Il Cugino di Campagna

Esopo da Oscar

Con The Country Cousin le Silly Symphony tornano alle favole di animali, adattando un celebre racconto di Esopo: Il Topo di Campagna e il Topo di Città. La storia originale raccontava di un topolino di fattoria che andava a far visita al cugino di città, sperimentando uno stile diverso dal proprio. Dopo aver constatato che alla gran quantità di cibo presente su quelle tavole imbandite corrispondevano angosce e preoccupazioni, il piccolo roditore decideva di tornarsene alla sua vita tranquilla. La morale spingeva chiaramente ad accontentarsi di ciò che già si ha, in maniera non troppo dissimile da un'altra Silly Symphony prodotta due anni prima con protagonista sempre un topolino: The Flying Mouse. Nella versione Disney lo scenario è chiaramente attualizzato e il topo di campagna e quello di città sono due cugini, chiamati rispettivamente Abner e Monty, come scopriamo leggendo il telegramma con cui si apre il corto. Questa nuova favola Disney animata incontra i favori del pubblico e della critica, al punto che The Country Cousin vince addirittura l'Oscar come miglior cortometraggio di quell'anno.

La Flemma di Abner

Nei suoi nove minuti di durata The Country Cousin racconta con calma la sua storia, presentando in maniera immediata le differenti personalità di Abner e Monty, distinti chiaramente dal differente abbigliamento. Visivamente siamo ad un livello sempre più alto: gli sfondi sono elaboratissimi, mentre gli animatori principali del cortometraggio, Les Clark e Art Babbit, fanno propria la lezione di Norman Ferguson, che in questi anni attraverso il personaggio di Pluto sta letteralmente ridefinendo i principi stessi dell'animazione Disney. La pantomima di Abner ricorda infatti quella del cucciolone, e anticipa per certi versi quella di Cucciolo in Biancaneve e i Sette Nani, in uscita l'anno successivo. Nella sua parte centrale il cortometraggio però rallenta decisamente, soffermandosi in una lunga sequenza nella quale Abner, per la prima volta di fronte ad una tavola imbandita, dà vita a gag basate sulla sua goffaggine. Sotto un'ottica moderna però la scena è decisamente troppo prolissa e non particolarmente divertente: Abner si ubriaca, si incastra nel pane, litiga con la gelatina, e non fa nulla di troppo incisivo. Il cortometraggio riprende decisamente quota nel finale con la bellissima sequenza della sua fuga, nella quale il caos cittadino si trasformerà quasi in un personaggio, spaventando a morte il povero topolino.

di Valerio Paccagnella - Laureato in lettere moderne, è da sempre un grande appassionato di arti mediatiche, con un occhio di riguardo per il fumetto e l'animazione disneyana. Per hobby scrive recensioni, disegna e sceneggia. Nel 2005 fonda “La Tana del Sollazzo”, piattaforma web per la quale darà vita a diverse iniziative, fra cui l'enciclopedico The Disney Compendium e Il Fumettazzo, curioso esperimento di critica a fumetti. Dal 2011 collabora inoltre anche con Disney: scrive articoli per Topolino e Paperinik, e realizza progetti come la Topopedia e I Love Paperopoli.

Scheda tecnica

  • Titolo originale: The Country Cousin
  • Anno: 1936
  • Durata:
  • Produzione: Walt Disney
  • Regia: Dave Hand, Wilfred Jackson
  • Storia: ,
  • Basato su: Il Topo di Campagna e il Topo di Città di Esopo
  • Musica: Leigh Harline
  • Animazione: Paul Allen, Art Babbit, Johnny Cannon, Les Clark, Jack Hannah, Milt Shaffer, Marvin Woodward, Cy Young

Credits

Nome Ruolo
Paul Allen Animazione
Art Babbit Animazione
Johnny Cannon Animazione
Les Clark Animazione
Bill Cottrell Storia
Walt Disney Produttore
Esopo Storia Originale (Il Topo di Campagna e il Topo di Città)
Dave Hand Regista
Jack Hannah Animazione
Leigh Harline Musica
Ferdinand Huzsti Horvath Layout
Wilfred Jackson Regista
Dick Rickard Storia
Milt Shaffer Animazione
Marvin Woodward Animazione
Cy Young Animazione