send this message]
Avatar utente
LBreda
Pker d'annata
Pker d'annata
 
Messaggi: 3295
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 19:46:46
Località: Roma
Has thanked: 15 times
Been thanked: 49 times


Torna a L'Osservatorio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Cookie Policy